Killer Crocodile (1989)

Killer Crocodile 1La Fulvia Film, che a cavallo fra Ottanta e Novanta ha prodotto un gran numero di celebri pellicole italiane “mascherate” di ogni genere, raccoglie l’eredità dell’Alligator (1980) di Lewis Teague, di cui si sta preparando un sequel, per sfornare nel 1989 questo Killer Crocodile.
Non ho trovato alcuna traccia di una distribuzione in sala del film – sebbene credo proprio ci sia stata, ma magari con chissà quale astruso titolo – quindi trovo curioso che l’IMDb indichi il 30 luglio 1989 come data di uscita italiana: ho spulciato tutti i film in programmazione nei cinema di quel giorno e non c’è la minima traccia di questo né di altri titoli del regista.

Non sono qui per salvare il coccodrillo da voi, ma voi da lui. Mmm, mio padre Richard Crenna era più bravo a dire certe cose...

Non sono qui per salvare il coccodrillo da voi, ma voi da lui.
Mmm, mio padre Richard Crenna era più bravo a dire certe cose…

Il primo passaggio televisivo noto è del 22 aprile 1992, ma dopo il ’94 il film sembra scomparire nel nulla. Dopo dieci anni, precisamente il 16 settembre 2004, arriva in DVD grazie alla mitica AVO Film, che già lo aveva distribuito in VHS nel 1988… ma dubito sia una data attendibile.

Su una barca super-tecnologica, inizia il viaggio

Su una barca super-tecnologica, inizia il viaggio

Alla regia troviamo l’indimenticato Larry Ludman (il romanissimo Fabrizio De Angelis), reduce dalla creazione di Thunder III e Il ragazzo dal kimono d’oro 2. Insieme a David Parker jr. (l’altrettanto romanissimo Dardano Sacchetti) scrive una sceneggiatura onesta e ancora “fresca” per l’epoca.
Oggi di mostri cresciuti a dismisura per colpa dei rifiuti tossici ne abbiamo le fogne piene, ma nell’89 era ancora uno spunto relativamente nuovo: mi viene in mente l’altrettanto italiano Tentacoli (1977) che ha usato in precedenza questo soggetto e probabilmente qualche altro film di mostracci, ma non tantissimi.

In fatto di denti... non è che la ragazzina scherzi, eh?

In fatto di denti… non è che la ragazzina scherzi, eh?

I soliti giovani giornalisti idealisti ed ecologisti – ricordo che nell’89 l’ecologismo non era ancora così di moda e veniva visto con sospetto – scoprono che vengono gettati dei rifiuti tossici in un fiume dei Tropici. (Credo sia ambientato nelle Filippine, location quasi obbligatoria per il cinema italiano di serie B dell’epoca.)

Grande prova espressiva di Anthony Crenna e Pietro Genuardi

Grande prova espressiva di Anthony Crenna e Pietro Genuardi

I due leader del gruppo, Kevin (Anthony Crenna, figlio poco talentuoso del celebre Richard) e Mark (Julian Hampton… ma in realtà Pietro Genuardi), decidono di coinvolgere le autorità locali ma ovviamente sono tutti corrotti: a spadroneggiare nella zona è il ricco contrabbandiere interpretato dall’ex star del bianco e nero Van Johnson. (L’attore recita sempre seduto, forse per motivi di salute, ed è divertente vedere i modi che il regista si inventa per giustificare in ogni scena che il personaggio non si alzi mai!)

Povero Van Johnson, lasciatelo riposare in pensione!

Povero Van Johnson, lasciatelo riposare in pensione!

Quando è chiaro che c’è un coccodrillone di 12 metri che si pappa la gente, viene chiamato a dare una mano il grande cacciatore Joe (Thomas Moore, ma in realtà il romano Ennio Girolami, caratterista in molti film italiani di serie B dell’epoca). È ovvio che il suo ruolo è cucito addosso a quel Mr. Crocodile Dundee che con due film, prima nel 1986 e poi nel 1988, ha infiammato gli spettatori italiani: oggi è ormai dimenticato, ma negli anni Ottanta Paul Hogan ha dettato legge in Italia! (Prima con le sue comiche, trasmesse da “Drive In”, poi con il successo inarrestabile di Mr. Crocodile Dundee 1 e 2. Il terzo film è così brutto che tutti fanno finta non esista…)

— Avanti, Joe, sono più di trent’anni che ammazzi coccodrilli.
— Sì, è vero, ma forse è arrivato quello che ammazza me.

Con questi dialoghi pregni il personaggio di Joe si prepara ad essere il più inutile della vicenda. Si riscatta solo nello scontro finale, quando per attirare il coccodrillo usa il proprio sangue come esca, esclamando: «Quello vuole solo me!»

Mr. Crocodile Dundee nostrano: Ennio Girolami

Mr. Crocodile Dundee nostrano: Ennio Girolami

Malgrado il celebre compositore nostrano Riz Ortolani rielabori (leggi “copi”) il tema di John Williams per Lo Squalo, la parte del leone del film la fa il coccodrillone creato da Giannetto De Rossi, celebre “tutto-fare” del cinema italiano che nel suo sterminato curriculum può vantare la collaborazione con James Cameron per Piraña Paura (1981).

Questo sì che è made in Italy!

Questo sì che è made in Italy!

L’apoteosi l’abbiamo quando nel finale il coccodrillone si becca in gola il motore acceso della barca: altro che motosega di Sharknado!

Elica in bocca: crepa d'invidia, Sharknado!

Elica in bocca: crepa d’invidia, Sharknado!

Malgrado quello che possa sembrare, Killer Crocodile è un onesto filmetto di serie B perfettamente in linea con la moda del tempo, scopiazza gli americani quanto basta – perché tutti i film italiani del periodo lo fanno – ma ha il coraggio anche di aggiungere un proprio stile. Insomma, possiamo sbeffeggiarlo e ridergli in faccia, ma nell’epoca della Z in cui viviamo… ad avercene di film così!

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Coccodrilli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Killer Crocodile (1989)

  1. Cassidy ha detto:

    I tempi in cuoi Paul Hogan dettava legge me li ricordo bene 😉 Addirittura Riz Ortolani? Sei andato a ripescare una chicca mica da ridere oggi 😉 Confermo, la ragazzina batte l’alligatore nel confronto diretto dei dentisti 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Killer Crocodile 2 (1990) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.