Black Water (2007)

Black WaterIl giovane Andrew Traucki e il suo amico David Nerlich, realizzatori di effetti speciali con ambizioni registiche, scrivono e dirigono il loro primo film: e per Nerlich è anche l’ultimo!
Presentato in anteprima al tedesco Nuremberg Fantasy Filmfest il 3 agosto 2007, Black Water esce in patria australiana solo il 24 aprile 2008: risulta ancora inedito in Italia.

Inizia il casting per il film: chi è il primo?

Inizia il casting per il film: chi è il primo?

Traucki e Nerlich hanno un’idea che mi sento di definire geniale: una storia minima con tre attori e una testa di coccodrillo. Costo zero. Se il film guadagna un dollaro… è un dollaro di guadagno netto!
L’Australia pullula di coccodrilli e di storie sui coccodrilli, quindi la sceneggiatura di scrive da sola: basta sigillarla con la scritta più falsa nella storia del falso. Cioè “ispirato ad eventi reali”.

Mmmm, carne di sceneggiatore, così piena di fibre...

Mmmm, carne di sceneggiatore, così piena di fibre…

Una famigliola va in gita estiva per parchi acquatici e pesca nel fiume. Se vi sembra che andare in quattro – padre, madre, figlia e guida turistica – su una ridicola barchetta in mezzo a paludi infestate di coccodrilli sia un’idea quanto meno farlocca, vuol dire che siete più intelligenti di uno sceneggiatore medio.
Ovviamente la famigliola mica si va ad infilare in una palude qualsiasi, no: ne sceglie una mai frequentata dagli esseri umani, così da essere proprio sicuri sicuri che nessuno verrà in aiuto. Quando un coccodrillo ribalta la barchetta, io la chiamerei poetic justice

Ragazzi, mi sa che la vacanza può dirsi finita

Ragazzi, mi sa che la vacanza può dirsi finita

La guida turistica in un secondo sparisce, plausibilmente nello stomaco del coccodrillone, e i tre familiari trovano riparo su un albero. Fine del film. No sul serio: la trama è questa!
A voler essere buoni si potrebbe pensare ad una storia kinghiana, una storia di assedio in luogo ristretto che sguinzaglia la creatività dello sceneggiatore: personaggi assediati su un albero mentre nell’acqua sottostante si aggira un coccodrillo che non si vede mai se non per le bollicine d’aria che emette. Non è male, ma gli sceneggiatori in questo caso non sanno che fare.

Vedrete che commenti negativi su TripAdvisor!

Vedrete che commenti negativi su TripAdvisor!

Ci si sposta su un ramo, si va sull’altro ramo, si scende dal ramo, si sale sul ramo, e poi si riparte. La Macarena alberata riempie l’intero film con pause in cui i personaggi cercano di raggiungere la barca per andarsene.
Un’idea perfetta per fare un film a costo zero, ma ben presto ci si annoia assai e si comincia a parteggiare per coccodrillo: vuoi per favore mangiarti ‘sti deficienti così finisce la storia?

L'anno prossimo, si va in vacanza a Baghdad!

L’anno prossimo, si va in vacanza a Baghdad!

Sebbene sia un filmetto miserrimo, in mano ad altri sceneggiatori Black Water sarebbe stato un ottimo piccolo film, perché queste situazioni di “assedio in spazio aperto” sono molto intriganti: rimane invece un prodotto noioso che si salva giusto nel finale. Lo scontro tra la figlia e il coccodrillo non è malaccio, sebbene moltissimo sotto tono.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Coccodrilli e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Black Water (2007)

  1. Cassidy ha detto:

    Anche se l’header del tuo blog è fighissimo, dovresti aggiungere anche un coccodrillo, ormai sei il padrino degli alligatori 😉 Per altro film come questi ti fanno fare il tifo per cocco e le sue squame, visto che i protagonisti sono degli idioti patentati 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      All’inizio avevo provato a fare un logo con coccodrilli, squali e serpentoni, i veri protagonisti del blog – a cui poi si sono aggiunte le scimmie – ma veniva un’ammucchiata e ho preferito un solo squalone 😛

      "Mi piace"

  2. benez256 ha detto:

    Secondo me i film di alligatori in Australia sono come i film di Boldi e de Sica. Ma almeno gli alligatori fanno ridere…

    Piace a 1 persona

  3. Giuseppe ha detto:

    Film a costo zero, ragion per cui nemmeno il coccodrillo era pagato abbastanza per fare il suo dovere predatorio fino in fondo 😉
    Poi, per mettere un freno all’abusatissima scritta “ispirato ad eventi reali” bisognerebbe cominciare a pensare ad una variante più onesta, del tipo “realmente non c’è evento che possa ispirarlo” oppure “Fosse realmente ispirato, sarebbe un evento!” 😀

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      La scritta migliore l’ha usata Maccio Capatonda per “Italiano medio”: Ispirato ad una storia falsa! 😀
      Comunque non ci avevo pensato: il coccodrillo si vede pochissimo, mi sa che era scontento della paga 😛

      "Mi piace"

  4. Pingback: The Reef (2010) Assedio in mare aperto | Il Zinefilo

  5. nik96 ha detto:

    questo film è molto meglio di altri film con i coccodrilli come lake placid 2 e 3 questo è guardabile c’è molta tensione e una bella ambientazione l’unica delusione è che è ancora inedito in italia.

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Beneath (2013) L’assedio del pesce | Il Zinefilo

  7. Pingback: Crawl (2019) Intrappolati nella Z | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.