Home Invasion (2016) Assediati in casa

Assediati in casaPiccole case affidano ad un piccolo regista il compito di dirigere attori un tempo famosi in un piccolo film inutile: Home Invasion.
La Universal lo ha portato in questi giorni in DVD italiano a noleggio con il titolo Assediati in casa: sarà in vendita dall’8 giugno prossimo.

Lo sconosciuto David Tennant dirige un film scritto da Peter Sullivan, sceneggiatore specializzato in film televisivi natalizi: cosa mai potrà dare al genere thriller? Comunque l’abbiamo già incontrato per Turbulent Skies (2010).
Il nostro Sullivan non si sforza più di tanto, così in 84 minuti scarsi allunga il brodo a non finire perché non risulti così chiaro che… non c’è sceneggiatura!

Ve la ricordate Natasha Henstridge?

Ve la ricordate Natasha Henstridge?

La mamma divorziata Chloe (Natasha Henstridge) si ritrova in una grande casa con il figlio Jacob (William Dickinson), ragazzo difficile che dice di odiarla perché gli manca il padre. Chloe affronta il problema così come si affronta ogni problema al cinema: bevendo litri di vino rosso. Avete mai visto una donna in un film fare qualsiasi altra cosa?
Intanto dei misteriosi omaccioni pericolosi, mascherati da fatine veneziane, entrano in casa alla ricerca di qualcosa non meglio specificato, così Chloe chiede aiuto all’agenzia che gestisce il suo sistema d’allarme.

Ve lo ricordate Jason Patric? Che brutta fine...

Ve lo ricordate Jason Patric? Che brutta fine…

Quando risponde Mike (Jason Patric), che fino a un attimo prima se la tirava da dirigente e non sembrava proprio un operatore telefonico, la situazione promette bene: chi è questo Mike? L’aiuterà davvero o è qualcuno in combutta con i criminali penetrati in casa? Sento odore di thriller…
Troppa fantasia, lo sceneggiatore è molto più sterile: Mike è nessuno, semplicemente un modo per allungare il brodo. Inizia così una sequenza di inutili chiacchiere particolarmente fastidiose tra i due protagonisti.

Che cattivi, mascherati da principesse!

Che cattivi, mascherati da principesse!

Intanto i criminali si muovono scompostamente di qua e di là, in attesa che lo sceneggiatore scriva qualcosa per loro: l’attesa sarà vana.
Il geniale piano è di entrare in casa vestiti con mascherine ridicole – e immotivate, visto che uccidono tutti: da chi si dovrebbero nascondere? – e rubare qualcosa che il padrone di casa, all’insaputa della moglie, ha conservato in cassaforte. Cosa? Non si sa, allo sceneggiatore non è proprio venuto in mente nulla.
Così assistiamo al triste spettacolo di criminali così organizzati da provare ad aprire una cassaforte col martello.

Uno Scott Adkins più inutile del solito

Uno Scott Adkins più inutile del solito

Tra i mentecatti troviamo un inaspettato Scott Adkins, che ormai sbuca fuori dai film più impensati: qualsiasi minchiata sembra meglio che tornare a dare due calci in video, attività per cui è diventato famoso.
L’attore fa il cattivo con poca convinzione, anche perché la trama è talmente ridicola che onestamente non potrebbe fare di meglio.
Il momento più basso del film è quando Adkins costringe la padrona di casa ad aprire la cassaforte, operazione che occuperà lunghissime decine di minuti con la donna che piange e gira la combinazione mentre Adkins come un ebete grida a raffica «Aprila!» Possibile ci vogliano venti minuti per aprire una cassaforte? E l’assurdo è che alla fine non sapremo mai cosa contenga quella dannata cassaforte.

La vera protagonista del film... la cassaforte!

La vera protagonista del film… la cassaforte!

Un film inutile e fastidioso, senza trama ma con qualche felice trovata registica. Gli attori sono bravi ma non è che da soli possono fare miracoli…

L.

– Ultimi post simili:

– Ultimi post su Scott Adkins:

amazon

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Home Invasion (2016) Assediati in casa

  1. benez256 ha detto:

    “Una trama inconsistente per attori appannati che non sanno cosa fare”…beh direi che le premesse per un gran bel film ci sono tutte!

    Piace a 2 people

  2. Cassidy ha detto:

    Natasha Henstridge e Scott Adkins hanno fregato anche me, hai riassunto tutto alla perfezione, un film unitile e tedioso, fanno cose sceme sulla base di una trama da nulla, Scott torna a tirar calci! 😉 Cheers

    Piace a 2 people

  3. Giuseppe ha detto:

    Potrebbe essere andata in questo modo:
    Adkins: “Aprila!”
    Henstridge: “Ci sto provando, cristo, ci sto provando!”
    Adkins: “APRILA!”
    Henstridge: “Quale parte di ci-sto-provando non ti è chiara?”
    Adkins (esce dal personaggio): “Lo so, Tasha, ‘sti rincoglioniti mi fanno ripetere battute a raffica! Da Yuri Boyka a questo, ma che sto facendo…”
    Henstridge (fuori dal personaggio pure lei): “Non è colpa tua, Scott. Guarda me, da mostra spaziale di successo e attrice carpenteriana a casalinga divorziata costretta a difendersi da un branco di psicopatici buffoni che sembrano scappati dal Carnevale di Venezia!”
    (La professionalità prevale, si rientra nei personaggi)
    Adkins: “APRILAAA!”
    Henstridge: “Ecco! Ci sono riuscita! L’ho aperta, la tua fottuta cassaforte!”
    Adkins/Henstridge (smettono di colpo di recitare guardando all’interno, insieme): “Ma… MA… PETEER! ECCO DOVE ERA FINITA QUELLA CAZZO DI SCENEGGIATURA!!” 😀
    P.S. Che infelicissimo caso di omoninimia “Whoviana”, questo David Tennant…

    Piace a 2 people

  4. Kukuviza ha detto:

    Per un attimo ho creduto che David DrWho Tennant si fosse messo a dirigere sta roba. Mi pareva strano…

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: You’re Next (2011) Interno di famiglia con assedio | Il Zinefilo

  6. Pingback: The Black Room (2017) Il Demone Scopone | Il Zinefilo

  7. Pingback: Guida TV in chiaro 24-26 luglio 2020 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.