Faccia di Bronson 39

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976)

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976)

L’estate del 1976 segna per Charles Bronson il ritorno alla serie A con una produzione Warner Bros piena di attori famosi: un film dal grande cast ma dal titolo breve, St. Ives.

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976)

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976)

Philip St. Ives è un personaggio nato dalla penna dello sceneggiatore Ross Thomas, che per l’occasione si firma con lo pseudonimo Oliver Bleeck. È un “intermediario”: se c’è da consegnare o ritirare un riscatto, o comunque serve una comunicazione tra un criminale e la sua vittima, allora si chiama St. Ives per sporcarsi le mani.
Questo film è tratto dalla seconda avventura del personaggio: The Procane Chronicle (1971), giunto in Italia come Cronaca del caso Procane, Garzanti “Serie Gialla” n. 23 (1973).

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976) con Robert Englund (a sinistra) e Jeff Goldblum (a destra)

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976)
con Robert Englund (a sinistra) e Jeff Goldblum (a destra)

Il romanzo di Bleeck è adattato per lo schermo da Barry Beckerman, poco prolifico sceneggiatore che però nel 1984 produrrà Alba rossa di John Milius e proprio insieme a quest’ultimo firmerà nel 1993 firmerà la sceneggiatura di Die Hard 3 (no, non quella vista al cinema). Diciamo che l’amicizia con Milius vale più del suo effettivo curriculum

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976) con Harry Guardino

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976) con Harry Guardino

Alla regia troviamo il britannico J. Lee Thompson, storico artigiano del cinema che negli anni ’50-’60 si è fatto notare con film bellici come Birra ghiacciata ad Alessandria (1958) e I cannoni di Navarone (1961): ha diretto film di ogni genere e con questo St. Ives inizia la sua collaborazione con Bronson. L’attore sarà l’ultimo che Thompson dirigerà prima di ritirarsi, 75enne, nel 1989.

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976) con Jacqueline Bisset

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976) con Jacqueline Bisset

Uscito prima in Gran Bretagna, il film esordisce a New York il 1° settembre 1986. Sugli schermi italiani arriva “di nascosto” l’8 ottobre 1976, probabilmente in proiezioni di prova: l’uscita ufficiale italiana è del 18 novembre successivo, con il titolo Candidato all’obitorio.

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976) con Maximilian Schell

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976) con Maximilian Schell

Il vecchio Abner Procane (interpretato dal celebre caratterista John Houseman) è un ladro gentiluomo in pensione… ma non troppo. Non ha più l’età per grandi furti con destrezza, ma lo stesso sta preparando un piano per qualcosa di più “di classe”: quando scopre che qualcuno gli ha rubato i documenti su cui stava appuntando il suo piano, decide di aver bisogno di un aiuto.
Chiama così l’ex giornalista Philip St. Ives (Bronson), ufficialmente scrittore di romanzi gialli ma in realtà “intermediario”. Procane vuole che St. Ives trovi il ladro ed apra una trattativa: non sono i soldi, il problema, l’importante è riavere gli appunti del piano criminale.

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976)

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976)

Per una volta libero dalla costante presenza della moglie Jill Ireland, finalmente Bronson può recitare con bravi attori: come per esempio la co-protagonista Jacqueline Bisset e un giovane Maximilian Schell, senza dimenticare il noto caratterista Harry Guardino.

"Candidato all'obitorio" (St. Ives, 1976)

“Candidato all’obitorio” (St. Ives, 1976)

In questo periodo il nostro eroe alterna film “attuali” a western: St. Ives si svolge ai giorni nostri, quindi… un western è dietro l’angolo!

(continua)

Tutte le foto in bianco e nero sono tratte da
The Films of Charles Bronson” di Jerry Vermilye, Citadel Press 1980.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Charles Bronson e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Faccia di Bronson 39

  1. Cassidy ha detto:

    Candidato all’obitorio l’ho visto una vita fa, mi ricordo davvero pochino, sarebbe ora di rivedermelo per rinfrescarmi la memoria 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Faccia di Bronson 40 | Il Zinefilo

  3. Pingback: Faccia di Bronson 42 | Il Zinefilo

  4. Pingback: Pseudobiblia in Giallo 5 | nonquelmarlowe

  5. Pingback: La legge di Murphy (1986) Trent’anni di Mèrfi | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.