Oltre il guado (2013)

Oltre il guadoNon lasciatevi ingannare dal titolo anglofono con cui il film è a volte presentato, Across the River: è un italianissimo prodotto scritto e diretto da Lorenzo Bianchini per la Collective Pictures.
Oltre il guado viene presentato al Taormina Film Festival il 21 giugno 2013 e inizia a girare per festival sparsi nel mondo, finché la Cecchi Gori lo porta in DVD in vendita dal 7 luglio 2015.

Questa è una delle location principali del film...

Questa è una delle location principali del film…

L’unico attore del film vanta un nome che sembra uscito da un video di Maccio Capatonda: Marco Marchese. Non è parente di Liegi Bastonliegi, e addirittura è un classico nomen omen
Marco Marchese infatti interpreta una guardia forestale che “marca” in giro per una cupa foresta friuliana, al confine con la Slovenia. Marca gli animali della zona, li controlla, cambia le batterie alle telecamere di sicurezza, marcate anch’esse, e in generale marca quello che c’è da marcare.
E mentre Marco Marchese marca, se ne passa mezzo film…

Marco Marchesi che marca in giro

Marco Marchesi che marca in giro

C’è qualcosa di strano nel silente e cupo bosco notturno sul confine friuliano, c’è qualcosa che spaventa gli animali e spaventa gli sceneggiatori, paralizzandoli. C’è qualcosa che si aggira per i boschi e segue Marco Marchesi che marca, ed è un qualcosa di sfuggente. Qualcosa che urla.
Marco Marchesi si arma di fucile marcatore e marca nella notte cercando di riuscire a marcare quel qualcosa che qualcoseggia in giro, che si nota solo dove manca: perché – soprattutto nel cinema italiano – qualcosa manca sempre.

Marco Marchesi marca mentre qualcosa qualcoseggia

Marco Marchesi marca mentre qualcosa qualcoseggia

Tutto cambia quando Marco Marchesi marca un video girato la notte precedente nei cupi boschi friuliani, vede gli animali scappare impauriti finché tra gli alberi appare qualcosa che qualcoseggia: sarebbe un’ombra, se fosse una telecamera normale. Ma è a visione notturna quindi l’ombra biancheggia con occhi di fuoco. L’ombra di due bambine che si tengono per mano…

E' una roccia o qualcuno di spalle? O è qualcosa che qualcoseggia?

E’ una roccia o qualcuno di spalle? O è qualcosa che qualcoseggia?

A parte gli scherzi, Oltre il guado si presenta come il classico nulla italiano, immagini in libertà girate apposta per gli inutili festival cinematografici che rimpinzano le pance di tanti Paesi. Invece a sorpresa si riscopre un film che prende, che proprio nella sua totale diversità da un prodotto buono trova la propria forza.
È un film muto girato per il 99% in una casupola nel bosco – che il suo nome conosco, lo conosci anche tu? – eppure i classici mezzucci a cui la vagonata di prodotti simili ci ha abituato qui assumono un valore diverso. Non fraintendetemi, se prendete ogni singola scena potreste identificare i trucchetti dozzinali con cui è stata costruita, la mancanza di budget e tutto il resto, eppure quando vedete il tutto assemblato… qualcosa qualcoseggia.

Il livore dei boschi e il degrado delle uniche tracce umane che si vedono nel film è una scelta azzeccata: è impossibile stabilire chi siano i fantasmi, visto che non abbiamo prove che la vita esista in questi posti.
Non ve lo consiglio per una serata spumeggiante, ma lo stesso una visione la merita. E detto da me, che odio il cinema italiano e manderei tutti i cineasti nazionali a marcare nei boschi friulani, è davvero un enorme complimento!

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Oltre il guado (2013)

  1. Cassidy ha detto:

    Concordo sul tuo rapporto con il cinema italiano, dico solo che “O è qualcosa che qualcoseggia?” è una colpo di genio 😉 Grazie per la dritta, questo titolo mi mancava…. Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Marco Marchesi marca, prima di venire a sua volta marcato stretto. Molto stretto 😉
    Detto questo, a me lo stile di Lorenzo Bianchini piace qui come già era piaciuto in Lidris Cuadrade di Tre e Custodes Bestiae: la sua abilità nel costruire progressivamente l’atmosfera soprannaturale con relativo bagaglio di inquietudine/ paura crescenti (avendo pochi mezzi a disposizione), per poi tirare quei pochi ma ben assestati colpi sotto la cintura, è innegabile… e da lui mi aspetto altre gradite sorprese, magari con quel tantino di budget in più che – ne sono certo – saprebbe sfruttare a dovere.

    Piace a 1 persona

  3. Ciccio Russo ha detto:

    Anche a me piace molto Bianchini, ‘Custodes Bestiae’ in particolare era veramente inquietante. Mi piacerebbe un giorno vederlo alle prese con un budget decente, ha un grandissimo senso dell’atmosfera.

    Piace a 1 persona

  4. loscalzo1979 ha detto:

    questo film a miei conoscenti è garbato ad altri schifato totalmente.
    Io ancora non so da che parte stare.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Onestamente non lo definirei un film riuscito, il mutismo prolungato mette a dura prova lo spettatore e alla fin fine la trama è vista e rivista mille volte: eppure mi sono ritrovato ad apprezzarlo, sebbene sia un forte detrattore del cinema nostrano. Qualche atmosfera azzeccata e belle inquadrature gli valgono il plauso del Zinefilo, per essere un prodotto italiano ^_^

      Piace a 1 persona

      • loscalzo1979 ha detto:

        mi sarebbe garbato vederti a La Serra Trema, ci hanno sottoposto un pò di web series e corti di horror italico, alcune cose molto valide davvero, altre cosìcosì, ma tutte contraddistinte dal “macabro rurale artigiano”

        Piace a 1 persona

  5. mike ha detto:

    beh… mi sono addormentato 2 volte…. non è male…

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: La foresta dei misteri (2008) | CitaScacchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.