Warnings (2003) Presagi di morte

WarningsContinua la rassegna dedicata al Principe Biondo della Z.

Torna la famigerata UFO (Unified Film Organization), la casa totalmente priva di vergogna che abbiamo già conosciuto per Python (2000) e Shark Hunter (2001). Non produce solo filmacci con bestiacce – come Boa vs Python (2004) e il ciclo Lake Placid – anzi allarga il raggio di interessi ad ogni genere esistente, e visto che nel 2002 tutto il mondo è rimasto estasiato ad ammirare la facciona immobile di Mel Gibson in Signs di M. Night Shyamalan, cercando di capire quale dei due nomi noti stesse maggiormente prendendo in giro gli spettatori, la UFO decide di presentare al terrificante Sci-Fi Channel un bel filmone scopiazzone: Silent Warnings. Non sfugga il fatto che la casa UFO presenti un film sugli UFO. Anzi, gli UFI!
Uscito in patria il 3 maggio 2003, con chili di pelo sullo stomaco la Universal si umilia a portarlo in VHS e DVD italiano addirittura il giorno dopo, con il titolo Warnings. Presagi di morte, ristampandolo poi il 16 marzo 2005.

Non dite che non siete stati avvertiti...

Non dite che non siete stati avvertiti…

Il tecnico degli effetti speciali Christian McIntire si ritrova sceneggiatore e regista e non sa che fare: a chi affidarsi perché il film raggiunga lo standard di ignominia che il pubblico tanto ama? La risposta è ovvia: bisogna affidarsi a Stephen Baldwin, principe della Z!
Ma a tutto c’è un limite e per qualche strano motivo il nostro eroe non è così disponibile come negli altri film che abbiamo incontrato qui nel blog, così alla fine la sua partecipazione si limita ai dieci minuti scarsi che aprono il film… ma minuti di altissima qualità sulla Scala Baldwin!

Quiz prima del film: riconosci Stephen Baldwin in questa foto...

Quiz prima del film: riconosci Stephen Baldwin in questa foto…

Il nostro Stephen interpreta il cugino Joe, un demente hillbilly schizzato che parla da solo con un fantoccio – probabilmente interpretato dal regista stesso! – e spara di notte al suo campo di grano. Cosa lo spinge? Ci sono per caso degli spingitori di Stephen Baldwin?
La risposta è più semplice, e sta tutta nella nostalgia che Stephen sente per gli altri suoi fratelli, dal gusto migliore del suo. Ormai li ha persi di vista, e quando hai perso i tuoi fratelli… li cerchi nel grano!

Cerco un cerchio nel grano di gravità permanente...

Cerco un cerchio nel grano di gravità permanente…

Ebbene sì, nell’abisso di abominio di questa sceneggiatura ci sono i cerchi nel grano, e quando arrivano i parenti dementi del cugino Joe si chiedono chi abbia fatto quei cerchi. E domandano allo sceriffo redneck Billy Zane, grande attore dall’occhio spento: perché non cerchi chi fa i cerchi?

Billy "Occhio Spento" Zane

Billy “Occhio Spento” Zane

In una sequela imbarazzante di buffonate buffonesche, tutte scontate fino alle lacrime, esce fuori che sono gli UFI a fare i cerchi perché vogliono invadere la Terra, e l’unico loro punto debole è il ferro, che li uccide. Perché è l’UFO che traccia il solco ma è il ferro che lo difende…

Oh mio Dio, oh mio Dio, oh mio Dio...

Oh mio Dio, oh mio Dio, oh mio Dio…

Capisco benissimo perché Baldwin non abbia voluto partecipare che in minima parte a questa bojata fetente, e per essere rifiutati dal grande Stephen vuol dire che il film puzza come dieci UFI morti in un campo di grano! (Senza rosa né tulipano.)
Peraltro gli alieni sono fatti così male, ma così male, che McIntire è riuscito a fottersi in una botta sola sia come regista che come tecnico degli effetti speciali!

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Warnings (2003) Presagi di morte

  1. Cassidy ha detto:

    Già la coppia Stephen Baldwin e Billy Zane manda lo Z-Tometro a fondo scala, ma quell’alieno… Quell’alieno è il capolavoro dello Z! 😀
    Mancava solo Giacobbo di “Voyager” a fare la voce narrante, e il capolavoro sarebbe stato completo 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      È vero, potevano chiamarlo come consulente scientifico 😀

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        E’ che quando ha sentito che c’era di mezzo Baldwin, non s’è voluto immischiare (“Un film con Stephen Baldwin? Cerchi nel grano, cerchi… e poi ci trovi lui? Piuttosto, si rinuncia al grano! Noi di Voyager diciamo di NO!”) 😉
        A proposito del quiz, io lì l’ho riconosciuto subito per come la sua presenza illumina la scena: è l’abat-jour, vero? 😉
        P.S. Che alieno vergognoso…

        Piace a 1 persona

  2. benez256 ha detto:

    Finalmente sei tornato su Ztephen…ma che alieni orrendi!

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: Ritorno dalle acque maledette (2001) | Il Zinefilo

  4. Pingback: Super Eruption (2011) Vulcano nel tempo | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.