Primeval (2007) Paura primordiale

PrimevalUna vera storia da brivido racconta di un enorme coccodrillo, che i locali chiamano Gustav, che ha divorato decine e decine di persone… ed anche una casa produttrice, la Hollywood Pictures, nata negli anni Novanta con grandi film e fallita creando Primeval. Brrr, le storie vere mettono i brividi!
Il film esce in patria il 12 gennaio 2007 e arriva sugli schermi italiani il 27 luglio successivo (fonte: ComingSoon.it) con il titolo Paura primordiale: a tempo di record, la Hollywood Pictures (appoggiandosi alla Buena Vista) lo porta in DVD il 21 novembre successivo.

Gli splendidi paesaggi sono già un buon motivo per vedere il film

Gli splendidi paesaggi sono già un buon motivo per vedere il film

La coppia d’acciaio formata da John D. Brancato e Michael Ferris ha iniziato nel 1990 a scrivere sceneggiature con lo pseudonimo collettivo di Henry Dominic, poi hanno “sfondato” con The Net (1995) e sono passati alla serie A con l’ottimo The Game (1997) di David Fincher.
Poi però è cominciato il declino artistico e i due hanno scritto sceneggiature altamente discutibili come Terminator 3 (2003) e 4 (2009), Catwoman (2004) e Il mondo dei replicanti (2009): tra tutte queste, quella di Paura primordiale forse è la migliore. Non perché sia un film innovativo, ma forse perché è meno pretenzioso.

No, vi prego! Ho appena fatto Dracula: il coccodrillone no...

No, vi prego! Ho appena fatto Dracula: il coccodrillone no…

Il giornalista di grido Tim Manfrey (l’ubiquo Dominic Purcell che riesce a stare in ogni filmetto gli capiti a tiro) l’ha fatta grossa e ha falsificato le fonti per un suo articolo, cosa che rischia di rovinargli la prestigiosa carriera: potrebbe diventare parlamentare italiano!
Il suo direttore lo mette in punizione facendogli seguire l’indagine di Aviva Masters (Brooke Langton), giornalista che ha a cuore i diritti umani degli africani e bla bla bla.
Insieme al cameraman Steven Johnson (Orlando Jones), il classico nero da portarsi sempre nelle missioni rischiose perché è sicuro che sarà una vittima, si parte tutti per il Burundi.

Se vi serve un black buddy come vittima, Orlando Jones è l'uomo per voi

Se vi serve un black buddy come vittima, Orlando Jones è l’uomo per voi

Qui il contatto locale Jacob Krieg (un Jürgen Prochnow sempre in splendida forma) li guida al fiume che sarà protagonista del servizio giornalistico: il fiume dove un enorme coccodrillone – che i locali chiamano Gustav – si è pappato non si sa più quanta gente.
Ad aiutare i giornalisti c’è Matt Collins (Gideon Emery), presentatore televisivo specializzato in trasmissioni dove rompe le balle ai coccodrilli, tipo il compianto Steve Irwin di Croc Files. Matt userà le sue conoscenze per stanare il coccodrillone così da riprenderlo e fare un servizione per le emittenti americane.
Ovviamente non andrà affatto così.

Ehi, dove sta scritto che il nero è il primo a morire?

Ehi, dove sta scritto che il nero è il primo a morire?

Il coccodrillone Gustav sta bene nel suo fiume a mangiucchiarsi le persone, e non ha intenzione di cadere nelle ridicole trappole dei protagonisti: anzi nottetempo gli piace andarseli a pappare uno alla volta.
Si aggiungono poi le solite rivolte popolari e i ribelli armati, così che alla fine solo una minima parte del film è dedicata realmente al coccodrillone.

Una delle rare scene con coccodrillo

Una delle rare scene con coccodrillo

Per essere la prima ed unica prova cinematografica del regista televisivo Michael Katleman, Paura primordiale è un ottimo prodotto tecnico con una stupenda fotografia.
La bellezza però si ferma qui, e la trama non brilla certo per intuizioni: si limita a ripetere identica la solita trama dei filmacci con bestiacce, sfoggiando almeno un bel coccodrillo rifatto al computer.
Qualche trovata, anche piccola, o qualche tentativo di personalizzare la storia sarebbe stato gradito, ma evidentemente non erano queste le intenzioni degli autori.

Ecco come hanno fatto a far lavorare Purcell: minacciandolo!

Ecco come hanno fatto a far lavorare Purcell: minacciandolo!

Paura primordiale è un onesto filmetto con coccodrillone, che a differenza degli altri presenta un buon cast e un’ottima regia: oltre questo, niente più.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Pubblicità

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Coccodrilli e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Primeval (2007) Paura primordiale

  1. Cassidy ha detto:

    Orlando Jones, era circa un milione di anni che non lo vedevo, per il resto mi hai ricordato l’altroce Dracula (Drake) di Dominic Purcell nel terzo Blade (Facciapalmo). Avrebbero potuto mettere più coccodrillo e meno attori, forse facevano tutti un affare 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Visto non male certe volte dei piccoli film rendono di più forse perchè non c’è hype a gonfiarli,ieri mi son visto Sheena c’era una scena che mi ha fatto ridere un’elefante scava una fossa con lo proposcide per la sciamana appena morta e l’altra c’è iil giornalista con Tanya Robert che si lava nuda e non entra a lavarsi anzi la fa allontanare (mamma mia che pirla ai una gnocca bionda occhi azzurri e stai li?argh!) e infine comandava telepaticamente gli animali, infatti anni dopo Selen ci fa la parodia porno La regina degli elefanti.
    Te l’hoi scritto perchè il film mi ha fatto venire in mente i fumetti dell’altro blog che scrivi

    Piace a 1 persona

  3. Giuseppe ha detto:

    Tecnicamente, un prodotto di tutto rispetto. Che, ai fini della storia, avrebbe guadagnato qualcosa di più se il coccodrillo fosse stato 1) più in scena e 2) maggiormente caratterizzato come bestione dotato di intelligenza estranea alla sua specie, sulla falsariga de “Lo Squalo” o della romanzata versione dei leoni mangiatori di uomini dello Tsavo in “Spiriti nelle tenebre” (giusto per fare un paio di esempi)…

    Piace a 1 persona

  4. loscalzo1979 ha detto:

    “Il coccodrillone Gustav” … non mi ricordavo che la lingua africana avesse una forte influenza russa XDDD

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.