Polar Storm (2009) Tempesta polare

Tempesta polareLa statunitense CineTelFilms è una delle case votate alla serie Z che più mette impegno nel rendere inguardabili e ridicolmente stupidi i propri film. Non buffoneschi come la Asylum, ma proprio robaccia che brucia gli occhi!
Il genere “Meteo Apocalypse” è adorato da queste case – malgrado non abbiano i soldi per i necessari effetti speciali – così ecco che anche la CineTelFilms caccia fuori il suo titolo: Polar Storm.
Il film esce in patria il 28 marzo 2009 e non ho trovato tracce di distribuzione in home video, solo passaggi televisivi con il titolo Tempesta polare.

Il film è disponibile su Prime Video.

Il terremoto più photoshoppato della storia!

Il terremoto più photoshoppato della storia!

Qualcuno ricorderà Paul Ziller, onesto regista di film d’azione negli anni Novanta tra i primi a diventare di serie Z: il colpo di grazia gliel’ha dato sicuramente Don “The Dragon” Wilson con il suo Moving Target del 2000. (Chi segue il blog ha incontrato il regista per il suo Missione Mercurio del 2011.)
Un qualche strano delirio di onnipotenza spinge Ziller a non limitarsi ad una regia dozzinale e cialtronesca: vuole anche scrivere la sceneggiatura! È questo il vero evento catastrofico alla base del film!

Attenti all'elettricità ondivaga!

Attenti all’elettricità ondivaga!

Il film inizia, indovinate un po’?, con una tempesta polare: due secondi e la civiltà finisce nel cesso.
Cynthia Mayfield (Holly Elissa) e suo figlio Shane (Tyler Johnston) dopo aver ammirato a bocca aperta tutte le macchine col cofano aperto – ma perché tutti si sono messi ad aprire i cofani? – vengono colpiti da un terremoto.
Aspetta, aspetta… che cacchio c’entra ora il terremoto? Non era una tempesta polare? Viene in soccorso il regista e ci inizia a spiegare cosa è successo due settimane prima.

So' scienziato: penso e ponso!

So’ scienziato: penso e ponso!

Il dottor James Mayfield (Jack Coleman) lavora ad Hazzard ma non è un parente dei Duke: lui studia le comete, come la Copernicus che tutti dicono sfiorerà la Terra e lui invece sa che sarà un impatto distruttivo. Come lo sa? Lo sa: è così che lavorano gli astrofisici, sanno le cose.
Mentre gli scienziati prendono sotto gamba il problema, il meteorite colpisce la terra e fa iniziare una tempesta magnetica che distruggerà il pianeta: non chiedetemi perché, lo sa solo Paul Ziller.

La peggior pantomima di un TG mai apparsa in video!

La peggior pantomima di un TG mai apparsa in video!

Mayfield parla con generali e con il giovanissimo Presidente degli Stati Uniti (Roger R. Cross, all’epoca quarantenne: dubito che si possa diventare presidenti così giovani!), e a tutti snocciola supercazzole con scappellamento a destra e a sinistra sul perché la tempesta tempesterà la terra e il magnetismo magnetizzerà il pianeta e l’arcivescovo disarcivescovizzerà l’universo.
Intanto la moglie e il figlio litigano perché il giovane non si sente apprezzato mentre la madre cerca di instaurare con lui un rapporto stabile che… ma chi cazzo se ne frega, sta finendo il mondo!
Inizia la parte che TUTTI i film catastrofici mostrano: la ricerca della soluzione per il problema planetario si alterna con i ridicoli problemucci di una famiglia, inquadrata mentre corre in macchina. Perché non importa se arrivano meteoriti o tempeste magnetiche, i protagonisti entrano subito in macchina e cominciano a correre: è scritto nel contratto di ogni film “meteo-apocalypse”.

Al primo segno della fine della civiltà, tutti in macchina!

Al primo segno della fine della civiltà, tutti in macchina!

Mayfield vuole nuclearizzare la Terra per salvarla, ma gli dicono che è uno zinzinello esagerato. Così tutti si buttano in un sottomarino sovietico, perché gli USA non hanno più sottomarini attivi (!!!)
Appena salito a bordo, Mayfield prende il microfono e grida: «Navighiamo verso la storia». Eh, magari (Cassidy impazzirebbe!): purtroppo continua a raccontare le sue supercazzole scientifiche alle pareti del sommergibile, perché ormai nessuno l’ascolta più.

«Eh Ottrebrie! Ottebrieeeeeeeeeeeeee!»

«Eh Ottrebrie! Ottebrieeeeeeeeeeeeee!»

Tutti i film “meteo-apocalypse” finiscono alla stessa maniera: un colpo, risolto il problema. Nei cinque secondi finali Mayfield salva il pianeta e tutti sorridono: i soldi sono finiti, quindi tutti a casa.
Va bene che Paul Ziller è costretto a lavorare con zero budget e attori cani, ma la situazione è così per tutti: si può fare un buon film anche con zero budget. Invece il risultato è penoso e diarroico, con una regia assurda ed effetti speciali degni del Commodore64.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Meteo Apocalypse e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Polar Storm (2009) Tempesta polare

  1. Cassidy ha detto:

    Elettricità ondivaga! Terremoti in Photoshop! Basta io chiamo la polizia! 🙂
    Gli USA che non hanno sottomarini attivi è un capolavoro! 😉 Grazie mille per la citazione 😀
    Per un attimo ho temuto che quella in locandina fosse Rhona Mitra, poi Evangeline Lilly, in realtà non è nessuna delle due 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Di questi filmacci con le catastrofi o un gioco per wii Disaster Day of Crisis senti che trama delirante tramite un congegno dei terroristi fanno innescare terremoti ,maremoti e via dicendo,verrrà richiamato un’ex specialisti di salvataggi per risolvere la situazione,il gioco risulta alla fine discreto,ci vorrebbe un post sui giochi trash.

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: The Art of War II (2008) | Il Zinefilo

  4. Pingback: Sharkansas Women’s Prison Massacre (2015) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Earthstorm (2006) Arriva il Baldwineddon! | Il Zinefilo

  6. nicholas ha detto:

    il film è uscito in DVD l’anno scorso ed è stato trasmesso su italia 1 nel 2014 e il 6 giugno del 2016

    Piace a 1 persona

  7. nicholas ha detto:

    prego non c’è di che

    Piace a 1 persona

  8. nicholas ha detto:

    ieri Italia 2 ha trasmesso questo film

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: Stonehenge Apocalypse (2010) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.