Giù le mani dal mio periscopio (1996)

Giù le mani dal mio periscopio (5)Era da poco approdato in Italia l’indimenticabile sit-com Frasier e l’attore Kelsey Grammer era il mio nuovo idolo: sapevo che ’sto film era una bojata ma non potevo perdermelo!
Un regista schivo come David S. Ward, che si ricorda per il mito di Major League (1989), porta su schermo una storia scritta da Hugh Wilson, il “papà” di Scuola di polizia (1984): Down Periscope.
Uscito in patria il 1° marzo 1996, arriva nei cinema italiani il 13 giugno successivo con il titolo Giù le mani dal mio periscopio. La FOX Video lo porta poi in VHS italiana dal 13 dicembre 1999, e in DVD dal 16 dicembre 2004.

Kelsey Grammer e Lauren Holly

Kelsey Grammer e Lauren Holly

La Marina americana è disperata: il capitano Tom Dodge (Kelsey Grammer) continua a presentare richiesta perché, dopo anni di addestramento di alto livello, gli venga alfine assegnato un meritato sottomarino nucleare. L’ammiraglio winslow (Rip Torn) però non se la sente di puntare su un uomo troppo imprevedibile, così decide di iscrivere Dodge ad uno dei giochi di guerra organizzati dall’Ammiraglio Graham (Bruce Dern).
Credendo di essere stato messo a capo di un fenomenale sottomarino ultimo modello, Dodge scopre invece che gli è stato affidato un vecchio diesel residuato della Guerra di Corea: rimesso in sesto, dovrà con esso battere le navi dell’ammiraglio Graham che gli daranno la caccia. In special modo quella di un vecchio amico-nemico come il capitano Knox (William H. Macy).
Grazie ad un equipaggio sgangherato – a cui per errore partecipa anche la marinaia Emily (Lauren Holly), sebbene sia vietato portare donne a bordo – come è facile immaginare Dodge con buon senso ed umorismo saprà affrontare ogni situazione nel modo… peggiore!

Il capitano Tom Dodge (Kelsey Grammer)

Il capitano Tom Dodge (Kelsey Grammer)

Inutile negarlo, il prodotto è grezzo e drammaticamente anni Novanta: ogni personaggio è una macchietta che sembra uscito da un programma per bambini, eppure… Be’, non nego che una seconda visione, ad anni di distanza, è stata più clemente. Quando lo vidi all’epoca (su Pay-TV) mi sembrò una minchiata da dimenticare, ma ora qualche sorriso l’ha strappato: è ancora una minchiata, ma si è visto di peggio.
Kelsey Grammer conferma la sua bravura nei ruoli brillanti e sopra le righe: all’epoca provò anche a fare qualcosa di drammatico ma onestamente non aveva la faccia giusta.

L.

amazon

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Sottomarini e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Giù le mani dal mio periscopio (1996)

  1. Cassidy ha detto:

    Devo averlo anche visto, circa una vita e mezza fa… Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Visto una vita e mezza fa pure io… Non è che me lo ricordi poi molto, in effetti. Ma quel po’ po’ di cast principale che si ritrova dovrebbe comunque avergli impedito di toccare il fondo (giusto per stare in argomento) 😉

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: Phantom (2013) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.