Black Sea (2014)

Black SeaMi piange il cuore a inserire nel Zinefilo un film all’apparenza di alto livello come Black Sea, il cui arrivo in Italia ha fatto sì che per settimane ogni lunedì presentassi un film sui sottomarini. Gli devo questa recensione per completare lo speciale, ma soprattutto perché è un film che delude profondamente e non sfigura affatto in questo blog di filmacci.

Navighiamo verso il ridicolo...

Navighiamo verso il ridicolo…

Nel giugno del 2013 lo sceneggiatore televisivo britannico Dennis Kelly vende all’americana Focus Features una sceneggiatura dal titolo Black Sea: 96 pagine in cui Kelly ha riversato ogni luogo comune esistente sul cinema degli abissi.
La casa russa Etalon Film si unisce alla festicciola portando un po’ di attori russi e la britannica Cowboy Films assicura la genialata del film: la Vedova Nera!

Dov'è la presa USB?

Dov’è la presa USB?

Lo sapevate che tra il 1957 e il 1983 la marina sovietica ha sfornato 74 sottomarini di classe “Progetto Sovietico 641”? Sapevàtelo, la NATO li chiamava Classe Foxtrot e risale al 1967 la nascita a Leningrado del sottomarino chiamato “Vedova Nera”, di stanza nel Baltico prima di diventare nave di addestramento.
Finita la Guerra Fredda, quello che viene ribattezzato “U-475 Black Widow” diventa un sottomarino privato, e quindi un museo visitabile nel sud-est dell’Inghilterra.
Quello è il sottomarino in cui è stato girato il 90% di Black Sea, film uscito in patria britannica il 5 dicembre 2014 e arrivato nelle sale italiane il 16 aprile 2015, distribuito dalla stessa Notorious Pictures che lo porterà in DVD in vendita dal 24 settembre successivo.

Il film è disponibile su Prime Video.

«Ehi Jude, don't make it bad» Tornerai a fare film decenti

«Ehi Jude, don’t make it bad» Tornerai a fare film decenti

C’è la crisi, ormai lo sappiamo, e lo sanno anche gli sceneggiatori che da anni usano i licenziamenti come motori per le loro storie. In questo caso a perdere il posto è il sommergibilista Robinson (Jude Law), esperto del suo ramo che finisce tra gli esuberi della sua spietata Compagnia.
Cosa fa un esperto professionista qualificato quando perde il posto? Porta la sua professionalità e la sua esperienza altrove, magari a qualche azienda concorrente? No, accetta una missione per andare a recuperare il tesoro dei nazisti in fondo al Mar Nero…
Se qualcuno giudicasse la decisione uno zinzinino sopra le righe, Robinson stesso tende a precisare che l’unica altra alternativa… è andare a cuocere harmburger! D’altronde è noto che le catene di ristorazione sono sempre in cerca di sommergibilisti per i propri negozi.

«Ehi Watson, dove hai lasciato Holmes?» «A casa con tua sorella!»

«Ehi Watson, dove hai lasciato Holmes?»
«A casa con tua sorella!»

L’oro dei nazisti è lo spunto più vecchio della storia: esisteva già quando ancora non c’erano i nazisti. Sarebbe stato più credibile se fossero andati alla ricerca dell’oro del Pirata Barbanera, almeno ci facevamo due risate.
Organizzato con lungimiranza e oculatezza l’equipaggio – un quarto di russi che non parlano inglese, un quarto di inglesi buzzurri e razzisti che non parlano russo, un quarto di inesperti senza alcuna professionalità: ma che è, il sommergibile più pazzo del mondo? – si può partire per territori inesplorati… rimanendo fermi.
Voi infatti potreste pensare che questa è un’ottima occasione per vedere sequenze esotiche… be’, scordatevele: in compenso passiamo il tempo ad ammirare il giovane demente del gruppo che guarda una foto su cellulare. E dove lo carica il cellulare, nel Mar Nero?

Ragazzi, non so più che dire: qualcuno ha un'idea di cosa parlare per metà film?

Ragazzi, non so più che dire: qualcuno ha un’idea di cosa parlare per metà film?

«O Mare Nero, Mare Nero, Mare Neeeeee. E pensa che ho lavorato con Cronenbeeeee…»
Finito di cantare, Jude Law e l’equipaggio si rendono conto che siamo al decimo minuto di film: e ora che si fa per il resto della durata? Non ci sono sequenze di mare, non ci sono sequenze di terra, il budget basta appena per qualche inquadratura all’interno del sottomarino-museo “Black Widow”… Be’, suvvia, si chiacchiera.
Finite le noiose, banali e insopportabili storie personali, il palcoscenico è tutto per il ridicolo Fraser (Ben Mendelsohn) che ha l’ingrato compito di incarnare lo stereotipo del sobillatore. Perché i russi, che sono russi, devono guadagnare quanto gli inglesi, che invece sono inglesi? Immaginatevi le più ridicole variazioni su questo tema, e vi verranno proposte per almeno metà film.

Un sobillatore lo riconosci dalla fascia tra i capelli

Un sobillatore lo riconosci dalla fascia tra i capelli

Ok, la situazione langue, è praticamente una pièce teatrale ambientata in un sottomarino, solo che al contrario del teatro qui non si dice alcunché di valore né di divertente. Ah, finalmente ci siamo: abbiamo raggiunto l’oro.
Domanda: qual è la morale di tutti i miliardi di storie scritte sull’oro? Che danna chi lo trova. Domanda: secondo voi quale sarà la morale di questo film? Ah, bravi, avete indovinato.
La crisi ci costringe a rischiare la vita tipo venti volte in un’ora perché non si può tornare a casa senza l’oro dei nazisti: cioè, che volete lavorare ogni giorno della vostra vita? Ma siete pazzi? No, o l’oro dei nazisti o si muore tutti.

Forza, che le storie in cui trovano l'oro finiscono tutte bene, vero? Vero?

Forza, che le storie in cui trovano l’oro finiscono tutte bene, vero? Vero?

Di stereotipo in stereotipo, di ridicolo luogo comune in ridicolo luogo comune, il film procede con l’immancabile scena sottomarina. Altra genialata: il Mar Nero è nero, quindi non si vede una mazza, si risparmia sui fondali.
La parte sottomarina è talmente triste che devo fermarmi, perché tanto il film è finito: immaginate da soli come continua e avrete indovinato.

Che bello il Mar Nero: si risparmia sui fondali...

Che bello il Mar Nero: si risparmia sui fondali…

Il londinese Kevin Macdonald lo considero un bravo regista, e a parte The Eagle (2011) voglio segnalare il suo ottimo State of Play (2009): non era facile ridurre in due ore una spettacolare serie TV britannica di sei senza perdere il ritmo!
In questo film ha poco con cui lavorare ma ci lavora bene, così che riesce a regalare ottime scene sebbene totalmente vuote, non per colpa sua. Idem per il sempre bravo Jude Law, unico attore vero del film, totalmente sprecato per questo ruolo inutile.

Ho sempre sognato di vedere il Montana...

Ho sempre sognato di vedere il Montana…

Black Sea è un film tecnicamente eccellente ma che non ha assolutamente nulla da dire, è solo una storiella scritta per sfruttare l’occasione di girare in un vero sottomarino: non c’è nulla dietro né fa finta possa esserci qualcosa.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Sottomarini e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Black Sea (2014)

  1. Cassidy ha detto:

    Siamo allineati e coperti anche su questo film, persino la stessa citazione musicale ci siamo giocati (lo trovi anche sulla bara) Giuda Legge bravo ma con uno stranissimo accento, il film purtroppo mi ha deluso, quindi ci sta nella tua Z-Rubrica 😉 Cheers!

    Piace a 2 people

  2. Denis ha detto:

    Ma al povero Gigolo Joe che spiazzi gli son venuti?
    Ma un sommergibilista mica rimane senza lavoro ,ma fare un’equipaggio di lingua unica e mettere le russe invece dei russi no?

    Piace a 2 people

  3. loscalzo1979 ha detto:

    Sapevo che questa recensione sarebbe arrivata prima o poi XD
    Tutto nei trailer faceva presagire, come direbbe il Doc Manhattan, che fosse tutto una grande Mimmata.

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Pressure (2015) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Guida TV in chiaro 29 dicembre 2017 – 1° gennaio 2018 | Il Zinefilo

  6. Pingback: Underwater (2020) L’Alien subbaquo | Il Zinefilo

  7. Pingback: Guida TV in chiaro 14-16 febbraio 2020 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.