Komodo (1999)

KomodoIl 15 settembre 1999 al Toronto Film Festival viene presentato – con che coraggio? – un film che deve aver lasciato tutti a bocca aperta: Komodo. È facile immaginare lo stupore degli spettatori di fronte a una storia che non cerca neanche di essere un minimo degna: una pellicola tecnicamente ineccepibile che cade in picchiata in serie Z, nelle fauci del Zinefilo.
Presentato in home video in patria l’8 agosto 2000, Komodo è la prima e unica prova registica dell’esperto di effetti speciali Michael Lantieri, coinvolto da oscuri produttori in un lavoro sceneggiato dalla consolidata coppia Hans Bauer e Craig Mitchell. I due in seguito scriveranno l’ottimo Identikit di un delitto con Richard Gere, e il solo Bauer ha all’attivo i primi due film di Anaconda che sono di tutto rispetto: com’è possibile che i due abbiano potuto tirar fuori questo abominio di film?
Curiosamente la distribuzione italiana in DVD e VHS targati CVC porta la data 23 marzo 2000 per il noleggio e 3 maggio per la vendita: che sia uscito prima in Italia che negli USA?

Non posso lasciare aperte le zanzariere, che entrano subito bestiacce in casa!

Non posso lasciare aperte le zanzariere, che entrano subito bestiacce in casa!

A chi è che non è mai successo di far cadere inavvertitamente delle uova di Varano di Komodo? Sono cose che succedono, soprattutto se si viaggia su un’isola gestita da biechi industriali. Con questo espediente plausibilissimo il film vorrebbe raccontarci di un’isola – probabilmente nel Queensland australiano, dov’è stata girata la pellicola – in cui i Komodo scorazzano sfondando porte e mangiandosi ogni essere vivente. Visto che questi varani sono animali esistenti, e non si comportano così, sarebbe simpatico che ci spiegassero il motivo di questa violenza travolgente. Rimane tutto vago.
Caso vuole, poi, che Victoria (Jill Hennessy, celebre per il suo ruolo di vice-procuratore nella serie Law & Order) sia una psichiatra (o sedicente tale) decisa ad aiutare il giovane Patrick Connally (Kevin Zegers) a superare il suo shock. Il giovane s’è visto la famiglia pappata da un Komodo anni prima, ma nessuno lo sa: neanche lui, visto che ha rimosso tutto. Victoria, che ha tanto tempo ed energie da perdere, torna sull’isola che ha traumatizzato il giovane per guarirlo: ma quanto è plausibile questa trovata?

Una psichiatra che attraversa il mondo per curare un bambino: plausibilissimo!

Una psichiatra che attraversa il mondo per curare un bambino: plausibilissimo!

Ovviamente arrivano subito i varani e si parte con la caccia. Visto che l’isola è deserta bisogna buttarci dentro qualche altro personaggio se no il film dura mezz’ora, così entrano in scena due buffoneschi killer dementi, che quando il capo ordina di uccidere non capiscono bene: certi concetti difficili in effetti richiedono arguzia particolare.
La storia procede banale e inutile con i Komodo che sbucano da ogni dove e i protagonisti che fanno di tutto per farsi pizzicare: scendono in cantine umide, si infilano in tuboni oscuri, vagano in giro di notte per la vigna, insomma sono disposti a pagare pur di farsi mangiare da un varano, che magari non aveva neanche voglia. Ogni tanto i killer chiamano il capo e chiedono cosa debbano fare, e quello giustamente ripete che devono uccidere tutti, ma ogni volta è difficile capire bene cosa intenda.

I realtà i varani stanno fermi: i personaggi muoiono da soli!

I realtà i Varani stanno fermi: i personaggi muoiono da soli!

Comunque abbiamo anche il puntuale momento in cui il giovane fa i conti col passato e si vendica dei genitori uccisi, strappando il cuore a un Varano: chi è che non sa cavar via il cuore da un lucertolone gigantesco dalla pelle coriacea? Ovviamente, manco a specificarlo, a mani nude.
Intanto i killer cercano di capire cosa debbano fare, perché gli ordini del capo di uccidere tutti sono davveri criptici e sibillini. Per fortuna uno dei due, morendo, crea un momento lirico rivelando di aver comunque vissuto una bella vita. È un killer idiota che ha passato gli ultimi suoi anni su un’isola deserta con dei Komodo come compagnia: è davvero una gran bella vita!

Komodo sarebbe un film di serie B per l’ottimo apparato tecnico, ma l’assoluta dabbenaggine della sceneggiatura lo piazza in pole position fra i sequel apocrifi di serie Z che verranno, privi di qualsiasi sufficienza tecnica.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Bestiacce e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Komodo (1999)

  1. Cassidy ha detto:

    La battuta sulla zanzariera è geniale 😉 Peccato che il film degeneri così tanto, poveri Varani, al cinema finiscono sempre a fare da tappezzerie, anche 007 in uno dei suoi film gli zompettava sulla testa, poveretti 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    E’ l’unico della serie “varana” che ricordo di aver visto di sicuro: assolutamente d’accordo sull’apparato tecnico (Lantieri, del resto, è del mestiere), e per quanto riguarda chiedere anche la presenza di una sceneggiatura meno cogliona di questa, qualcuno deve aver pensato che -trattandosi di rettili- bastava affidarsi al nostro “cervello rettile” per scriverla, appunto… Insomma, fatti due conti, più Komodo di così si muore! 😉

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: La maledizione di Komodo (2004) | Il Zinefilo

  4. Pingback: Komodo vs Cobra (2005) | Il Zinefilo

  5. Pingback: Anaconda Adventure | Il Zinefilo

  6. Atroxsaurus ha detto:

    Avrebbero dovuto scegliere la Megalania, un varano preistorico ormai estinto. Praticamente uguale nell’aspetto a un varano di Komodo, però più grande.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.