Sex Crimes 2 (2004)

SexCrimes2Ciclo dedicato alla tetralogia di Sex Crimes nato grazie a questo post del blog Malastrana VHS.
Nel 2003 la piccola Mandalay Pictures riceve una visita dell’agente della blasonata Columbia TriStar. «Salve, siamo una casa storica che ha fatto sognare il mondo intero sin dalla nascita del cinema: non è che avete una porcheria per le mani da distribuire ai ragazzini fuori le scuole?»
Manco a farlo apposta, la Mandalay ce l’ha. Ma l’uomo della Columbia è categorico e molto rigido: «Unica condizioni inderogabile è che tutto sia gestito da veri inetti del genere.»
La Mandalay tranquillizza subito: «Abbiamo due sceneggiatori esordienti che promettono di essere già ridicoli al punto giusto, in più il regista Jack Perez che lavora gratis perché se no chiamiamo l’Immigrazione.»
Il contratto viene stipulato e il 23 febbraio 2004 esce in patria l’incredibile Wild Things 2: la Columbia Tristar lo porta in DVD italiano in vendita dal 28 aprile 2004 con il titolo Sex Crimes 2. Pronte a tutto.

Salve, sono Leila Arcieri: ho abbastanza la faccia da bad girl? Mi sa di no...

Salve, sono Leila Arcieri: ho abbastanza la faccia da bad girl? Mi sa di no…

Cosa aveva reso particolare Sex Crimes 1? Quintupli colpi di scena e sesso promesso e mai mantenuto. Ok, ripetiamo identico il copione.
Brittney Havers (Susan Ward) è tanto triste, perché le è morto il padre, le è morta la madre, le è morta la figlia della sorella: ebbene sì, è morta pure quella. E i coccodrilli le hanno mangiato i fiori, che in Florida è considerato di malaugurio.
Viene costantemente e immotivatamente vessata da Maya King (Leila Arcieri), che la chiama come si chiamano tutte le donne in Florida tra di loro: puttanella. Altre ragazze del liceo si offendono tra di loro, ridono senza motivo e giocano a pallavolo sulla spiaggia.

Pallavolo in mutandoni: come è sècsi...

Pallavolo in mutandoni: come è sècsi…

È un classico, la scena della pallavolo come scusa per mostrare curve nude… e invece no! Malgrado la promessa di sesso di questo film, le giocatrici di pallavolo sono le più vestite della storia di questo sport: nei campionati invernali di pallavolo femminile sulla neve sono molto più nude che in questo match su una spiaggia della Florida…

«Pronto? T.R. Knight è una checca. Come? "Grey's Anatomy" ancora non è iniziato?»

«Pronto? T.R. Knight è una checca. Come? “Grey’s Anatomy” ancora non è iniziato?»

Si sa che in Florida sono tutti ricchi perché fanno cose sporche, e il patrigno di Brittney non fa eccezione: minacciato dal classico latino da filmaccio americano, casca poi con l’aereo insieme a tre topi.
Arriva l’investigatore assicurativo Terence Bridge (Isaiah Washington) e fa l’unica domanda che la polizia locale non sembra volersi porre: che ci fanno tre topi ciechi nell’aereo del morto? Sembra incredibile, ma questo sarà l’indizio che risolverà il caso…

Una scena inspiegabile che appare senza motivo...

Una scena inspiegabile che appare senza motivo…

Sul set piomba Stephen Peters, sceneggiatore del primo film, e comincia a dare ordini: lei inganna lui che inganna lei ingannando lui che ha ingannato lei mentre ingannava lui ingannando lei che finge di fingere di star fingendo di aver finto di fingere.
Prima che la produzione colpisca Peters con una freccia al curaro e lo allontani dal set, ormai il film è svaccato di brutto: i personaggi si muovono confusi da una scena scriteriata ad una sballata, tra colpi di scena che fanno morir dal ridere e inquadrature che gridano vendetta.

Tre-ni-no Tre-ni-no...

Tre-ni-no Tre-ni-no…

Ah già, il sesso. Indovinate un po’? Questo film potrebbe essere proiettato in convento senza alcun problema.
Leila Arcieri ha riposto ogni briciola di sensualità nei propri ricci – che, malgrado la rima, non nascondono capricci – mentre Susan Ward, bella donna, è così impegnata a fare la faccetta sexy che non ha tempo di fare altro.
Ad un certo punto scappa fuori mezza tettina minuscola e tutta la troupe inizia a girare per il set a capire dove sia andato a finire il resto delle tette…

Salve, sono Susan Ward: si vede che mi manca la mamma, mentre zoccoleggio?

Salve, sono Susan Ward: si vede che mi manca la mamma, mentre zoccoleggio?

Mentre Sex Crimes 1 era almeno un film tecnicamente ineccepibile, questo sequel è scarso sotto ogni minimo punto di vista, e non concede allo spettatore neanche qualche scena pruriginosa che magari ne risollevava la stima.
È serie di Z di quella cattiva…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Sex Crimes 2 (2004)

  1. Cassidy ha detto:

    Una porcheria da distribuire fuori dalla scuole è un colpo di genio 😉 La pallavolo in mutandoni cosa dovrebbe essere? “Top Gun” con le signorine? Non lo avevo mai visto questo, ma mi è bastato il tuo favoloso commento 😉 Cheers!

    Piace a 2 people

  2. Giuseppe ha detto:

    Sapevo dell’esistenza di questo sequel, e tanto mi è bastato per evitare di vederlo 😉

    Piace a 2 people

  3. Pingback: Sex Crimes 3 (2005) | Il Zinefilo

  4. Pingback: Sex Crimes 4 (2010) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Sniper 3 (2004) Ritorno in Vietnam | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.