Final Destination 5 (2011)

Final Destination 5Non passano neanche due anni dal quarto film, che già la New Line Cinema va in crisi d’astinenza: vuole un quinto titolo, a riprova che dopo il Duemila il film sono principalmente da consumare in piedi, sul posto, per sputarli una volta usciti dal cinema. Non rimane nulla dopo due minuti dalla visione, figuriamoci dopo due anni!
Proprio perché questi prodotti sono più effimeri di una candela spenta, non è che possiamo buttar via palanche: serve gente che venga via a due soldi. Per esempio uno sceneggiatore cialtrone: basterebbe il primo stronzo che passa…
«Eccomi!» grida Eric Heisserer. «Ho esordito l’anno scorso sceneggiando il remake di Nightmare e già sto scrivendo il remake di The Thing: se mi assumete lavoro gratis, ma voi poi mi producete un progetto che ho nel cassetto.»
Così Heisserer viene ricompensato e nel 2013 dirige il film la cui sceneggiatura teneva nel cassetto: l’assurdo Hours con Paul Walker… che esce al cinema un mese dopo la morte di quest’ultimo: se questa non è una final destination!

Mi spiace, Nicholas D'Agosto, ma ti lascio: hai troppo una faccia da stronzo!

Mi spiace, Nicholas D’Agosto, ma ti lascio: hai troppo una faccia da stronzo!

Anche il regista dev’essere più che economico, un esordiente che possa lavorare a capo chino senza chiedere troppo: per esempio il televisivo Steven Quale, che ritroveremo in Into the Storm (2014).
Presi un po’ di attorucoli a caso, il cast è pronto: via con Final Destination 5.
Uscito in patria il 12 agosto 2011 e il 7 ottobre successivo in Italia, la Warner Home Video lo porta in DVD e Blu-ray italiano dal 22 febbraio 2012.

Ma 'sti ponti cascano che è un attimo!

Ma ‘sti ponti cascano che è un attimo!

La storia ormai la sapete a memoria: è la stessa identica dei quattro precedenti film. L’unica differenza è che l’incidente iniziale si svolge a bordo di un pullman pieno di colleghi di lavoro diretti ad un corso aziendale.

Con tutta l'acqua che c'è... è cascato sul pilone!

Con tutta l’acqua che c’è… è cascato sul pilone!

L’incidente che apre il film è particolarmente spettacolare: non “ruspante” come quello del secondo film, con acrobazie di auto, ma ovviamente pieno di effetti speciali e di effetti digitali, dal risultato comunque molto gradevole e splatter quanto basta.

Che disdetta, morire con pessimi effetti speciali in 3D...

Che disdetta, morire con pessimi effetti speciali in 3D…

Il protagonista “visionario” è stavolta Sam (Nicholas D’Agosto) che ricalca tutto ciò che fanno i suoi quattro predecessori, anche se stavolta un minimo di buon gusto ha portato a sopprimere la “veggenza” che ha funestato il quarto episodio.
Arrivati ad un certo punto, si sceglie di puntare di più su un twist di sceneggiatura poco sviluppato prima: il fatto che uccidere qualcun altro risparmia una vita: se i ragazzi “destinati” uccidessero qualcuno, potrebbero salvarsi.
Inizia così una parentesi gradevole del film, in quanto a differenza degli altri titoli – dove i protagonisti cercano inutilmente di salvarsi – comincia una guerra tra gli ultmi tre rimasti in vita.

Ho trovato la soluzione alla Final Destination!

Ho trovato la soluzione alla Final Destination!

SPOILER – – – SPOILER
Nel finale il film supera se stesso, perché i due protagonisti sopravvissuti – convinti stupidamente di aver fregato la Morte – partono per Parigi… sul volo aereo del primo film!
Con questa spettacolare citazione ciclica, il cerchio si chiude e scopriamo che Final Destination 5 è un prequel del primo titolo!
FINE SPOILER – – – FINE SPOILER

Una comparsata del mitico Tony Todd

Una comparsata del mitico Tony Todd

«Alla Morte non piace essere presa in giro» (Death doesn’t like to be cheated). Dopo il secondo film a sorpresa torna il becchino Bludworth, sempre interpretato dal mitico Tony Todd: è giusto una comparsata di pochi secondi, ma fa sempre piacere.
Quest’ultimo film aggiunge una ricca dose di splatter digitale che si lascia ammirare con piacere, anche se è sempre una versione light della sana macelleria d’un tempo.
Il copione è fisso quindi dopo un po’ la noia regna sovrana, ma per fortuna è l’ultimo episodio: siamo giunti… alla destinazione finale!

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Horror e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Final Destination 5 (2011)

  1. Cassidy ha detto:

    Eric Heisserer è uno sfigato, con quel CV non dovrebbe lavorare nemmeno più su Marte 😉 Me lo ricordo questo solo perchè nel tuo ottimo commento ai citato Parigi, m ricordo quel’asssurdo finale, per un film che è un pò tutto assurdo, inoltre è pieno di uccisioni pescate dagli altri film, comunque ai ragione, dopo due minuti lo si dimentica presto, non mi ricordo mai se è stato questo o il capitolo precedente a mostrare le prime tette in 3D (da quanto queste tecnica è tornata ad infestare i film nei primi anni 2000), in ogni caso non passerà alla storia nemmeno per quello 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. nicholas ha detto:

    gli effetti speciali in 3D sono un po esagerati e mi sarebbe piaciuto vederlo al cinema ma pazienza e poi il finale fa pensare a un seguito come gli altri

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: Arrival (2016) Supposte nel cielo | Il Zinefilo

  4. Pingback: Into the Storm (2014) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Nightmare 9 (2010) Una bella sorpresa | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.