[WIP] Born Innocent (1974)

Born InnocentNeanche un anno dopo L’esorcista (1973), la quindicenne Linda Blair si ritrova in cella per vivere un altro inferno: quello del WIP!
Girato dalla Tomorrow Entertainment per il canale televisivo NBC, ecco Born Innocent, liberamente ispirato al romanzo omonimo del 1958 di Creighton Brown Burnham, portato in Italia da La Tribuna nel 1960 con il titolo Nate innocenti.
Born Innocent - Burnham - Nate innocentiTrasmesso in patria il 10 settembre 1974, arriva nei cinema italiani il 16 settembre 1976 con il titolo La ragazza del riformatorio.
Gira quasi in sordina per anni nelle sale nostrane, con il fuorviante lancio pubblicitario «Istinti a fior di pelle», poi dopo qualche passaggio televisivo su piccoli canali locali negli anni Ottanta… il film scompare totalmente in lingua italiana, non esistendo prova di alcuna distribuzione in home video.

Il regista Donald Wrye è specializzato in film televisivi anni Settanta e sembra firmare ogni fotogramma con una scritta che dica: sì, sono gli anni Settanta e sono dannatamente fieri di esserlo. Questo rende il film spaventosamente fermo nella sua epoca: non dico datato, ma proprio immobile negli anni Settanta.
Con pellicola sgranata, colori opachi e vestiti orrendamente anni Settanta, il film si apre con il tema sonoro di Fred Karlin eccessivamente strappalacrime: sembra una rielaborazione di quello celebre di Love Story (1970)! Con queste note sofferenti vediamo pratiche poliziesco-burocratiche svolgersi lentamente in video, per ricreare la fredda sensazione di un arresto.

Dopo l'Esorcista, Linda Blair scende in un altro inferno

Dopo l’Esorcista, Linda Blair scende in un altro inferno

La giovanissima Christine “Chris” Parker (Linda Blair) è stata in pratica abbandonata dai propri genitori ed ora dovrà affrontare da sola tutta la trafila giudiziaria che la porterà in riformatorio, poi in una specie di comune nei campi, poi in una famiglia adottiva che ovviamente non potrà durare, e poi di nuovo nella comune. (Forse è una casa-riformatorio, ma in mancanza di celle e sbarre preferisco chiamarla “casa”.)
Questo itinerario doloroso dovrebbe essere il viaggio all’inferno della protagonista, l’insieme cioè delle esperienze che spezzeranno in lei l’innocenza dell’adolescenza per renderla un’adulta disillusa e cinica. Non si può credere alla famiglia, istituzione ipocrita totalmente aleatoria, né si può credere nel sistema, visto che spezza vite invece di ricostruirle: quale potrà mai essere dunque il destino di una ragazza “nata innocente”?

Più che un carcere sembra un college...

Più che un carcere sembra un college…

In realtà lo sceneggiatore Gerald Di Pego non sembra avere bene in mente dove andare, o forse ha ricevuto dai produttori indicazioni contrastanti: deve fare un film fortemente didascalico, che insegni ai giovani che la criminalità è brutta e puzza; ma siamo negli anni Settanta e la violenza regna sovrana sullo schermo (in modi che nel moralista e bacchettone Duemila neanche si immagina) e quindi bisogna inserire scene di forte impatto, fisico e psicologico; ma ci dev’essere tanto sentimento perché in fondo è un prodottino da pomeriggio televisivo…
Insomma, il povero sceneggiatore va a sbattere ovunque cercando di accontentare tutti, creando personaggi bipolari che da ragazzine imbronciate si trasformano in guerriere della notte!

Riabilitare le criminali studiando l'Europa del 1914!!!

Riabilitare le criminali studiando l’Europa del 1914!!!

Del tutto gratuita e immotivata la scena dello stupro della povera Chris, che non si capisce in realtà bene che scena sia e a cosa serva.
Nella comune una ventina di ragazze vivono senza alcuna restrizione con una sola guardiana, e non succede niente: poi d’un tratto mentre Chris fa la doccia la prendono, la immobilizzano e la stuprano con il manico di uno scopettone. Dopo di che Chris si rialza e a posto così, come se niente fosse…
Per quanto non si veda nulla, visto che il film è pensato per la TV, la scena è di fortissimo impatto ma in realtà non serve a nulla: la sceneggiatura non ha creato una base di violenza per il film e quindi quella sembra più una scena appiccicata con lo sputo per stuzzicare il pubblico più smaliziato. (Non a caso campeggia in alcune locandine italiane dell’epoca!)

Una scena violenta appiccicata con lo sputo

Una scena violenta appiccicata con lo sputo

Non è davvero un peccato che il film sia dimenticato in Italia da più di vent’anni, ma evidentemente l’esperienza WIP non è bastata a Linda Blair… che tornerà ancora sull’argomento!

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in WIP e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

14 risposte a [WIP] Born Innocent (1974)

  1. Cassidy ha detto:

    Come creare traumi infantili, passare da Pazuzu al carcere minorile 😉 Mi sa che hai colto il problema, nella foga di accontentare tutto, lo sceneggiatore ha fatto un compitino… Adesso aspetto gli altri capitoli con la Signorina Blair 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. benez256 ha detto:

    Cavolo, credevo di averlo visto solo io questo film. E l’avevo fatto solo perchè credevo che dopo lo stupro con lo scopettone della tettuta (a 15 anni) Linda Blair il film rimanesse più o meno su quella falsariga. Invece è tedioso oltre ogni limite!

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: [WIP] Red Heat (1985) | Il Zinefilo

  4. Pingback: [WIP] Nightmare in Badham County (1976) | Il Zinefilo

  5. Pingback: La casa 4 (1988) Witchcraft | Il Zinefilo

  6. Pingback: La ragazza del riformatorio (1974) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  7. Pingback: [WIP] Savage Island (1985) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.