Sex Crimes 3 (2005)

Sex Crimes 3Ciclo dedicato alla tetralogia di Sex Crimes nato grazie a questo post del blog Malastrana VHS.
La Columbia Tristar continua senza vergogna a rivolgersi alla Mandalay Pictures per nuove buffonate piene di sesso finto e colpi di scena flaccidi, affidati a un regista improvvisato come Jay Lowi. (Che pare insegni cinema all’università: grande dimostrazione che tra l’insegnare e il fare c’è un abisso in mezzo!)
Gli stessi sceneggiatori del secondo film, Andy Hurst e Ross Helford, tornano in coppia per dare il peggio di sé con Wild Things: Diamonds in the Rough, uscito in patria il 19 febbraio 2005.
La Sony Pictures lo porta in DVD italiano il 27 settembre 2005, come Sex Crimes 3.

Ma quante zoccolette, Madama Dorè, vanta il Bluebay College?

Ma quante zoccolette, Madama Dorè, vanta il Bluebay College?

«Scusa.»
«Scusa il cazzo!»
Con questa citazione shakespeariana si apre un nuovo clone di Sex Crimes, girato talmente identico al secondo episodio da sembrarne un Director’s Cut!
Ci ritroviamo ancora a Bluebay, nello stesso liceo di zoccolette bionde della Florida, con il preside che continua imperterrito a tenere riunioni generali su un palco con un poster orripilante alle spalle, e tutte le zoccolende bionde continuano a trattarsi male e a darsi delle puttane. Davvero bella, la Florida…

Tre film... ma sempre lo stesso poster!

Tre film… ma sempre lo stesso poster!

Si avvicinano le vacanze di primavera quindi il preside decide che è il momento di insegnare educazione sessuale: dall’elevato livello di zoccolaggio delle sue stundentesse, temo sia davvero una lezione inutile.

Due classiche studentesse della Florida: Marie (Serah D'Laine) e Jenny (Claire Coffee)

Due classiche studentesse della Florida: Marie (Serah D’Laine) e Jenny (Claire Coffee)

Non ha certo tempo di pensare alle vacanze Marie Clifton (Serah D’Laine: ma che nome è?), ossessionata dal pensiero di mettere le mani sui gioielloni che le ha lasciato la madre: ma com’è che le zoccolette bionde in Florida sono tutte orfane?

Questa dovrebbe essere una scelta "calda"...

Questa dovrebbe essere una scelta “calda”…

Suo padre, il mandrillone Jay Clifton (Brad Johnson, che non riesce a contenersi e guarda l’attrice come se la volesse stuprare da un momento all’altro, sebbene interpreti suo padre) non vuole che Marie metta mano sull’eredità: con tutti i posti dove vorrebbe farle mettere la mano…
Come ogni altra studentessa normale, Marie vuole i gioielli ed è disposta a tutto pur di ottenerli: a tutto!

A sinistra, il mandrillone Brad Johnson si mangia la figlia con gli occhi!

A sinistra, il mandrillone Brad Johnson si mangia la figlia con gli occhi!

Lo sceneggiatore ricalca pari pari i primi due film. Il papà ricco ha problemi con la criminalità, la figlia bionda zoccoleggia in giro mentre una mora che tutti odiano lancia una accusa di stupro. C’è il dottorino biondo – in questo caso il ridicolo dottor Chad Johnson (Ron Melendez) – che testimonia quanto la povera sfortunata poverella Elena Sandoval (Sandra McCoy) è stata stuprata da papà Clifton. È molto verosimile, visto che Brad Johnson guarda tutte le ragazze come se le volesse stuprare.

Il papone mandrillone concupisce la povera emarginata latina

Il papone mandrillone concupisce la povera emarginata latina

La procuratrice distrettuale – che immotivatamente sta in tribunale in minigonna: ma l’hanno mai visto un legal thriller? – ha terreno facile e papà Clifton ha la peggio: malgrado continui a fingere di essere disperata, abbiamo capito tutti che Marie è d’accordo con la moretta Elena per incastrare il papone.

Cosa non si fa per i brilloni...

Cosa non si fa per i brilloni…

Parte il calcinculo di colpi di scena buffoneschi, talmente palesi e identici ai due precedenti film da risultare davvero imbarazzanti. Ma stavolta mentre gli sceneggiatori si dedicano al proprio delirio, il regista si dedica a tutt’altro: cioè a giocare a tetris con le due attricette protagoniste e a incastrarle in vari modi.
Ogni occasione è buona per sbaciucchiarsi e per strusciarsi: per carità, sempre roba da educande anche perché parliamo di rachitine prive di qualsiasi curva, però rispetto ai precedenti due film qui c’è più “movimento”.

Tocca, che ti tocca. E tocca che ti ritocca...

Tocca, che ti tocca. E tocca che ti ritocca…

In conclusione, una fotocopia di Sex Crimes 2 identico in ogni aspetto, ma con in più qualche lesbicata a casaccio: se penso che ’sta roba ha il marchio Columbia Tristar addosso mi prende una tristezza…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Sex Crimes 3 (2005)

  1. Cassidy ha detto:

    Scomodato addirittura il bardo per questo terzo capitolo, che ci insegna poco buon cinema ma una grande lezione di vita: Se rinasco voglio andare a scuola in Florida 😉 Cheers!

    Liked by 2 people

  2. Pingback: Sex Crimes 4 (2010) | Il Zinefilo

  3. Giuseppe ha detto:

    Ho continuato a seguire la mia regola d’oro: visto il primo, evitati gli altri 😉

    Liked by 1 persona

  4. Pingback: Betrayed (2005) | Il Zinefilo

  5. benez256 ha detto:

    Questo è assolutamente il mio preferito, visto che “l’emarginata latina” è una sgnacchera di prima categoria! E comunque dovremmo trasferirci tutti nei college americani…o australiani…c’è di quella roba……

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...