Il grande Joe (1998)

Mighty JoeIl povero Merian C. Cooper ha visto i suoi sogni e la sua carriera di sceneggiatore andare clamorosamente in frantumi quell’agosto del 1949, quando uscì al cinema Il re dell’Africa e si rivelò un flop di dimensioni colossali: guadagnò così poco che non coprì neanche le spese.
Quel giorno il “piccolo Kong”, noto come Mighty Joe Young, venne sepolto insieme alle ambizioni di Cooper: se quei critici spietati e quegli spettatori delusi avessero potuto vedere che porcata immane avrebbe saputo fare la Disney di quel film…

Per un flop non serve un gorilla grande, ma un grande gorilla!

Per un flop non serve un gorilla grande, ma un grande gorilla!

Per il cinquantenario del più sfortunato scimmione cinematografico, la RKO Pictures – pallida ombra moderna di ciò che è stata la storica RKO – si unisce alla più potente Walt Disney Pictures per ricordare a tutti quanto sia devastantemente scadente Mighty Joe Young: un film sbagliato che viene ulteriormente rovinato dal ridicolo buonismo spicciolo disneyano.
A rovinare la storia di Cooper ci pensa la coppia Mark RosenthalLawrence Konner, onesti sceneggiatori che da decenni alternano filmacci a filmetti, e che tre anni dopo firmeranno il delirante Planet of the Apes (2001) di Tim Burton!
La regia, di maniera ma gradevole, è firmata da televisivo Ron Underwood, che all’epoca veniva da grandiosi successi cinematografici come Tremors (1990) e Scappo dalla città (1991).

Mighty Joe Young, il più sbagliato dei gorilloni

Mighty Joe Young, il più sbagliato dei gorilloni

Il film esce in patria il 25 dicembre 1998, ed arriva sui nostri schermi il 26 marzo 1999 (dopo un’anteprima il 21 precedente) con il titolo Il grande Joe.
La Walt Disney Home Video lo porta in VHS e DVD nel 1999, in edizioni immediatamente scomparse dai cataloghi: se ne cercate una copia la trovate solo su ebay e siti simili. Pare che la Warner Bros abbia rilasciato un’altra VHS il 13 dicembre 1999 e un altro DVD il 31 maggio 2000: anch’essi scomparsi dai radar…

Maledetto sceneggiatore di remake...

Maledetto sceneggiatore di remake…

La storia è uguale ma diversa: e infatti è sbagliata in modi che Cooper non avrebbe mai sognato!
Non sono più gli anni Quaranta, così la bambina protagonista non è più la figlia di un cacciatore bianco in Africa, che parla ai neri ignoranti come se fossero dei beoti: è figlia di un’attivista dei diritti animali che bla bla bla. Aggiungente una stupidata a caso e ci avrete azzeccato.
Il bieco, brutto, antipatico cacciatore con la barba Strasser (il solito caratterista croato Rade Serbedzija) vuole cacciare i gorilla e parla con accento straniero: è il simbolo di tutto ciò che c’è di male al mondo! Uccide la mamma di Joe perché è cattivo cattivissimo, e spara pure alla mamma di Jill, perché è super-cattivissimo cattivissimo. E impreca in slavo, perché è cattivissimissimissimissimissimissimo!

Cara Charlize... girati e fammi un Martini!

Cara Charlize… girati e fammi un Martini!

Finita questa buffonata, passano 12 anni e Jill è diventata Charlize Theron, quando aveva ancora un volto umano e non al botulino: totalmente priva di curve e scialba come un manichino, è incredibile che siano sue le più belle chiappe del mondo pubblicitario dell’epoca! (La Martini avrà centuplicato le vendite con quel suo spot!)
Jill impedisce ai bracconieri di fare del male ai gorilla perché bla bla bla, e tiene nascosto il suo “fratellone” Joe: un gorillone one one con cui ama giocare a nascondino…
Un giorno però arriva Gregg O’Hara e Jill si chiede: dopo il successo internazionale di Twister (1996) e Titanic (1997), che cacchio ci fa qui Bill Paxton? Non c’è risposta alla domanda: probabilmente non aveva niente da fare e si è presentato sul set: gli hanno dato un copione a caso e il regista l’ha lasciato libero di fare faccette buffe senza motivo.

Vai Bill, fai facce a caso tanto qui conti come il due di picche...

Vai Bill, fai facce a caso tanto qui conti come il due di picche…

Arriva il cacciatore barbuto croato cattivone one one, che vuole uccidere Joe, e Gregg convince Jill che lo scimmione sarà più al sicuro a Los Angeles: e sì che è lo stesso Bill Paxton che a Los Angeles viene maciullato da Predator 2!
Dopo 12 anni di vita nella foresta, si parte tutti e si va a Los Angeles, stando attenti a non fare un qualche remake di Crocodile Dundee: magari un Gorilla Dandee in versione femminile! (Quella è una banana? Questa è una banana!)
Buttato Joe in uno zoo palesemente incapace di contenerlo – gestito dal bravo David Paymer, sebbene qui sia totalmente fuori parte – la situazione precipita quando arriva il barbuto croato cacciatore cattivissimerrimo: non ci crederete, ma non è rimasto in Africa a sparare alle ombre, bensì ha seguito il TG per sapere dove fosse finito un gorillone di mille quintali…

Non le assomiglia, eppure è Charlize Theron!

Non le assomiglia, eppure è Charlize Theron!

Capito che il cacciatore li ha trovati, l’astuta Jill ha un colpo di genio: torniamo in Africa! Ma che sei, una demente decerebrata?
Comincia la penosa scena in cui un gorillone Disney distrugge la città: una ignominiosa comica con Joe che fa le boccacce e i ragazzini che gli ridono dietro. Si salva solo la scena quando scala il celebre Los Angeles Chinese Theater.
Salva due ragazzini di passaggio e così si riscatta. Fine di questa tristissima porcata.

Sono il re del... Los Angeles Chinese Theater!

Sono il re del… Los Angeles Chinese Theater!

Capisco che i produttori hollywoodiani non ragionano seguendo criteri umani, ma perché prendere un film gonfio di razzismo, di cattivo gusto e di violenza contro gli animali… per farne un remake in un’epoca super-censurata e bacchettona in cui non si può neanche citare tutto questo?
Ogni aspetto del film di Cooper è stato peggiorato, ma visto che già l’originale è stato un clamoroso flop… cosa speravano di ottenere? Buonismo a spruzzo e attori palesemente svogliati completano l’opera.
Mighty Joe Young è uno sbaglio colossale, e rifarlo dopo cinquant’anni dimostra che… è uno sbaglio colossale in qualsiasi momento venga girato!

L.

– Ultimi post simili:

VEDI IL FILM A € 2,99

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Scimmie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Il grande Joe (1998)

  1. Cassidy ha detto:

    “Per un flop non serve un gorilla grande, ma un grande gorilla!”
    “Cara Charlize… girati e fammi un Martini!”
    Avviso a tutti gli utenti, dopo queste due Internet oggi resterà chiuso per raggiunto limite di genialità.

    No dai quella del Martini, sono scoppiato a ridere sul bus con tutti che mi guardavano, meraviglia!! 😀

    Hai ragione su tutta la linea, sulle chiappe di “Carlina Terrona” e sull’inutilità generale di questa Disney-operazione, Bill Paxton avrà pensato che un film con l’Africa di mezzo, potesse riportarlo da Cameron, inteso come James, ma gli è andata male.

    Il gorillone era figo, ma in generale lo fanno comportare con un pupazzo da Disney store, rivogliamo il film originale! 😉 Cheers

    P.S. Grazie per la Tremors-citazione, Bro-fist!

    Piace a 2 people

  2. Giuseppe ha detto:

    La faccia di Paxton è quella di chi, avendo capito all’improvviso il livello generale del film, cerca le parole giuste per proporre una soluzione onorevole che salvi la faccia a tutti i partecipanti: non proseguire oltre con la lavorazione del film (“Io dico che decolliamo e nuclearizziamo… Questa è l’unica sicurezza!”)… 😉

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Bisognava nuclearizzare, sì… ma con Bill sul set! 😀
      Scherzi a parte, all’epoca Paxton aveva appena fatto il salto di qualità e dopo “Twister” del ’96 anche i più distratti critici sapevano il suo nome. (Noi fan lo amavamo sin dagli anni Ottanta!) Fa “Titanic” che è un bel salto di qualità… e poi ‘sta buffonata di film? Va be’ che Bill coi piccoli film ci ha sempre vissuto, ma qui si esagera!

      "Mi piace"

  3. loscalzo1979 ha detto:

    Anche la Teron può cannare

    Piace a 1 persona

  4. nik96 ha detto:

    ti confesso che quando ho sentito parlare di questo film ero molto scettico all’idea di vederlo dato che i i filmoni con scimmioni i gorilla devono sempre morire come in King Kong o Tarzan della Disney i gorilla s’innamorano delle bionde attrici infatti non mi sorprende che questo film sia stato un Flop la trama è simile a quella di King Kong ad ogni modo questo è un film da evitare almeno in Rampage il gorilla George non muore.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      L’originale, di cui questo è un remake, è nato proprio per sfruttare il successo di King Kong e poi una storia d gorilla al cinema non è che conosca molte altre trame 😛
      Rispetto a quella roba di Rampage, “Il grande Joe” è un capolavoro! 😀

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.