Perimetro di paura (2008)

Perimetro di pauraQuando la famigerata The Asylum distribuisce un tuo film… vuol dire che stai sbagliando qualcosa!
Non se ne cura Eric Red, che i più nostalgici ricorderanno per aver esordito nel 1988 con il piccolo gioiello Le strade della paura (Cohen and Tate), road movie nerissimo con due “rapitori” d’eccezione come Roy Scheider e Adam Baldwin. Come solo sceneggiatore Red ha creato miti come The Hitcher. La lunga strada della paura, Il buio si avvicina (Near Dark) e Blue Steel. Bersaglio mobile, giusto per citare i film più apprezzati. Dopo lo stupendo ma discusso No Control. Fuori controllo (1996) – di cui prima o poi dovrò parlare – Red scompare dal cinema e si dedica, pochissimo, alla TV.

Il mondo era quasi salvo, ma dopo anni di silenzio Eric Red ricompare scrivendo e dirigendo questo Perimetro di paura (100 Feet, 2008), dalla non facile distribuzione.
Dopo aver girato per festival in giro per il mondo, la Asylum lo distribuisce negli USA il 26 aprile 2009. Esce in Italia in DVD Cecchi Gori a noleggio il 4 novembre 2010, in vendita dal 1° dicembre successivo.

La sempre affascinante Famke Janssen con il bravo Bobby Cannavale, qui più antipatico che mai

La sempre affascinante Famke Janssen con il bravo Bobby Cannavale, qui più antipatico che mai

Marnie Watson è una criminale e il detective Shanks (interpretato dall’ottimo caratterista Bobby Cannavale) la tratta da schifo, con disprezzo e astio: cosa avrà fatto mai una donna con il sinuoso e intrigante volto dell’olandese Famke Janssen?
Perimetro di paura ENGLa risposta arriva subito: cedendo alla ripetuta violenza familiare di suo marito, ha reagito e l’ha fatto fuori. Solo che il mascalzone domestico – interpretato, lo scopriamo dalle foto mostrate in video, dal noto frequentatore di filmacci Michael Paré – era collega ed amico di Shanks, che sebbene indifferente alle passate richieste d’aiuto della donna ora è ben attento a fargliela pagare.

La bella marnie si ritrova dunque segretata in una casa dove dovrà scontare un anno di arresti domiciliari, con tanto di bracialetto alla gamba: non potrà allontanarsi al di là di trenta metri e sarà quindi difficile sottrarsi all’inquietudine di vivere nella casa dove si è commesso un crimine.
Malgrado la casa sia di proprietà di Marnie, l’averla condivisa con un marito violento e averlo poi ucciso fra quelle mura non rende l’abitazione molto accogliente. I giorni passano tesi e Marnie comincia a vedere quello che ci aspettiamo sin dalla prima immagine: il fantasma del marito infame. È il senso di colpa della donna a palesarsi o davvero il perfido maritino ha lasciato nella casa la sua impronta malvagia?

Non sembra, ma è Michael Paré

Non sembra, ma è Michael Paré

Ambientato apparentemente a Brooklyn, ma in realtà con gli interni girati negli studios di Budapest, il film affonda le radici nel più classico dei generi classici – ghost house, la “casa infestata” – riuscendo comunque ad inserire un elemento di diversità: la protagonista non può fuggire dalla casa per via del suo braccialetto elettronico. Inoltre il rapporto con il fantasma, che per quanto violento e truculento è pur sempre l’ex marito, aggiunge un pizzico di sapore ad una storia che, ovviamente, è banalissima e scontatissima.

Una scena rozza ma ben costruita

Una scena rozza ma ben costruita

Dire che Perimetro di paura è un buon film è ovviamente troppo, ma per alcune soluzioni visive – e la raccapricciante morte di una delle vittime – è lo stesso un titolo che merita una visione, anche solo di sfuggita.

L.

amazon

– Ultimi post sulle “Ghost House”:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House, The Asylum e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Perimetro di paura (2008)

  1. Cassidy ha detto:

    Eric Red ha scritto un sacco di titoloni, peccato che sia scivolato così, anche perchè è brava Famke Janssen (e si lascia guardare), mentre Bobby Cannavale si sta ritagliando una carriera da faccia da stronzo (abbiamo bisogno di attori così). Peccato per i passagi scontati, perchè il soggetto non era niente male. Cheers! 😉

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Inizia molto bene e fa ben sperare: poi scivola su ogni ovvietà e banalità immaginabile, rovinando un ottimo soggetto.

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Ma infatti: si comincia alla “Eric Red che tutti ricordiamo” per poi proseguire alla “Per favore, qualcuno potrebbe ricordare a Eric Red che lui sa fare molto meglio di così? Magari prima che finisca il film, se non è di troppo disturbo.” Purtroppo, non si sono presi il disturbo… Peccato, perché perfino Michael Paré arriva qua e là ad essere uno spettro convincente (e disarticolante 😉 ).

        "Mi piace"

      • Lucius Etruscus ha detto:

        E’ un peccato perché gli elementi ci sono ma vengono tutti sprecati!

        "Mi piace"

  2. Denis ha detto:

    Cannavale ha la faccia più da malavitoso il film l’ho visto la scena che hai messo e quella dopo che Famke si tromba il commesso del negozio sotto gli occhi del fantasma di Parè(metafora della sua carriera cinematografica e per fortuna non si chiama Purè).
    Ti segnalo questo giallo erotico dei Vanzina per via dei nomi e della trama ricorda i fumetti che recensisci Mystere senti che nomi :Mystere,il pappone Visone e il commissario Colt e la storia per colpa di un accendino d’oro rubato a un laido panzone le povere squillo d’alto bordo(le splendide Barbara Bouchet e Janet Agren si trovano in un’inghippo internazionale.

    Piace a 1 persona

  3. André Lechat ha detto:

    A me è piaciuto molto. Certo non brilla per originalità (sul tema ricorda non poco ENTITY,1981) ma è ben curato e mantiene la tensione;si vede che è costruito per la Janssen che per altro è bravissima a rendere tutte le sfumature del suo personaggio. C’è un solo omicidio mi pare di ricordare ma che omicidio! Ti rimane impresso nella mente…Comunque c’è di peggio in giro.
    Una visione la consiglio sicuramente.

    Piace a 1 persona

  4. nicholas ha detto:

    il film è stato trasmesso da Rai 2 il 17/6/15

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: The Hitcher (1986) 30 anni di strada della paura | Il Zinefilo

  6. Pingback: ALIEN 3 by Eric Red (1) | 30 anni di ALIENS

  7. Pingback: Le strade della paura (1988) Trent’anni di mito ignoto | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.