Fertile Ground (2011)

Fertile Ground (3)Dopo aver esordito alla regia con l’apprezzabile Autopsy (2008), l’attore e sceneggiatore Adam Gierasch – che ha scritto filmacci con bestiacce tipo Spiders (2000), Crocodile (2000) e Rats (2003) – decide di fare prodotti banali e scontati, esattamente come questo Fertile Ground di cui è anche co-sceneggiatore. Viene aiutato alla scrittura dal fido Jace Anderson, con cui lavora di solito.
Prodotto dalla After Dark Films, esce in video negli USA il 24 maggio 2011: l’IMDb riporta una uscita italiana del 26 ottobre 2011, ma non esistono prove di una qualsiasi edizione nella nostra lingua.

Quanto ci metterà Emily Weaver (Leisha Hailey) a capire di abitare una Ghost House?

Quanto ci metterà Emily Weaver (Leisha Hailey) a capire di abitare una Ghost House?

Emily Weaver (Leisha Hailey) è stata incinta solo per poche settimane, perché ora ha perso la figlia e scopre che non potrà più averne. Con il marito Nate (Gale Harold) decide di cambiare vita e va a vivere in campagna nella casa di loro antichi parenti. William e Mary Elizabeth Weaver si sposarono nel 1846 ma hanno in comune la stessa data del matrimonio dei nostri eroi: il 2 febbraio.
I due coniugi nascondono sotto il tappeto il dolore per la figlia persa e cercano di voltare pagina ripulendo la catapecchia e intanto Nate continua a distanza la sua attività di pittore di successo, trasformando in studio il capanno degli attrezzi.
Mentre i minuti di film si susseguono lenti e scontatissimi, inizia la storia ancora più scontata: i fantasmi dei coniugi Weaver ancora infestano la casa.

Una Ghost House con tutte le cose al loro posto

Una Ghost House con tutte le cose al loro posto

Questo però non è un film di fantasmi, come può sembrare all’inizio, perché le apparizioni fugaci dei precedenti inquilini lasciano spazio a qualcosa di diverso: è la casa stessa ad essere un’entità diabolica che si impossessa di chi ci abita. E tutte le donne che la abitano restano incinta, anche la povera Emily a cui era stato detto di rinunciare ad un figlio.
Ma la casa dà e la casa toglie, così chi non è disposto a stare ai suoi piani finisce male: anche solo provare ad allontanarsi dal vialetto costa ad Emily un dolore fortissimo, prova che è ormai schiava della casa.

Guardare "La notte dei morti viventi" in una Ghost House è... geniale!

Guardare “La notte dei morti viventi” in una Ghost House è… geniale!

Particolarmente sgradevole è il ruolo del marito Nate, ma tutto si spiega alla fine, quando Fertile Ground mostra le sue carte e si svela essere null’altro che una scopiazzata di Shining: invece di riempire fogli con la stessa scritta, il marito di questa storia continua a dipingere quadri bianchi… cioè non li dipinge.

Scopiazzata da "Shining", mutatis mutandis

Scopiazzata da “Shining”, mutatis mutandis

Malgrado il tentativo degli sceneggiatori di aggiungere ulteriori elementi alla ricetta (peraltro banalissimi e scontatissimi) questo film rimane una minestra fredda e andata a male, deludente sotto tutti i punti di vista. Si salvano giusto un paio di inquadrature felici, ma al di là di questo va tutto buttato nel cestino della spazzatura.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House, Inediti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Fertile Ground (2011)

  1. Pingback: Fractured (2013) | Il Zinefilo

  2. Pingback: Bilancio zinefilo del 2014 | Il Zinefilo

  3. Pingback: [Italian credits] Shining (1980) | Doppiaggi italioti

  4. Pingback: Stash House (2012) Assedio con Dolph | Il Zinefilo

  5. Pingback: Crocodile 2 (2002) Death Swamp | Il Zinefilo

  6. Pingback: [Multi-Recensioni] Horror su Prime Video (2) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.