Natural Born Killer (1994) Assassino nato

Killing ManLascio la parola ad un mio lettore – che ha scelto di firmarsi Willy l’Orbo – che ci parlerà di un film vintage… anzi, Zintage! Una chicca rarissima che trovare in lingua italiana è roba da archeologi, per cui lo ringrazio di cuore di questa sua testimonianza e gli lascio subito la parola.
L.

Natural Born Killer
di Willy l’Orbo

Anno del Signore 1994, quello degli afosissimi mondiali americani, della discesa in campo del Berlusca e di un film cult come Natural Born Killers – Assassini Nati. Ma, in tutto ciò, cosa c’entra Jeff Wincott? Appurato che il nostro non ha intrapreso né una carriera calcistica né politica vi propino 3 ipotesi riguardanti la pellicola sopra citata:

  • In fase di produzione fu proposto al buon Jeff il ruolo di protagonista ma questi rifiutò sdegnosamente lasciando così campo libero a Woody Harrelson.
  • Il nostro eroe marziale si ritaglia, nel film in questione, un piccolo cameo in cui sfodera le proprie, indiscusse, qualità, non ve lo ricordate? Eppure…
  • Il film The Killing Machine di David Mitchell, ove Jeff si esibisce come protagonista, assume, nello stivale, il titolo di Assassino nato, lampo di genio dei produttori italiani che, cresciuti a pane e volpe, tentano di sfruttare l’onda lunga del successo di Assassini Nati.

La verità, chiaramente, alberga nella risposta 3, quella meno onorevole, quella più di nicchia, quella che rimembra la tipica paccottiglia anni ’90. Tuttavia, a onor del vero, il risultato di tale cialtronesca furbata non è un film così pietoso.

Il nostro, alias Harlin Garrett, è nientedimeno che un temutissimo killer creduto morto e sepolto ma in realtà “riportato in vita” da una losca organizzazione governativa che ne vuole fare un sicario dedito ad eliminare personaggi ritenuti pericolosi per la sicurezza della nazione. Harlin non è entusiasta di questo utilizzo ma, tra minacce e teste mozzate, lo costringono a fare buon viso a cattiva sorte: quando però emergeranno le vere finalità dell’associazione, tutta intenta a fare piazza pulita degli omosessuali e delle prove delle responsabilità governative nella diffusione dell’AIDS, e subentrerà un sentimento d’affetto per una dottoressa, allora… miracolo! L’ex killer ora killer e in futuro ancora killer scoprirà di avere una coscienza.

Al di là di queste piccole gioie non aspettatevi da Jeff acrobazie marziali di strabordante fattura visto che la pellicola in questione costituisce lo spartiacque tra la sua carriera più marcatamente marziale e la virata verso il poliziesco. E qui di poliziesco ce n’è in abbondanza tra richiami fantascientifici, tesi del complotto, venature di denuncia politica e sociale e chi più ne ha più ne metta.
Ne esce un minestrone in cui gli ingredienti sono, colpevolmente, un po’ insipidi (nel senso di poco approfonditi) ma il cui sapore, al contempo e nel complesso, non è malaccio, insomma non ci si annoia e un ruttino di soddisfazione glielo si può concedere. E poi qualche chicca il film la riserva, dall’inizio riflessivo come una seduta di psicanalisi («Chi sono, cosa sono?») a Michael Ironside che fa il cattivo come Belzebù comanda, senza dimenticare un finale interessante ma che non spoilero per coloro che volessero gustarsi l’opera (nessuno vero? Sento le balle di fieno che rotolano nella mia testa).

Ah! Quasi dimenticavo… e la fauna femminile? Tipico profluvio di zinne così middle-anni ’90 e scene cult come quando, per testare i riflessi del redivivo, gli mandano un’infermiera che alla domanda del nostro su chi fosse e che cosa volesse replica candida «Voglio fare l’amore con te».
Aggiungiamo che non si tratta di un’invereconda buzzicona ma di una modella scesa direttamente dal pianeta Playboy e ringraziamo il trash pacchiano che per quanto inverosimile ci fa così tanto divertire ed immedesimare nei protagonisti che non sono sbiadite riedizioni della piccola fiammiferaia ma semplici assassini resuscitati per miracolo da associazioni segrete intergovernative, foraggiati con squillo di lusso, chiamati a fare i killer di omosessuali e giornalisti d’inchiesta, esperti di arti marziali.
Tutto molto bello. Tutto molto plausibile. Tutto molto Jeff Wincott.

Willy l’Orbo

Assassino natoP.S.
Riprendo la parola per mostrarvi la rarissima locandina italiana – grazie al venditore di eBay salvatore100870 – e farvi notare una curiosità: l’immagine di Wincott è stata ripresa anni dopo per la copertina di Segretissimo n. 1347 (14 dicembre 1997)… con l’aggiunta di un pizzetto!
L.

1347

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Natural Born Killer (1994) Assassino nato

  1. Denis ha detto:

    Ha Ha l’infermiera porcona c’era anche in Nightmare 3,meno buone quelle di Silent Hill(sono morte e ti vogliono accoltellare),questi film “sani”sono scomparsi dai palinsesti ormai i film d’azione sono pieni di fighetti che si scambiano battutine per tutto il film che non fanno ridere ,invece i vecchi eroi solo qualche mitico one liner,poi c’era sempre clichè del collega che a 3 giorni dalla pensione moriva sempre(starsene l’ultima settimana in ufficio no?)

    Liked by 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Zintage è un colpo di genio, potrebbe quasi essere il titolo di una rubrica dedicata ai vecchi film 😉 Ottimo il commento del Pirata Willy L’orbo, ma quante volte ha fatto il cattivo in carriera Michael Ironside? Bah forse faccio prima a chiedere quante volte ha fatto il buono 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  3. Giuseppe ha detto:

    Questo curioso “Assassino nato”, esaustivamente recensito da Willy l’Orbo, credo faccia parte di quei pochissimi film (sia con Jeff Wincott che con Michael Ironside) mancanti alle mie visioni anni ’90… Ma ci sono poi stati anche dei passaggi televisivi, al di là dell’edizione in VHS?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...