[Asylum] 6 Guns (2010)

6_Guns_ALa miglior casa produttrice di filmacci, The Asylum (un nome, un programma), non lascia alcun genere intentato, così eccola impegnata nel più classico, storico, ed amato (almeno negli USA) dei generi cinematografici: il western.
Il 30 marzo 2010 fa uscire in home video negli USA 6 Guns, che non sembra avere alcuna intenzione di arrivare in Italia: eppure la Minerva Pictures distribuisce da noi ogni più lurida porcata della Asylum…
Il regista Shane Van Dyke è un attore-sceneggiatore televisivo che proprio da questo titolo vuole iniziare la carriera anche dietro la macchina da presa, mentre alla sceneggiatura troviamo Geoff Meed, attore prolifico (che abbiamo incontrato nel recente Bermuda Tentacles) che ama comparire in ruoli da cattivo nei film che scrive, come per esempio nel piccolo gioiello I Am Omega (2007), rivisitazione del classico di Richard Matheson in chiave martial-horror che ho recensito nel saggio Mondi Paralleli.

Geoff Meed, che nella Asylum ci sguazza alla grande

Geoff Meed, che nella Asylum ci sguazza alla grande

David Stevens (Riley Polanski) ha una bella famigliola nel Far West, e lo sappiamo tutti che fine fanno le belle famigliole nel Far West… Infatti arriva una banda di rudi criminali e massacrano prima i figli davanti ai genitori, poi tirano un colpo in testa a David e infine vedono bene di violentare l’ultima rimasta viva: la madre di famiglia Selina Stevens (Sage Mears).
Prima di andarsene, il capo banda Lee Horn (il citato Geoff Meed, sceneggiatore del film) incarica il più bonaccione della banda di uccidere la donna: ovviamente, come previsto dallo stereotipo, questi non lo fa ed ora Selina inizia la sua lunga strada per la vendetta.
Si imbatte per caso in Frank Allison (interpretato da Barry Van Dyke, figlio del leggendario attore Dick Van Dyke e a sua volta padre del regista di questo film!), cacciatore di taglie di scuro vestito e creato seguendo ogni noto luogo comune sul personaggio.

Barry Van Dyke, figlio di Dick, padre di Shane... e poi dicono che il nepotismo è solo italiano!

Barry Van Dyke, figlio di Dick, padre di Shane… e poi dicono che il nepotismo è solo italiano!

Inizia la parte in cui il vecchio e rude bounty hunter insegna ad una giovane ma decisa donzella a sparare per uccidere, mentre lei gli insegna di nuovo a sentire il proprio cuore battere. È una serie di situazioni davvero scontate e già viste, però sicuramente hanno sempre il loro fascino.

Ci si diverte sempre, alla Sagra del Luogo Comune

Ci si diverte sempre, alla Sagra del Luogo Comune

Un film classico senza alcun tentativo di creare qualcosa di diverso, foss’anche una singola scena inaspettata: tutto è regolare e tutto accade nel momento esatto in cui ci si aspetta che accada. Manca quella scintilla di follia e ridicolo che ha reso grande la Asylum, e 6 Guns quindi perde qualsiasi fascino per chi pensi di vedere un film schizzato Asylum Style. A meno quindi che non siate patiti per il western classico, potete benissimo saltare questo titolo: mi sento però di consigliarvelo lo stesso, perché dimostra quanto un pizzico di buon gusto possa rendere piacevole anche la più scontata delle storie.

L.

amazon

– Ultimi film western:

– Ultimi film Asylum:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Inediti, The Asylum, Western e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a [Asylum] 6 Guns (2010)

  1. Cassidy ha detto:

    “Barry Van Dyke, figlio di Dick, padre di Shane… e poi dicono che il nepotismo è solo italiano!”
    Sui questa sono morto dal ridere 😉 “I Am Omega” mi manca… Un chicca 😉 Il Western Asylum è una fregatura insomma… Tanto per cambiare. Cheers! 😉

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Diciamo che è fin troppo “normale” per essere un film Asylum, manca di pacchianate ed è un western super-classicissimo. La casa si era distratta 😛
      “I Am Omega” lo voglio ripescare per il blog, è un film che ha uno spunto di sceneggiatura geniale… ovviamente abbandonato dalla dabbenaggine Asylum!

      Mi piace

  2. Ivano Sato ha detto:

    Bellissima nuova incursione Z-western Lucius!!! “6 Guns” sembra la versione femminea di “Da uomo a uomo”. 😉

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: [Asylum] Bermuda Tentacles (2014) | Il Zinefilo

  4. Pingback: [Asylum] Independents’ Day (2016) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.