Submerged (2000) Trappola negli abissi

Submerged1La piccola casa produttrice Phoenician Entertainment – che i lettori Zinefili ricorderanno per Venom. Pericolo strisciante (2001) – due anni prima di chiudere i battenti lancia una grande sfida: vuole riunire i peggiori attori sulla piazza… e far indossare loro i peggiori vestiti disponibili!
Affida così al prolifico regista Fred Olen Ray, specializzato in filmacci di serie Z, il compito di portare su schermo una delle rozze sceneggiature di Steve Latshaw, reduce da un paio di film con divi marziali (Memorial Day con Jeff Speakman e Agent Red con Dolph Lundgren): ecco dunque nascere Submerged.
Uscito in patria il 24 ottobre 2000, la CVC lo porta in VHS italiana già il 10 gennaio 2001 con il titolo Trappola negli abissi: non esistono tracce di alcuna altra edizione. Risulta un passaggio televisivo il 17 aprile 2005 su Raidue.

Lo spietato Jeff Cort (interpretato dal rapper anni Novanta Coolio)

Lo spietato Jeff Cort (interpretato dal rapper anni Novanta Coolio)

Il cattivo Owen Cantrell (interpretato dal caratterista “cattivo” per eccellenza degli anni Novanta Tim Thomerson) ingaggia il perfido e spietato Jeff Cort (interpretato dal rapper anni Novanta Coolio) per rubare una fenomenale arma nucleare: il Thunderstrike.
I criminali e i loro complici fanno tutto sotto il naso del proprietario della casa produttrice, il ridicolo Buck Stevens (piange il cuore a vedere in questo ruolo buffonesco il decano Dennis Weaver). Però ad essere rubata è stata solo l’arma, manca il software per controllarla, così decidono di trasportarlo – eh, lo so, non si “trasporta” un software, ma non fate domande! – in aereo con l’aiuto di due geniali agenti della CIA: Jim Carpenter e i suoi baffetti da sparviero (Maxwell Caulfield) e Mack Taylor e il suo mento che uccide (Brent Huff).
L’aereo però viene fatto cadere dai terroristi così da recuperare ciò che serve loro per attivare le armi: mentre il velivolo affonda, chi arriverà per primo a recuperare il suo contenuto?

Il ridicolo Buck Stevens e il suo ridicolo cappello (Dennis Weaver)

Il ridicolo Buck Stevens e il suo ridicolo cappello (Dennis Weaver)

Non è stato affatto facile scrivere questa trama, e probabilmente ci sono degli errori: il fatto è che la storia è talmente ingarbugliata e confusa, con un mare di personaggi tutti uguali tra di loro (ci sono almeno quattro bionde, indistinguibili!) e in genere è talmente cialtronesco che è difficile mantenere l’attenzione per più di pochi secondi.
Vorrei poi richiamare l’attenzione sul protagonista, Brent Huff. Forse non tutti riconosceranno in lui il devastante interprete di alcuni filmacci obbrobriosi degli anni Ottanta: basterebbe citare Il colpo segreto del ninja (1985) per darvi l’idea della sua carriera, ma voglio fare di peggio. Nel 1987 il nostro Bruno Mattei vide al cinema Predator e volle fare un film ruvido in cui plagiare almeno una scena: l’anno dopo esce Trappola diabolica con Brent Huff protagonista. In confronto il mostro di Predator è molto più espressivo…

Brent Huff, che non ha mai imparato almeno una seconda espressione facciale...

Brent Huff, che non ha mai imparato almeno una seconda espressione facciale…

Trappola negli abissi ha degli ottimi spunti ma è tutto offuscato dagli orripilanti vestiti anni Novanta che indossano gli attori, delle mostruosità che renderebbero goffi e inguardabili anche dei fotomodelli professionisti. Come abbiamo fatto a sopravvivere a certa moda?

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Disastri Aerei e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Submerged (2000) Trappola negli abissi

  1. Pingback: Venom – Pericolo strisciante (2002) | Il Zinefilo

  2. Pingback: Collision Course (2013) Terrore ad alta quota | Il Zinefilo

  3. Pingback: Red Water (2003) Terrore sott’acqua | Il Zinefilo

  4. Pingback: Miller 7. Submerged (2016) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.