Vampires vs Zombies (2004)

vampires_vs_zombies.jpgFinito il trittico di film zombie targati The Asylum – Zombie Apocalypse (2011), Rise of the Zombies (2012) e Zombie Night (2013) – ne approfitto per rispolverare dal passato un film che in realtà la famigerata casa statunitense ha solamente distribuito in video, essendo prodotto originariamente dalla piccola e poco duratura Creepy Six Films.
All’epoca della visione di questo Vampires vs Zombies, in quel 2009 che sembra tanto lontano, non conoscevo l’abisso di bruttezza che possono raggiungere questi filmacci orripilanti, eppure sotto la patina di mediocrità riuscii a scorgere un briciolo di creatività, anche solo nel rielaborare la celebre Carmilla di Joseph Sheridan Le Fanu.
Non a caso nel 2008 la Creepy Six Films ha ristampato il film con il titolo Carmilla. Lesbian Vampire.

Maritama Carlson nel ruolo di Carmilla

Maritama Carlson nel ruolo di Carmilla

In un mondo non troppo futuro i morti tornano a camminare, come previsto in ogni zombie movie che si rispetti. A questo si unisce la piaga del vampirismo, che sta falcidiando gli ultimi umani sopravvissuti: come questi due temi fondamentali del cinema di genere possano sposarsi senza dare adito ad ilarità rimane materia oscura per lo spettatore, visto che il regista si guarda bene (se non nel finale) dal far incontrare queste due specie di mostri.
La storia del film infatti è incentrata su Travis Fontaine (C.S. Munro) e sua figlia Jenna (Bonny Giroux) che stanno fuggendo – o forse tornando a casa, non è ben chiaro – e durante il viaggio incontrano una strana donna che affida loro la propria figlia: Carmilla (Maritama Carlson). Dalla gotica staticità del castello letterario di Le Fanu, la vicenda acquista i ritmi e i dettami del più classico dei road movie, dove Carmilla prende man mano sempre più potere sulla vita dei due suoi ospiti, mentre la madre continua a seminare vittime senza un ordine preciso.

Carmilla (Maritama Carlson) e Jenna Fontaine (Bonny Giroux)

Carmilla (Maritama Carlson) e Jenna Fontaine (Bonny Giroux)

Fra effetti splatter molto casalinghi si snoda una storia che forse si sta svolgendo solo nella mente della protagonista: il regista-sceneggiatore Vince D’Amato, infatti, semina indizi (mascherandoli da pecche d’inesperienza) per cui lo spettatore fino alla fine non ha la sicurezza che quanto stia vedendo sia “reale” o il sogno di Jenna. Forse quest’ultima è una degente di un manicomio e Carmilla è l’infermiera che si invaghisce di lei, o forse invece è tutto reale.

Vampira curiosa!!!

Vampira curiosa!!!

Malgrado un pessimo doppiaggio italiano (spesso fuori sincrono), gli attori chiaramente non professionisti rendono comunque reali i propri personaggi: le due attrici protagoniste riescono, malgrado una evidente mancanza d’esperienza cinematografica, a rendere le sottili atmosfere di erotismo nascoste fra le righe di Le Fanu, mascherandole a loro volta con una recitazione grezza e addirittura volgare.

Jenna (Bonny Giroux), forse vittima, forse carnefice

Jenna (Bonny Giroux), forse vittima, forse carnefice

Chiudo sottolineando l’intrigante enigma della sceneggiatura: sono veramente pessimi attori che però riescono a comunicare di più di quanto siano capaci, o attori comunque in gamba che costruiscono una facciata d’inesperienza per mascherare una reale bravura?
Il film viene distribuito in Italia l’8 giugno 2005 dalla EP Production, scomparendo subito dopo nel nulla.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in The Asylum, Vampiri, Zombie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Vampires vs Zombies (2004)

  1. Cassidy ha detto:

    Carmilla mi pare di ricordarlo, questo mi sembra parecchio sul trash andante 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Conosco la Carmilla di Le Fanu, ovviamente… Altrettanto ovviamente, non sapevo che la Asylum (seppure qui solo come distributrice) se ne fosse occupata. Adesso lo so, ma mi sa che era meglio continuassi a non saperlo 😉

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: Fistful of Blood (2015) | Fumetti Etruschi

  4. Pingback: Pasto umano (2006) | Il Zinefilo

  5. Atroxsaurus ha detto:

    È la copia di Freddy vs Jason questo film dalle informazioni che ho letto e dalla locandina.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.