La violenza e la vergine

FontanaCoverLe leggende nordiche hanno sempre affascinato la cultura occidentale, che se ne è lasciata influenzare abbondantemente, ma alcune storie folkloristiche sono arrivate tardi al grande pubblico, e soprattutto sono penetrate nel nostro background di nascosto: un plagio alla volta…
Questa è una storia di vendetta che ci arriva dal buio degli antichi boschi svedesi, dalla località medievale chiamata Vänge (oggi Malmskogen, nell’Östergötland, sud-ovest della Svezia) dove ha inizio una leggenda che diventa fonte di ispirazione per registi di vari paesi solamente dagli anni Sessanta del Novecento.

Questa storia la conosciamo perché Erik Gustaf Geijer ed Arvid August Afzelius l’hanno inserita nella loro ampia raccolta Svenska Folk-visor från forntiden (Canti popolari svedesi del passato) stampata a Stoccolma tra il 1814 e il 1816. Le ballate popolari si perdono nella notte dei tempi e mutano di generazione in generazione, così Geijer e Afzelius presentano due versioni della stessa Folksång, della canzone popolare: una breve, trovata in un manoscritto del 1673 chiamato Vänge brunn, e una estesa trovata in un manoscritto custodito nella Kungliga Biblioteket, la biblioteca nazionale di Svezia, sul quale campeggia la scritta «Pehr Jonson Frisle söng denna Visa i Juni 1673», Pehr Jonson Frisle cantò questa canzone nel giugno del 1673. (Curiosamente le date dei due manoscritti coincidono, ma non sembra aver destato curiosità.)

Spartito della canzone estratto da “Folke-sange og melodier” (1861) di A.P. Berggreen

Spartito della canzone estratto da “Folke-sange og melodier” (1861) di A.P. Berggreen

Pehr Tyrsons döttrar i Vänge,
Kaller var deras skog –
De sufvo en sömn för länge.
Medan skogen han löfvas.

La canzone si chiama Pehr Tyrssons döttrar i Vänge nella prima versione e Töres döttrar i Wänge nella seconda (con varie altre grafie a seconda delle fonti), e prende il nome dal primo verso che già presenta le protagoniste: le figlie di Tyrsson in Vänge. Il testo è in rima e si tratta di quartine di cui però il secondo e il quarto verso sono sempre ripetuti identici, assomigliando più ad una filastrocca che ad una ballata.

Titolo scritto in gotico da un’edizione del 1831 del Volkslieder der Schweden

Titolo scritto in gotico da un’edizione del 1831 del Volkslieder der Schweden

Facciamo dunque la conoscenza di queste figlie di Pehr Tyrsson che una mattina, dopo aver poltrito un po’ a letto, uscirono di casa per dirigersi alla chiesa del paese dove accendere un cero alla Madonna. Attraversando i pascoli di Vänge, però, incontrarono tre vagabondi (Wallare) malintenzionati. «Decidete – dissero questi alle giovani donne – o divenite nostre spose, o perderete la vostra vita.» La risposta fu immediata: «Preferiamo perdere le nostre giovani vite che divenire spose di vagabondi»: gli uomini tagliarono loro la testa e seppellirono i corpi nel fango. Portarono però via i vestiti per venderli al villaggio.

I tre vagabondi nel film "La fontana della vergine"

I tre vagabondi nel film “La fontana della vergine”

Arrivati alla tenuta dei Tyrsson, cercarono di vendere i vestiti a Lady Karin, ignorando che fosse la madre delle ragazze uccise. La donna riconobbe subito i vestiti delle figlie e corse dal marito. «Ci sono tre vagabondi nella nostra tenuta – gli disse. – Hanno ucciso le nostre figlie.» Tyrsson sguainò la spada ed uccise subito i due uomini più vecchi. Risparmiò il terzo, più giovane, e gli chiese quali fossero i nomi di suo padre e sua madre. Il giovane rispose subito: «Mio padre è Pehr Tysson e mia madre è Lady Karin».

L’interpretazione di questa risposta è controversa: c’è chi dice che è la rivelazione terribile che i tre vagabondi erano figli dimenticati di Töre, ma sinceramente mi sembra un po’ stiracchiata. Forse è più semplice pensare che il bambino, fattosi furbo, si riconosce figlio dei due per farsi adottare.

Alla fine, per espiare i peccati, Tyrsson si impose di erigere una chiesa che avrebbe chiamato Kärna. La chiesa è ancora lì – potete vederla in questa foto – sin dal XII secolo, ed è proprio in suo omaggio che pare sia nata questa storia.

Chiesa di Kärna, sorta dove sono state uccise le figlie di Tyrsson

Chiesa di Kärna, sorta dove sono state uccise le figlie di Tyrsson

Al di là degli svedesi appassionati di folklore locale, è facile che nessuno da molto tempo cantasse la canzone delle figlie di Tyrsson, finché un giorno la celebre (almeno all’epoca) scrittrice e drammaturga svedese Ulla Isaksson prende la seconda versione della ballata, quella più lunga e particolareggiata, e comincia a rimaneggiarla per trasformarla in sceneggiatura. Il risultato è Jungfrukällan (“La fonte della vergine”) e tematiche pagane vengono abilmente trasformate in inni cristiani. La Isaksson ha appena esordito nel cinema scrivendo per il maestro Ingmar Bergman la sceneggiatura di Alle soglie della vita (Nära livet, 1958) – diventata poi pièce teatrale portata anche in Italia, Iperborea 2004 – così subito affida la storia al regista che è già famoso a livello internazionale grazie a Il Settimo Sigillo (1957).
La fontana della vergine [Jungfrukällan] (7)L’8 febbraio 1960 esce in Svezia il film Jungfrukällan: a maggio viene presentato al Festival di Cannes dove conquista il pubblico – e Bergman ottiene una menzione come miglior regista – ma soprattutto il 14 novembre sbarca negli Stati Uniti e l’anno successivo vince il Golden Globe e il Premio Oscar come miglior film straniero. Il 7 gennaio 1961 arriva nelle sale italiane con il titolo La fontana della vergine, «il più grande spettacolo cinematografico della stagione» come annuncia una scritta in locandina.

Dimenticate l’aurea di “intellettuale” che alcuni affibbiano a Bergman, dimenticate qualsiasi preconcetto possiate avere sui film svedesi: La fontana della vergine è un duro, puro e violento vengeance movie di grande impatto.
Non è chiaro quante fossero precisamente le figlie di Tyrsson nella ballata, ma qui diventano una sola: la bionda ed angelica Karin (Birgitta Pettersson), pia cristiana in un periodo in cui il Cristianesimo sta ancora lavorando duro in Svezia per soppiantare i riti pagani. E pagana è Ingeri (una splendida Gunnel Lindblom), serva stracciona della casa, incinta senza marito e dallo sguardo crudele.

Una corrucciata Ingeri (Gunnel Lindblom) accompagna l'angelica Karin (Birgitta Pettersson)

Una corrucciata Ingeri (Gunnel Lindblom) accompagna l’angelica Karin (Birgitta Pettersson)

Le due ragazze partono per raggiungere la chiesa del paese e, secondo copione, incontrano tre vagabondi. Qui il copione ha il primo grande scossone: i tre dovrebbero limitarsi ad uccidere e decapitare la due ragazze, ma la Isaksson aggiunge dolore al dolore: dopo uno stacco di inquadratura, vediamo Karin sdraiata… e uno dei briganti che si riallaccia i pantaloni. Non serve altro, non servono primi piani, non servono descrizioni: la pura e casta Karin non è più vergine, e la vediamo muoversi in stato di trance mentre viene raggiunta da uno dei briganti ed uccisa con un colpo di bastone. Forse non è un caso che la vergine muoia così, perché l’agnus Dei incontra sempre il bastone, il baculum.

Kartin, sconvolta dal dolore

Kartin, sconvolta dal dolore

Tutto avviene nel silenzio più totale: neanche la natura osa intervenire. Lo stesso silenzio di Ingeri, la serva che si tiene in disparte e non aiuta Karin. Non è più una morte di gruppo in nome di alti ideali: la vergine muore sola, mentre la serva da lontano osserva i briganti spogliarne il cadavere.

Il dolore muto, e immobile, di Ingeri

Il dolore muto, e immobile, di Ingeri

Si ritorna alla ballata coi tre vagabondi che cercano di vedere i vestiti della vergine a Lady Märeta (Birgitta Valberg), che riconosce gli indumenti della figlia ed invita gli uomini in casa propria. Qui Töre – ricordo che la Isaksson ha scelto la versione estesa della ballata, dove Tyrsson diventa Töre – viene a conoscenza di tutto e, chiusi a chiave i tre ospiti addormentati, si lancia in un rito di preparazione che davvero poco ha di cristiano.

La preparazione alla furia vendicatrice

La preparazione alla furia vendicatrice

Frustate di betulle, vestizione rituale e altre pratiche che durano tutta la notte, finché all’alba il padre – carico di furia muta – entra nella stanza… e compie un massacro.

La furia di Töre

La furia di Töre

«La sequenza tra il racconto dello stupro e la macellazione dei rapinatori, serve quasi come un esempio da manuale di tecnica cinematografica di Ingmar Bergman, nella sua costruzione; nel montare della tensione scena dopo scena; nella quasi totale assenza di dialogo tra tutti i protagonisti.»
Max Von Sydow

Senza dire una sola parola, senza un rimprovero o un’offesa, Töre pugnala il primo vagabondo e arde vivo il secondo: entrambi muoiono gridando di terrore. Già Lady Märeta ha abbracciato il terzo, il bambino, quello che secondo la ballata dovrebbero salvare: «Den tredje lät han lefva», il terzo si lascia vivere. Ma la Isaksson non può fermarsi: il suo Töre afferra il ragazzino, lo solleva in aria e scaraventa il suo corpicino contro la parete, uccidendolo sul colpo. «Mia sarà la vendetta e il castigo» dice il Signore (Deut. 32:35), ma in quella stanza chiusa è Töre l’unico dio, ed è lui a decidere chi vive e chi muore.

La vendetta di Töre

La vendetta di Töre

Non c’è alcuna scusante per Töre, non c’è seminfermità mentale che regga: si è preparato tutta la notte per il massacro, minuziosamente, e se i due adulti erano armati era invece inerme il bambino. Töre – interpretato da un titanico Max Von Sydow – ha le mani sporche di sangue… eppure ottiene il perdono di Dio.

Il perdono di Töre

Il perdono di Töre

«Ma tu vedi, Dio! Tu vedi, vedi la morte di un’innocente, vedi la mia vendetta e non l’hai impedito. Io non ti capisco. Eppure adesso chiedo il tuo perdono.»
Töre

Quando Töre e gli altri trovano nel bosco il cadavere di Karin, appena lo sollevano sotto di lei comincia a sgorgare dell’acqua e nasce una fontana: lì, si impegna il padre vendicatore, farà edificare una chiesa per ricordare il sacrificio della vergine.

FontanaUltimaCasa1972_GPassa un decennio e il trentatreenne Wes Craven decide di abbandonare spot pubblicitari e film porno e di dedicarsi al cinema “in grande”: in quattro giorni scrive una sceneggiatura per un film che segnerà il suo esordio e l’inizio di una lunga carriera come maestro di genere: The Last House on the Left. Già quando il 25 agosto 1972 viene depositato il suo copyright, risulta scritto chiaramente «written by Wes Craven»: nessun riferimento al film di Bergman o alla sceneggiatura della Isaksson.
I critici craveniani ovviamente corrono ai ripari: si tratta di una antica ballata medievale, nessuno ha il copyright. Vero, ma Craven non fa alcun riferimento alla ballata in questione, né nei titoli né nel contenuto: si limita a vedere il film di Bergman e a riscriverlo in chiave moderna. Nulla di male, però se lo scriveva nei titoli di testa era più onesto.

Krug (David Hess), il capo della banda

Krug (David Hess), il capo della banda

Il suo film esce il 30 agosto 1972 e arriva nelle sale italiane il 27 giugno 1973 con il titolo L’ultima casa a sinistra, pompato ad arte da locandine che inneggiano all’estrema violenza rappresentata: «Se non volete svenire, continuate a ripetervi è solo un film, è solo un film…» Se ancora non bastasse, l’edizione italiana vanta una scritta che avverte:

«Questo film è dedicato a tutti i giovani perché sappiano a quali pericoli possono andare incontro: il crimine! la droga! violenza!»

Phyllis (Lucy Grantham) accompagna l'amica Mari (Sandra Peabody)

Phyllis (Lucy Grantham) accompagna l’amica Mari (Sandra Peabody)

Tra Bergman e Craven c’è stato il ’68, e questo cambia tutto.
La vergine, pia e angelica Karin diventa la disinibita Mari (Sandra Peabody), diciassettenne emancipata che parla di “tette” con i genitori e che con la sua amica Phyllis (Lucy Grantham) decide di andare al concerto de “I Sanguinari”: altro che messa in paese! E al posto del cero alla Madonna le due ragazze vanno in cerca di droga: il giovane Junior (Marc Sheffler) accetterà di portarle da degli spacciatori che conosce.

I verdi pascoli del Vänge svedese diventano i luridi bassifondi di New York, e i tre vagabondi diventano tre pregiudicati – Krug (David Hess), Faina (Fred J. Lincoln) e Sadie (Jeramie Rain) – che racchiudono i peggiori vizi della società contemporanea: violenza, droga, alcol, pedofilia e chi più ne ha più ne metta. Ai due adulti e un ragazzo di Bergman si aggiunge una donna «dall’aspetto animalesco» (giudizio che rimanda ad idee fisiognomiche secondo cui una persona crudele porti scritta in faccia la propria natura: non si spiega però l’utilizzo di una attrice bella!) Non escludo che la scelta della donna “cattiva” sia nata vedendo gli spietati occhi di Gunnel Lindblom nel film di Bergman: la serva che con l’inazione condanna la vergine, divenendo così la quarta criminale.

Sadie (Jeramie Rain), dalla violenza animalesca

Sadie (Jeramie Rain), dalla violenza animalesca

La gang si presenta come una serie di cattivi da operetta, con accompagnamento musicale ai limiti della parodia (eseguito da David Hess, che interpreta anche il capobanda), e le forze dell’ordine sono rese buffonesche da due poliziotti pasticcioni, il più giovane dei quali (il bravo Martin Kove) lo ritroveremo dieci anni dopo come il maestro cattivo di Karate Kid.
Sulle prime sembra di star guardando una parodia, ma poi la ferocia dei quattro criminali si mostrerà in tutta la sua furia quando, rapite Mari e la sua amica, le portano in un bosco e abusano di loro con inaudita violenza. Costringono le due donne a copulare fra di loro per poi massacrare (nel vero senso della parola) Phyllis e stuprare ed uccidere Mari, in una rappresentazione della violenza che atterrisce lo spettatore proprio perché semplice, senza alcun velo, e quindi inquietantemente “naturale”.

Krug incide le sue iniziali sul petto di Mari

Krug incide le sue iniziali sul petto di Mari

«Prima la violenza cinematografica era gentile e pulita: io l’ho resa dolorosa, prolungata, scioccante e molto umana. E sono io che ho reso umani gli assassini.»
Wes Craven

Con una sequenza al rallentatore che strappa il cuore, la povera Mari si alza e inizia ad entrare lentamente in acqua alla ricerca ideale di un nuovo battesimo… ma Krug la uccide a distanza con un colpo di pistola.

Krug e il colpo di grazia

Krug e il colpo di grazia

La violenza scellerata dei malvagi sarà equiparata dalla vendetta dei genitori di Mari. Il dottor John Collingwood (Richard Towers) e sua moglie Estelle (Cynthia Carr) si vedono arrivare in casa i quattro malviventi che millantano un incidente automobilistico; visto al collo di uno di questi la collanina di Mari, la madre capisce tutto ed avverte il marito. Escono in silenzio e trovano nel bosco vicino il cadavere della figlia: i due – con incredibile sangue freddo – mettono in scena il raccapricciante teatro della vendetta. Il padre non è più solo, ora anche la madre partecipa.

La vendetta del dottor John Collingwood (Richard Towers)

La vendetta del dottor John Collingwood (Richard Towers)

Mentre mamma Estelle seduce Faina, invitandolo ad un atto di sesso orale nel bosco che finirà con un’evirazione, papà John riempie di trappole la propria casa per poi affrontare, motosega alla mano, il capobanda. Mentre nel film di Bergman ci si interroga sul silenzio di Dio rispetto alle disgrazie umane, nel film di Craven è completamente assente ogni divinità: è mostrata semplicemente la crudele natura umana in una sequenza di atti violenti privi di qualsiasi commento.

Esce fuori pure la motosega!

Esce fuori pure la motosega!

Il regista in seguito non manterrà un buon rapporto con questo film (che sembra non abbia mai più voluto rivedere), ma è innegabile che gli ha dato un’improvvisa quanto esplosiva notorietà. La violenza tanto esplicita quanto “normale” del film supera di gran lunga qualsiasi pellicola mostrata fino ad allora, aprendo le porte ad un tipo diverso di cinema horror.
Il film ha avuto problemi di distribuzione in tutto il mondo, ma il caso più eclatante rimane la Gran Bretagna, dove pare che ancora oggi la pellicola non possa essere trasmessa in una sala cinematografica.

L'ultimo treno della notte (4)Gli anni Settanta sono un periodo in cui la violenza piace, e piace tanto. Quello che all’inizio era semplice strumento per mettere in guardia contro le aberrazioni della società moderna diventa moda del momento. Tra film americani e italiani inizia una gara a chi mostra più scene violente ed efferate, così mentre esplode il fenomeno degli horror di Dario Argento, l’8 aprile 1975 esce in sala L’ultimo treno della notte di Aldo Lado.
Sceneggiatura di Renato Izzo e Aldo Lado su soggetto di Roberto Infascelli ed Ettore Sanzò: ben quattro nomi per nascondere il fatto che è il remake italiano del film di Wes Craven. Non è un caso se negli USA uscirà con vari titoli, tra cui New House on the Left.

«Preparatevi a vivere 100 minuti di indescrivibile tensione, in un’epoca di violenza che rispecchia la realtà dei nostri giorni»
[dalla locandina del 13 aprile 1975]

Da Mari passiamo a Margaret (Irene Miracle), ma l’Italia non è l’America e disinibiti va bene ma fino ad un certo punto. Così a parte fumare – già questo segno di grande depravazione morale – e parlare di ragazzi, non si va più in là con la dissoluzione dei costumi morigerati.

Margaret (Irene Miracle)

Margaret (Irene Miracle)

Margaret e Lisa (Laura D’Angelo) studiano in un collegio svizzero e per Natale stanno tornando in Italia dai parenti. Non è chiaro se siano cugine o sorelle, di padri diversi, ma a quanto pare sono entrambe legate all’austero professor Giulio Stradi (Enrico Maria Salerno), simbolo della borghesia italiana anni Settanta che le ragazze trovano noiosa e “vecchia”.

Curly (Gianfranco De Grassi) e Blackie (Flavio Bucci)

Curly (Gianfranco De Grassi) e Blackie (Flavio Bucci)

I vagabondi calano di numero rispetto a Wes Craven: sono solo Blackie (Flavio Bucci) e Curly (Gianfranco De Grassi), che suona l’armonica in evidente citazione bergmaniana, a cui in corsa si unirà una donna misteriosa e crudele (Macha Méril). Durante il viaggio notturno in un treno semivuoto le due ragazze finiranno vittime delle sevizie, fisiche e psicologiche, dei due vagabondi ma attenzione: il tutto è scritto in modo che risulti chiaramente come la vera colpevole sia la donna misteriosa, che fomenta i due ragazzi.

La spietata donna misteriosa (Macha Méril)

La spietata donna misteriosa (Macha Méril)

È lei che incita tutte le violenze che i due compiranno sulle ragazze, e quando Curly non riesce a violentare Lisa… è la donna misteriosa che lo incita ad “aprirsi la strada” con un coltello.

Lo stupro del coltello

Lo stupro del coltello

Senza mostrare se non qualche goccia di sangue, Lado crea una sequenza molto più violenta di quella di Craven, proprio perché alla violenza muta e senza motivo aggiunge una regia pregiata. Non più le immagini mostrate nude, quasi rubate, con cui Craven non voleva minimamente commentare le violenze dei suoi protagonisti, bensì una regia delicata e attenta: attenta a creare raccapriccio nello spettatore. Così mentre scorrono i ricordi di Lisa, in cui il padre e la madre ballano felici nel salone della loro casa, lentamente il coltello le penetra nelle cosce. La gonna copre tutto, ma non c’è bisogno di vedere alcun particolare: il campo largo in cui Lisa giace moribonda, fissando il cielo vuoto – l’assenza di Dio? – con un coltello che le fuoriesce dal ventre, non ha bisogno di ulteriori inquadrature.

La fine dell'incubo

La fine dell’incubo

Mentre Margaret cerca la fuga lanciandosi dal treno, e morendo nella campagna, i tre criminali scendono alla prima stazione e, visto che la donna è ferita, vengono ospitati a casa del chirurgo Stradi. Tutto va secondo copione – anche se non è chiaro se sia solo Lisa la figlia di Stradi o anche Margaret – e sebbene abbia solo prove indiziarie, totalmente aleatorie, Stradi inizia il massacro.

La vendetta del dottore (Enrico Maria Salerno)

La vendetta del dottore (Enrico Maria Salerno)

Siamo lontani dal cieco furore di Töre o dalla motosega di John Collingwood: quella di Stradi è pura seminfermità mentale dovuta al dolore accecante del momento. Uccide Curly con l’asta di una flebo ed insegue Blackie nella sua fuga, finendolo con un colpo di fucile. Tutto avviene in pochi secondi, senza premeditazione e senza alcuna reazione da parte dei criminali, come a sottolineare che sono null’altro che burattini nelle mani dei veri colpevoli. L’unica vera colpevole, infatti, è la donna misteriosa… che si salva, fingendo di essere stata tenuta in ostaggio dai due vagabondi.

Una furia molto controllata

Una furia molto controllata

Senza alcuna giustizia e con solo una vendetta parziale si chiude un film che si vanta di essere stato bocciato per due volte al visto di censura italiano (il 12 e il 18 marzo), ottenendolo solo il 26 marzo «per il suo contenuto spettacolare come denuncia di una drammatica realtà della nostra epoca».

FontanaChaosPassano vent’anni e le figlie di Tyrsson tornano a soffrire.
David DeFalco è un regista e sceneggiatore di belle speranze che vedrà la propria carriera stroncata quando, nel 2005, decide di girare un piccolo remake del film di Craven. In realtà è un plagio, visto che nessuno degli sceneggiatori precedenti viene citato e risulta il solo DeFalco come autore, da un’idea di Steven Jay Bernheim e DeFalco: per giustificarsi, una scritta iniziale avverte che è ispirato ad eventi realmente accaduti. Il film – ancora inedito in Italia – si intitola Chaos, ma visto che lo stesso 2005 c’è un film omonimo con Jason Statham, a volte è chiamato The House in the Middle of Nowhere.

Si torna all’origine svedese e le protagoniste sono sorelle: la bianca e bionda Angelica (Maya Barovich) e la moretta Emily (Chantal Degroat), figlie di una coppia mista e principalmente le classiche ragazze destinate a finire nei guai.

La moretta Emily (Chantal Degroat) e la bianca e bionda Angelica (Maya Barovich)

La moretta Emily (Chantal Degroat) e la bianca e bionda Angelica (Maya Barovich)

Partono per un rave in un bosco e appena arrivano chiedono un po’ di droga al figlio di Stallone: non è uno scherzo, il giovane spacciatore Swan è interpretato dal compianto Sage Stallone, interprete di Rocky V che morirà nel 2012 per una malattia cardiaca.

Il compianto Sage Stallone con lo psicopatico Chaos (Kevin Gage)

Il compianto Sage Stallone con lo psicopatico Chaos (Kevin Gage)

Swan porta le due ragazze direttamente dai propri fornitori: tre buzzurri campagnoli che vivono di espedienti e criminalità. La rossa spietata Daisy (Kelly K.C. Quann), lo spilungone Frankie (Stephen Wozniak) e il violento Chaos (Kevin Gage): a parte questi due ultimi nomi, il resto del cast è fatto di attori che nascono e muoiono con questo Chaos.

FontanaChaos_BAppena le due ragazze entrano nel capanno dove vivono i tre criminali, ricalcati alla perfezione sul film di Craven, scoprono che anche Swan fa parte della famiglia e si ritrovano in trappola. Inizia l’esatta riproposizione degli eventi già visti nei precedenti film, nell’esatta sequenza temporale e con risultati identici. Ma ad un certo punto esplode la novità: Chaos taglia via un capezzolo alla bionda e glielo fa mangiare

Questo incredibile e gratuito sfoggio di violenza prosegue con Chaos che pugnala a morte Angelica così da poterla possedere da dietro mentre la vita abbandona il suo corpo. Quando tocca a Frankie approfittare della ragazza, ormai questa non è altro che un cadavere… eppure non sembra essere un problema per il balordo. Non va meglio ad Emily, che dopo una lunga fuga viene riacciuffata e sodomizzata lentamente a morte con una coltello.

Si ritorna al copione consueto con i tre criminali (Swan nel frattempo è stato ucciso da Emily) che chiedono ospitalità nella casa di Leo (Scott Richards), senza sapere che è il padre delle due ragazze. Leo ha già ritrovato il corpo di Angelica e appena i tre buzzurri bussano alla porta riconosce alla vita di Daisy la cinta di Emily: invita quindi con gran piacere i tre viandanti a passare la notte da lui.
Si viene subito allo scontro diretto, niente trappole: dopo aver imbracciato il fucile il padre opta per qualcosa di più divertente come una motosega, seguendo il copione craveniano.

La furia di Leo (Scott Richards)

La furia di Leo (Scott Richards)

Il twist di sceneggiatura arriva proprio quando ormai la vicenda sembra conclusa. Solo Chaos è rimasto in vita ed è arrivata la polizia: storia chiusa, no? No, perché il primo poliziotto ad entrare in casa vede Leo che imbraccia un fucile e lo uccide; la moglie di Leo dà di matto, prende una pistola dalla tasca del poliziotto e lo uccide; Chaos si rialza e uccide il secondo poliziotto, ritrovandosi nel confronto finale – nel soggiorno pieno di cadaveri – con Justine (Deborah Lacey), la madre delle ragazze. La uccide e quindi alla fine della storia è il cattivo a rimanere in vita.
Chaos è un film dalla fotografia patinata e dalla regia ricercata, l’eccessiva dose di violenza mostrata nei minimi particolari lo portano al punto di rottura: è sicuramente la versione più violenta della storia, ma proprio per questo manca il bersaglio e passa dall’altra parte. Dalla parte del disgusto.

L'ultima casa a sinistra [2009] (3)Devono fare tesoro di questa lezione Adam Alleca e Carl Ellsworth quando scrivono l’ennesimo remake del film di Craven.

In un’epoca di remake continui, alla ricerca di qualche svogliato spettatore che ancora decida di pagare il biglietto, Hollywood scopre che esiste un modo perfetto per ovviare il “divieto ai minori” in cui incorrerebbe un film violento: fare un film totalmente privo di violenza fingendo che ne sia pieno.
Così il 13 marzo 2009 Dennis Iliadis porta al cinema la sceneggiatura dei citati Alleca e Ellsworth con The Last House on the Left, giunto in Italia direttamente in DVD il 15 dicembre successivo con il titolo L’ultima casa a sinistra.
Craven attualizzò Bergman ai tempi violenti e “corrotti” in cui viveva, mostrando scene che oltraggiassero lo spettatore per risvegliarlo dal torpore borghese. Tutto questo non si può più fare, perché quella infima manciata di spettatori anche ancora pagano il biglietto non la si può oltraggiare, e poi quello che si poteva mostrare negli anni Settanta è assolutamente impossibile mostrarlo nel 2009, così il risultato è… un film violento in cui non accade un accidenti di nulla.

Mari (Sara Paxton)

Mari (Sara Paxton)

Assistiamo annoiati a ridicole lungaggini per stiracchiare la vicenda almeno ai canonici 110 minuti (titoli compresi). Ecco che così il giovane Justin (Spencer Treat Clark) ci mette venti minuti per “rimorchiare” Mari (Sara Paxton) e l’amica Paige (Martha MacIsaac), quando bastavano venti secondi nel film di Craven; abbiamo i membri della banda – Sadie (Martha MacIsaac), Francis (Aaron Paul) e ovviamente il capo Krug (un Garret Dillahunt più fuori parte che mai) – decisamente logorroici per essere degli assassini sbandati in fuga; abbiamo infine la scena di violenza meno violenta della storia, se paragonata all’originale di cui si fa remake.

Krug, interpretato da uno sbagliatissimo Garret Dillahunt

Krug, interpretato da uno sbagliatissimo Garret Dillahunt

Bergman parla di una disgrazia (due pie donne vengono assalite da dei bruti), Craven critica un’esagerata emancipazione che porta due donne “ribelli” nella tana del lupo; Iliadis non sa di cosa parlare e pensa solo a riempire i tempi morti del film con inquadrature buone ma vuote. Il silenzio di Dio di Bergman e il silenzio dell’uomo di Craven (in cui il padre non commenterà mai l’omicidio della figlia) vengono sostituiti dal silenzio dei nuovi autori hollywoodiani, troppo impegnati con tabelle e statistiche di cosa si possa far vedere e cosa no per ricordarsi di avere un film fra le mani.

Una sequenza pretenziosa che se la tira da "cinema d'autore"

Una sequenza pretenziosa che se la tira da “cinema d’autore”

Finito lo stupro, Mari fugge in stato di trance verso l’acqua, cercando di scappare: con una sequenza di pessime inquadrature, molto pretenziose ma assolutamente inefficaci, Mari evita le pallottole in acqua come se fossimo in un action movie finché Krug non la centra, uccidendola.

Il nuovo dottor John Collingwood (Tony Goldwyn)

Il nuovo dottor John Collingwood (Tony Goldwyn)

Conclusa l’imbarazzante sequenza del bosco, la scena si sposta a casa del padre di Mari, dove si sfiora davvero il ridicolo. Una scena eternamente lunga mostra allo spettatore come John Collingwood (Tony Goldwyn), che è dottore, medica il naso rotto di uno dei malviventi: ce n’era veramente bisogno? Lunghi sguardi vuoti (d’altronde i poveri attori stanno interpretando personaggi piatti fino all’eccesso!) riempiono i lunghi tempi della scena, finché non esplode la ridicola violenza finta che chiude il film.

Aiuto, mi aggrediscono con una camicia sporca!

Aiuto, mi aggrediscono con una camicia sporca!

Niente trappole, niente motosega, al povero padre non resta che applicare la propria vendetta (priva di qualsiasi trasporto, come se stesse vendicando il furto di un accendino) a forza di spintoni e di cadute. Il cattivo di turno riceve una bottiglia di vino in testa, una martellata in faccia ed una pugnalata al cuore, alzandosi come se niente fosse successo; al povero padre viene lanciata addosso una camicia sporca… e questi cade in terra gridando! Va bene che il padre è il “buono” e quindi (regola ferrea hollywoodiana) dev’essere assolutamente privo di animosità e agire senza violenza, ma questo fa affossare il film di Iliadis in una ridicola pantomima che sbeffeggia il cinema horror più che farne parte.
Essendo un remake pedissequo e senz’anima, il film di Iliadis è vittima del peggior commento che un’opera possa subire: le parti originali non sono belle, le parti belle non sono originali.

«Li uccidiamo?» «No: obblighiamoli a guardare 'sto film!»

«Li uccidiamo?» «No: obblighiamoli a guardare ‘sto film!»

Cinque film che mettono in scena la stessa ballata medievale, la stessa storia di violenza e vendetta che si perde nella notte dei tempi. Cinque modi diversi di intendere il male ma una sola considerazione: non c’è alcuna redenzione, c’è solo violenza che genera altra violenza.
Bergman usa la violenza per puntare l’indice su Dio; Craven per mostrare l’uomo; Lado per testimoniare il cuore nero delle donne; DeFalco per testimoniare la perversione umana per la violenza; Iliadis… Non so proprio cosa voglia significare il film del 2009, visto che l’unico sforzo che il regista fa… è stare bene attento che non si inquadri mai il pube dell’attrice violentata, per non avere guai con la censura.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Saggi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

44 risposte a La violenza e la vergine

  1. Denis ha detto:

    L’ultimo l’ho visto e quello della testa nel forno a microonde?anche Verhoen nel film L’amore e il sangue ha messo una principessa vergine(ambigua) interpretata da Jennifer Jason Leigh che viene violentata da Rutger Hauer (l’anno dopo l’aprirà letteralmente in due in The Hitcher) ,gli altri non gli ho visti non so se li hanno nemmeno mai trasmessi.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Temo che siano troppo violenti per essere trasmessi in TV, e se lo fanno li massacrano di censura quindi è meglio che rimangano solo in home video.
      Sì, ricordi bene la testa nel microonde: è l’unica scena forte del film, sebbene totalmente inutile e ridicola.

      "Mi piace"

  2. Mala Spina ha detto:

    wow, non credevo che questo filone avesse delle origini così nobili! Io ho visto solo l’ultimo e già mi ha impressionato quello… Sono vecchia, non riesco più a sopportare i film dell’orrore troppo reali.
    Quasi quasi recupero Bergman.

    Piace a 2 people

  3. Cassidy ha detto:

    Questa volta ti sei superato Lucius 😉 Mi parti da Ingmar Bergman (ed io mi alzo e mi tolgo il cappello su Bergman) per arrivare a Craven, mea culpa non ho mai visto L’ultimo treno della notte ne Chaos, purtroppo invece ho visto il remake del film di Craven, inutile dire che la pensiamo allo stesso modo 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  4. loscalzo1979 ha detto:

    Bella questa escursione, sono sincero: non sapevo della storia all’origine di tutto questo filone, grazie di averla raccontata 🙂

    Piace a 1 persona

  5. Soledad ha detto:

    Jungfrukällan = La ‘fonte’ della vergine, non la ‘primavera’

    Piace a 1 persona

  6. Soledad ha detto:

    Da aggiungere, più che L’utimo treno della notte, ci sarebbe La casa speduta nel parco di R. Deodato

    Piace a 1 persona

  7. soledad ha detto:

    Certo, certo, è sempre Hess! È un film abbastanza delirante, non ho mai preso il dvd ma il film dovresti trovarlo facilmente, con mezzi più o meno leciti… 🙂

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: L’ultima casa a sinistra (1972) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  9. Pingback: L’ultimo treno della notte (1975) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  10. Pingback: Standoff (2016) Niente sanguina per sempre | Il Zinefilo

  11. Pingback: Jurassic City (2015) Dinosauri in prigione! | Il Zinefilo

  12. Pingback: House II (1987) La casa di Helen | Il Zinefilo

  13. Pingback: Autostop rosso sangue (1977) 40 anni di violenza stradale | Il Zinefilo

  14. Pingback: Satan’s Sadists (1969) | Il Zinefilo

  15. Pingback: L’ultima casa a sinistra (1972) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  16. Kukuviza ha detto:

    Interessante la storia del canto popolare svedese e che lavorone di comparazione tra tutti questi film!
    Devo dire però che questi non fanno per me…non li voglio vedere! 😀

    Piace a 1 persona

  17. Pingback: Venerdì 13 [1] (1980) Inizia il viaggio | Il Zinefilo

  18. Pingback: Venerdì 13 [2] (1981) L’assassino ti siede accanto | Il Zinefilo

  19. Pingback: Nightmare 1 (1984) Dal profondo della notte | Il Zinefilo

  20. Pingback: Halloween 1 (1978) La notte delle streghe | Il Zinefilo

  21. Pingback: Trip with the Teacher (1975) Stupro selvaggio | Il Zinefilo

  22. Pingback: Revenge (2017) Ramba 2, la vendetta | Il Zinefilo

  23. Pingback: Creatura degli abissi (1989) 30 anni in fondo al mare | Il Zinefilo

  24. Pingback: Ghostwriting 6. Non violentate gli unicorni | nonquelmarlowe

  25. Pingback: Ghostwriting 6. Non violentate gli unicorni | Il Zinefilo

  26. Pingback: Howling 1 (1977) Il romanzo | Il Zinefilo

  27. Pingback: La Storia di Alien 8. Dare forma al progetto | Il Zinefilo

  28. Pingback: La Storia di Alien 8. Dare forma al progetto | 30 anni di ALIENS

  29. Pingback: Martin Kove: gladiatore sulla Terra (1989) | Il Zinefilo

  30. Pingback: [Italian Credits] La fontana della vergine (1960) | Il Zinefilo

  31. Pingback: [Italian Credits] L’ultima casa a sinistra (1972) | Il Zinefilo

  32. Pingback: La settima donna (1978) Rape & Revenge all’italiana | Il Zinefilo

  33. Pingback: La fontana della vergine (1960) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  34. Pingback: La ballata di ’Gator Bait (1973-1988) | Il Zinefilo

  35. Pingback: Sharon Stone racconta 2. Benedizione mortale | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.