[Asylum] Zombie Apocalypse (2011)

Zombie_ApocalypseFra una bestiaccia e l’altra, la collaborazione della famigerata casa di produzione The Asylum con il canale televisivo Syfy continua in tutti i generi e il 29 ottobre 2011 va in onda infatti il primo episodio di una trilogia di morti viventi: Zombie Apocalypse di Nick Lyon, regista che recentemente abbiamo trovato alla guida di altri filmacci come Bullet (2014) ed Hercules Reborn (2014).
La fedele Minerva Pictures, voce italiana della Asylum, porta il film nelle nostre videoteche il 18 luglio 2012.

Il modo migliore per far fuori gli zombie... è il cattivo gusto!

Il modo migliore per far fuori gli zombie… è il cattivo gusto!

C’è davvero bisogno di parlare di un concetto così antiquato e superato come la “trama”? C’è davvero bisogno di sottolineare che Zombie Apocalypse non ne ha? E perché dovrebbe? Il mondo cambia e il cinema va avanti: ancora a cercare trame? Ci si aggiorni, perbacco!
L’unico elemento positivo di questo film – e trovarne è davvero più difficile che sopravvivere all’apocalisse zombie – è che non ammorba lo spettatore con il solito, trito, ritrito, nauseante e dilaniante racconto inutile di come “tutto è iniziato”, scalino dove inciampa il 99% delle storie zombie: abbiamo visto miliardi di film identici a questo, sappiamo benissimo come tutto inizia, quindi basta chiacchiere stupide e andiamo avanti ad ammazzare morti viventi.
Il gradino successivo, dove inciampa il 100% delle storie zombie, è quello del “come sopravvivere”. Come si sopravvive in un mondo pieno di zombie? La risposta è curiosamente semplice: non andando in giro a fare il coglione. Stranamente è una soluzione NON adottata da chiunque abbia mai raccontato una storia zombie: ogni singolo personaggio di una storia zombie va in giro a fare il coglione…

Ving Rhames e Lesley-Ann Brandt

Ving Rhames e Lesley-Ann Brandt

Zombie Apocalypse, come ogni altro prodotto Asylum, presenta prima l’apocalisse della mediocrità e del dilettantismo cinematografico, ma poi a sorpresa – quando tutti ormai stanno strappandosi gli occhi per non dover continuare a vedere ’sta schifezza – sorprende lo spettatore, spettinandolo. Nella cloaca massima che è la sceneggiatura di questo film (sceneggiatura? Si può onestamente usare questo termine?) ogni tanto qualche idea esce fuori.
Per esempio è uno dei rari film che non fa uso massiccio di armi da fuoco, non offendendo cioè l’intelligenza dello spettatore facendogli credere che in un mondo postapocalittico si abbiano a disposizione quintali di proiettili da sprecare sbagliando mira, visto che i protagonisti delle storie zombie sono troppo dementi per centrare la testa. Questo film tira in ballo mazze da baseball, martelloni, motoseghe, balestre e quant’altro: tutte armi che hanno massacrato milioni di persone prima dell’avvento della polvere da sparo, che quindi sono ampiamente qualificate ma che stranamente nessuno sceneggiatore tira in ballo in storie similari.
Poi certo tutto cade quando si mettono armi in mano ad attori totalmente incapaci, che riescono a sbagliare pure le mosse finte creando strani siparietti: colpiscono da una parte e gli stuntman cadono dall’altra!

Ving Rhames in piena forma, con tanto di motosega

Ving Rhames in piena forma, con tanto di motosega

Il granitico e imprescindibile Ving Rhames che prende a mazzate gli zombie è spettacolo da gustare; la bella Lesley-Ann Brandt (ve la ricordate nella prima stagione di Spartacus, come schiava innamorata di Crisso?) che trova una mitragliatrice (basta guardare in giro e si trova tutto!) e la svuota sugli zombetti inermi, anche questo è uno spettacolo simpatico.
Ma il sorpresone arriva nel finale, quando a forza di produrre filmacci con mostracci alla Asylum non gli abbasta più il semplice morto vivente: butta in campo un super-cagnone-zombie fatto al computer. Una creatura mal fatta e davvero inspiegabile a livello di sceneggiatura, ma è uno spettacolo che almeno sveglia lo spettatore prima dei titoli di coda.

La bella arciera dai capelli corvini Myrah, interpretata da Lilan Bowden

La bella arciera dai capelli corvini Myrah, interpretata da Lilan Bowden

In chiusura, il momento più alto del film. Uno dei dementi protagonisti ha un solo rimpianto del mondo di prima: il bagno. Dopo aver visto gli amici massacrati e smangiucchiati, dimentica tutto al solo vedere in strada un negozio con un bagno. «Una toilette finalmente!» questo il suo ultimo grido prima di fare la giusta brutta fine: nei film zombie c’è sempre il coglione che muore da coglione.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in The Asylum, Zombie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a [Asylum] Zombie Apocalypse (2011)

  1. Cassidy ha detto:

    Visto e confermo tutto, Ving Rhames è il solito Mount Rushmore, il film è il solito Asylum, ma qualche spunto lo regala 😉 Cheers!

    Piace a 2 people

  2. Giuseppe ha detto:

    A voler vedere, il super-cane zombie sembra riecheggiare piuttosto da vicino alcuni cagnetti analoghi della saga filmica di Resident Evil… Ma, ovviamente, si sarà trattato solo di un affettuoso omaggio 😉

    Piace a 2 people

  3. Pingback: [Asylum] Rise of the Zombies (2012) | Il Zinefilo

  4. Pingback: [Asylum] Vampires vs Zombies (2004) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Dead Rising: Watchtower (2015) | Il Zinefilo

  6. Pingback: [BBS] Species 4 (2007) | Il Zinefilo

  7. Pingback: Triangolo delle Bermuda – Mare del Nord (2011) | Il Zinefilo

  8. Pingback: [Asylum] Bermuda Tentacles (2014) | Il Zinefilo

  9. Pingback: Piranha 3D (2010) 3P: Pischelli, Poppe e Piranha | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.