[Asylum] AE: Apocalypse Earth (2013)

AE

Grande annata il 2013 per il newyorkese Thunder Levin, valente risorsa della famigerata The Asylum: dopo Atlantic Rim e il capolavoro Sharknado scrive una terza sceneggiatura, che stavolta gli fanno pure dirigere. Sarà però la sua ultima regia alla Asylum: non sarà piaciuta? Se una casa cinematografica che ha fatto della cialtroneria un vanto non piace come lavori… mi sa che fai proprio pena!!!
Comunque Levin inizia il 2013 scrivendo e dirigendo AE: Apocalypse Earth, che esce in patria nel maggio di quell’anno: la consueta Minerva Pictures, con la sottomarca Dynit Minerva, porta il filmaccio in Italia il 27 maggio 2015.

Il tenente Frank Braum (Adrian Paul)

Il tenente Frank Braum (Adrian Paul)

«C’è qualcuno che dice che la terra ormai è morta, non si può restare». Scusate, mi sono distratto con il Primo treno su Marte di Grignani, ma il senso è lo stesso: la Terra è ormai persa sotto l’invasione aliena e tocca scappare nello spazio con il tenente Frank Braum (Adrian Paul), e quindi siamo tutti nei guai. Quanto deve passarsela male Adrian Paul per lavorare con la Asylum? Nel 2014 lo ritroveremo nell’orripilante Apocalypse Pompeii (2014), quindi mi sa che sta male male male.
Insomma la Terra è andata e l’umanità parte sulle astronavi verso nuove mete nello spazio. Dove? Be’, mo’ chiedete troppo…

Oddio, ma che hanno fatto a Richard Grieco?

Oddio, ma che hanno fatto a Richard Grieco?

Entrato nel sonno criogenico a bordo dell’astronave Albert Einstein – guidata dal capitano Sam Crowe, interpretato da un Richard Grieco che piange il cuore a vederlo ridotto così – Frank Baum ha un brutto risveglio quando la nave naufraga bruscamente sulla superficie di un pianeta sconosciuto: a tutti dice culo che l’atmosfera è respirabile, la vegetazione è ricca e la gravità identica alla Terra. Ma guarda la coincidenza, dove vai a cascare nello spazio? Su un pianeta identico alla Terra!
Però gli abitanti non sono contenti di questa invasione…

Adrian Paul e la bella aliena Bali Rodriguez

Adrian Paul e la bella aliena Bali Rodriguez

Durante un concitato scontro a fuoco, Baum e i superstiti dell’Einstein incontrano altri umani: sono i sopravvissuti del naufragio della Isaac Newton, la prima “arca” a partire. Ammazza che coincidenza: due astronavi naufragano sullo stesso pianeta nel giro di poco tempo… qui gatta ci cova, mentre fa i gattini ciechi nel giardino del re.
Come se non bastasse tutto questo, fanno amicizia con una strana donna locale: Lea, interpretata dall’esordiente 28enne Bali Rodriguez, figlia di una Miss Costa Rica… e si vede! Com’è che gli alieni sono brutti e questa invece è bonazza? E soprattutto: perché parla inglese?

L'androide MIT o TIM, interpretato da Gray Hawks

L’androide MIT o TIM, interpretato da Gray Hawks

Una parola merita il “sintetico” dell’equipaggio, interpretato da Gray Hawks sulla evidente falsariga del Data di Star Trek. È un MIT per colpa del doppiaggio italiano, cioè “Macchina Interattiva Transumana”, per cui non si capisce perché lui risponda «Gli amici mi chiamano TIM»: ma non hanno appena detto MIT?
La sua parte è un po’ fumosa, è il classico robot che mostra sentimenti umani e nel finale sarà protagonista di un twist di sceneggiatura raffazzonato ed evitabile, ma in realtà fa solo da tappezzeria alla storia d’amore tra Baum e l’aliena!

Alien Love

Alien Love

Il film è la classica cialtronata Asylum Style, ma si ride meno del solito perché mancano le buffonate tipiche della casa e le scene mitiche: hanno puntato tutto su un colpo di scena francamente scontatissimo e non hanno pensato a fare un bello spettacolo. Peccato… Però l’aliena Rodriguez si fa guardare senza dispiacere…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza, The Asylum e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a [Asylum] AE: Apocalypse Earth (2013)

  1. Cassidy ha detto:

    Ma sarebbe il Mockbuster di “Battaglia per la Terra” o di “Avatar”? Forse lì hanno riassunti insieme 😉 Concordo, anche se si tratta di bodupainting piuttosto che di make up per il cinema, l’aliena mi sembra l’unica cosa guardabile di tutto il film 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Avevo una mezza idea di guardarmela, questa fanta-perla piena di citazioni, ma credo che mi sia già passata 😀
    P.S. Questa volta, Lucius, temo che un’idea alla Asylum potresti avergliela fornita tu, citando il Primo treno su Marte: vedrai, il prossimo kolossal sarà “Apocalypse Mars”, con Adrian Paul contro Gianluca Grignani nel ruolo di despota e proprietario assoluto delle ferrovie marziane a levitazione magnetica (una particina anche per Richard Grieco che, visto come si è ridotto, interpreterà in motion capture il ruolo dell’ombra di Grignani) 😉

    Piace a 1 persona

  3. nik96 ha detto:

    l’ASYLUM ha pure l’abitudine di ricopiare alcuni film famosi tipo in questo film il finale è simile a quello del film il pianeta delle scimmie e io non riuscivo a crederci.

    Piace a 1 persona

  4. nik96 ha detto:

    se puo farti piacere stasera il canale Cielo trasmettera questo film.

    Piace a 1 persona

  5. nik96 ha detto:

    si infatti hai ragione e mi aspetto di vedere quali film trasmettera Cielo nel prossimo ciclo Monster Night.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.