The Haunted (1991) La casa delle anime perdute

La casa delle anime perduteNegli anni Ottanta i coniugi demonologi Ed e Lorraine Warren, auto-definiti ghost hunters, sono personaggi molto noti, soprattutto per il loro interessamento del caso di Amityville: è ora che la televisione si interessi di loro, producendo il film The Haunted.
Prima però… ecco il banner!

WarrenLa sceneggiatura è scritta dall’esordiente Darrah Cloud partendo dal saggio The Haunted: One Family’s Nightmare (marzo 1988) scritto da Robert Curran basandosi sulle testimonianze degli stessi coniugi “posseduti” Smurl e dei Warren (inedito in Italia).
Il film viene presentato in patria il 6 maggio 1991 alle otto di sera su Fox Broadcasting, e arriva in Italia su VHS Fox Video con il titolo La casa delle anime perdute. L’unica altra sua traccia nel nostro Paese è un passaggio televisivo su Rai3 sabato 3 settembre 1995.

I coniugi Smurl diretti verso il loro inferno

I coniugi Smurl diretti verso il loro inferno

Nel giugno del 1972 l’uragano Agnese spazza via la casa della famiglia Smurl… ed è qui che si capisce che ‘sta famiglia è destinata ad eterna sfiga!
Rimasti senza più nulla, Janet (Sally Kirkland) e Jack Smurl (Jeffrey DeMunn) si trasferiscono con le figliolette Katie (Allison Barron) e Colleen (Krista Murphy) nella vicina West Pittston, in Pennsylvania, in un’ala della grande casa dei genitori di Jack – John (George Wallace) e Mary (Louise Latham) – al 328-330 di Chase Street. Il classico complesso residenziale che si vede nei film horror…
Succedono le classiche “cose strane” all’americana – scompare un martello e poi riappare: paura, eh? – ma in generale la vita procede tranquilla. Passano due anni e nascono le gemelline Erin (Michelle Collins) e Shawn (Ashley Bank).

Una possessione classica

Una possessione classica

Arriviamo al marzo del 1985 e succede qualcosa che fa tremare le vene ai polsi, tanto che forse non dovrei scriverlo: lo faccio solo per dovere di cronaca, ma attenti che se siete deboli di cuore potreste rimanerci secchi…
Sebbene Janet e Jack siano fuori casa, la mamma Mary sente pronunciare una… sconcezza. Lo so, perdonatemi per aver scritto qualcosa di così forte, qualcosa che sconvolge profondamente Mary e fa scoppiare in lacrime Janet quando se lo sente raccontare: lei non c’era, non può essere stata né lei né il marito a dire delle… sconcezze.
Avete mai sentito nella vostra vita qualcosa di più spaventoso? Uno è in casa, tranquillo, e sente dire delle… sconcezze. Qui si sente puzza di zolfo, perché solo un demone può dire delle sconcezze
Janet è in lacrime e il marito l’accusa di fare troppo e di essere stressata: queste sconcezze stanno distruggendo la famiglia.

Gli ospiti sgraditi di casa Smurl

Gli ospiti sgraditi di casa Smurl

Le mostruosità continuano, tanto che un giorno scompare lo scotch… che viene ritrovato in frigo. Paura, eh?
Alla fine anche Jack si convince e i coniugi chiedono aiuto al loro prete, padre Larson (John O’Leary): durante una perlustrazione della casa, al religioso a momenti gli piglia un coccolone, perché c’è troppa puzza di maligno nell’aria. E apritele ogni tanto ‘ste finestre…
Dalla Chiesa non arriva alcun aiuto: qui servono dei demonologi…

Entrano in scena Ed (Stephen Markle) e Lorraine Warren (Diane Baker)

Entrano in scena Ed (Stephen Markle) e Lorraine Warren (Diane Baker)

Nel gennaio del 1986 entrano così in scena i coniugi Ed (Stephen Markle) e Lorraine Warren (Diane Baker), e li vediamo intenti in una delle loro presentazioni con diapositive.
Quando Janet entra nell’aula, Lorraine sta raccontando di quella volta che il generale Andrew Bellingham di West Point li ha chiamati per occuparsi di un fantasma che terrorizzava i cadetti. «Uno spirito chiamato Isabelle, che morì subito dopo la Rivoluzione e che viveva nel dormitorio dell’Accademia. “Viveva” è soltanto un modo di dire.»
Il film in realtà sta rimaneggiando pesantemente la notizia apparsa sul “The New York Times” del 1972, che riporto per intero nell’introduzione, e addirittura battezza la fantasmina.
«Isabelle non ha mai tentato di farci del male – continua la Lorraine televisiva, – ma dopo vent’anni di ricerca metapsichica il diavolo ha imparato a conoscerci.» Ammazza che considerazione di sé che hanno ‘sti due!

Una Lorraine Warren molto "tenerona"

Una Lorraine Warren molto “tenerona”

La prima visita dei Warren a casa Smurl è fruttuosa, perché ormai il loro metodo è consolidato. «Salii nella camera da letto di Janet e Jack – racconta Ed Warren nel libro The Haunted, – pronto a costringere il demone a mostrarsi attraverso un rituale noto come provocazione religiosa. Funziona così: invochi il nome di Gesù Cristo e il suo sacro sangue e poi ordini al demone di rivelarsi e lo bandisci dalla casa. In passato abbiamo avuto spesso successo con questo rituale ed ero molto speranzoso che sarebbe servito.» Purtroppo non va così.
Nel film è Lorraine a fare questa prima prova, e a scoprire che la casa in Chase Street è posseduta da ben quattro spiriti: quattro donne, due delle quali parecchio nervose.
Le preghiere dei Warren e dei vari preti che si susseguono in casa non sembrano avere il minimo effetto, anzi: le quattro spiritelle porcelle – perché cercano pure di farsi papà Jack – si incacchiano ancora di più.

Coraggio... fatti esorcizzare!

Coraggio… fatti esorcizzare!

I coniugi demonologi Warren si danno da fare e… non combinano un accidenti. Riescono a convincere un pretino a dire due preghiere e basta: funziona? No.
Gli Smurl disperati rendono pubblica la loro storia nella speranza che la Chiesa mandi qualche super-esorcista: funziona? No.
Il paese si raccoglie in preghiera e lunghe e noiose parti di film ci mostrano questi pii momenti: funziona? No.
Nel giugno del 1987 gli Smurl cedono e traslocano: funziona? No, perché gli spiriti li seguono.
Ma insomma, come finisce questa storia?

Qualcosa mi dice che non abbiamo combinato un cacchio...

Qualcosa mi dice che non abbiamo combinato un cacchio…

Il film preferisce affidarsi ad un effetto tipicamente cinematografico: si chiude con Janet nella nuova casa che si rende conto di essere stata seguita dagli spiriti. Una scritta ci informa che solo nel marzo del 1989 la Chiesa concesse un esorcismo che spazzò via ogni altra manifestazione spiritistica.
HauntedNon posso fare a meno di notare che la Chiesa, stando a queste ricostruzioni, è intervenuta solo dopo l’uscita del libro The Haunted e la relativa eco mediatica. Ma ovviamente le date e le informazioni cambiano da fonte a fonte, lasciando tutto – come sempre – nascosto da un velo di fumo.

Qual è stato l’aiuto dei coniugi Warren alla famiglia Smurl? Nessuno: un po’ di preghiere, un po’ di acqua santa e il numero telefonico di un paio di preti esorcisti che non hanno risolto nulla.
Come si dice? Un caso brillantemente risolto…

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House, Spiritica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a The Haunted (1991) La casa delle anime perdute

  1. benez256 ha detto:

    Chissà quale sconcezza sarà uscita dalla bocca di quel demonio…forse “accipicchia”? o “corbezzolini”? oppure la più devastante di tutte “per la barba di Giove pluvio”???

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Anche io mi spavento sempre un sacco quando trovo lo scotch nel frigorifero 😉 Ennesima dimostrazione che James Wan (detto Uàn) non è certo uno che inventa nulla, in compenso la rubrica è fighissima, non vedo l’ora di leggere tutti i casi che sei riuscito a scovare 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  3. gioacchino di maio ha detto:

    E io che pensavo Conjuring fosse il primo film dei Warren. La cosa si fa interessante…

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Appena ho scoperto dei vari casi dei coniugi mi sono infiammato: io ero convinto fossero personaggi inventati da Conjuring!
      Invece dal 1972 sbucano fuori appena si parla di possessione e a cavallo tra ’80 e ’90 hanno scritto dei libri usati poi per alcuni film: usando questi titoli sto viaggiando nel loro mondo e ogni mercoledì racconterò una tappa 😉

      "Mi piace"

  4. theobsidianmirror ha detto:

    Si direbbe una capolavoro! Lo cerco subito!

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: Annabelle (2014) Come fossi una bambola | Il Zinefilo

  6. Celia ha detto:

    Nella foto con didascalia “Una classica possessione”, fa più paura la figura in primo piano con la bocca aperta di quella levitante…!
    Ma vedo che hai recensito anche Insidious 2, visto l’altra notte, una ciofeca che manco il caffè a base di cicoria!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.