Dead Rising: Watchtower (2015)

Dead Rising Watchtower (4)

Consultando Wikipedia scopro che Dead Rising è un videogioco Capcom del 2006 che, grazie al successo riscontrato, ha avuto diversi seguiti. [In seguito ce ne ha parlato Denis nella sua rubrica di videogiochi].
Sembrava dunque inevitabile che uscisse fuori il film ufficiale: Death Rising: Watchtower. Come dite? Il solito trucchetto con cui il cinema morente e squattrinato mendica qualche spicciolo dagli appassionati di un medium molto più ricco come quello dei videogiochi? Che maligni che siete…
Distribuito dalla Sony Pictures, ma prodotto da piccole case improvvisate, il film esce negli USA il 27 marzo 2015 e la Kaze (?) lo porta in DVD italiano il 14 ottobre 2015.

Bonzo lo Zombo!

Bonzo lo Zombo!

Alla regia troviamo un tecnico degli effetti speciali come Zach Lipovsky che ogni tanto gioca a dirigere qualcosa, mentre alla sceneggiatura c’è l’esordiente Tim Carter. Insomma hanno puntato sui grandi professionisti!

Altro che aspirina...

Altro che aspirina…

Finalmente una casa farmaceutica, la Pherotrans («Restiamo umani» è lo slogan!), ha creato un vaccino contro la zombìa: se vieni morso da una delle creature, basta prendere uno Zombrex al giorno e si rimane umani.
Come dite? Uno Zombrex al giorno toglie lo zombie di torno? Naaaa, non ce lo vedo come slogan pubblicitario…

Jesse Metcalfe: tutto caruccio, tutto pettinato...

Jesse Metcalfe: tutto caruccio, tutto pettinato…

L’eroe (va be’, si fa per dire) della storia è il giornalista d’assalto Chase (Jesse Metcalfe), dal bel faccino da schiaffini e i capelli sempre pronti all’attacco, e che probabilmente deve il suo nome di finzione al fatto che l’attorino è stato co-protagonista della bella serie televisiva Chase (2010).
Vuole fare lo scoop del secolo e il trovarsi proprio nel bel mezzo di un “focolaio zombie” è un bel colpo di fortuna: Chase infatti scopre che lo Zombrex non sembra più fare effetto, e quindi le centinaia di “vaccinati” ora si stanno trasformando in zombetti affamati. Strano che i tanti polemici “no vaccini” italiani non abbiano cavalcato questo film come manifesto anti-vaccini…

Quando ti fregano il parcheggio, è naturale che ti trasformi così!

Quando ti fregano il parcheggio, è naturale che ti trasformi così!

Chase si collega con una importante emittente locale e fa sapere al mondo questa scottante verità, mentre in studio lo incoraggia un altro giornalista che deve il suo successo al mondo zombie: Frank West, interpretato dal simpatico attore televisivo Rob Riggle (lo avrete visto in decine di sit-com).
Mentre West interviene ogni tanto con siparietti divertentissimi, Chase continua a cercar di fuggire dalla zona di quarantena dove l’esercito americano ha chiuso i contagiati.

Rob Riggle, volgare e cialtrone come piace a noi!

Rob Riggle, volgare e cialtrone come piace a noi!

A capo dell’esercito troviamo il generale Lyons, interpretato dal bravo e celebre Dennis Haysbert, attore di alto livello che deve evidentemente aver finito i soldi per partecipare a un filmetto così dozzinale.
Lui non vorrebbe nuclearizzare la zona di quarantena, è convinto delle parole di Chase che forse esiste una cura, testimoniata dalla “paziente zero” Crystal (Meghan Ory), ma nel dubbio – da Aliens in poi – è sempre meglio nuclearizzare…

Povero Dennis Haysbert, quanto se la passa male per apparire qui?

Povero Dennis Haysbert, quanto se la passa male per apparire qui?

Oltre ad una mamma che dovrà decidere il destino di sua figlia zombie – un piccolo ruolo che sembra ritagliato per la brava Virginia Madsen, milioni di volte più brava del suo fratello Michael, quello sì uno zombie! – c’è da segnalare il solito cazzone di turno che non può mancare in film del genere: il nuovo re dei sopravvissuti, che se la comanda guidando la sua banda di mentecatti motociclisti che muoiono come mosche.
In questo caso è interpretato da Aleks Paunovic ed è protagonista di una delle pochissime scene da salvare di questo filmetto.

Non è più una ragazzina, ma Virginia Madsen rimane sempre bravissima

Non è più una ragazzina, ma Virginia Madsen rimane sempre bravissima

La cultura popolare è piena di motoseghe, ed anni prima di Sharknado la Asylum ha riportato in auge questo strumento con una scena epica: il massiccio Ving Rhames che affronta uno zombone alla motosega in Zombie Apocalypse (2011).

Give me some chainsaw, baby!

Give me some chainsaw, baby!

Questo Dead Rising non vuol essere da meno, sa che dovrà fare qualcosa di cazzuto… così nel finale vediamo Chase e Crystal affrontare il perfido Logan usando due motoseghe e un decespugliatore! Questo film però non ha l’epica dell’Asylum né il suo gusto del ridicolo: tutta la sequenza è molto cialtronesca e rovina qualcosa che poteva essere mitico.

The String Trimmer Man!

The String Trimmer Man!

Non mancano piccole chicche, in questo Dead Rising: Watchtower, però sono annacquate in due ore – due lunghissime ore – di filmetto dozzinale.
Peccato, poteva essere una bella sarabande di motoseghe e decespugliatori…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Cine-Game, Zombie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Dead Rising: Watchtower (2015)

  1. Cassidy ha detto:

    Lo Zombrex è ottimo anche contro il mal di testa, purtroppo non funziona con i film mosci 😉 Hai ragione, le motoseghe sono ovunque, per altro contro gli Zombie non sono certo così comode, nel manuale di Max Brooks era molto ben illustrato 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Il primo Dead Rising l’ho finito 5-6 volte ,il protagonista era proprio Frank West(che mi sembra ricalcato su Julian Mahon di Nip Tuck) che andava in Iper mega Supermercato a fare uno scoop con migliaia di zombie e i boss(gente impazzita per la diffusione del morbo )chiamati psicopatici(c’era il clown con 2 motoseghe) e potevi usare tutti gli oggetti come armi e combinarli.
    Infine dopo 3 giorni arrivava l’esercito a volerti fare le penne.
    Il gioco non è campione di vendite ma e ottimo per via della alta difficoltà e la scelta del tempo limite costringe a cosa fare e chi salvare.

    Piace a 1 persona

  3. Giuseppe ha detto:

    Anche l’Umbrella Corporation nuclearizza qua e là, se non ricordo male, solo che per classificare queste operazioni adotta un più sfumato e burocratese “sanitarizzare” 😉

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: [Videogiochi] Dead Rising 1 & 2 | Il Zinefilo

  5. Atroxsaurus ha detto:

    Che dire… uno dei film sugli zombie più ridicoli di sempre. Non so se possiamo chiamarlo Z movie, ma è brutto.

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Dead Rising: Endgame (2016) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.