[WIP] La calda bestia di Spilberg (1978)

Helga - Poster ENGNegli anni Settanta è un fenomeno internazionale la nazisploitation che trasuda dai film di Ilsa interpretati dalla procace Dyanne Thorne, personaggio di mistress nazista copiato di peso dalla Hessa dei fumetti erotici italiani.
Nasce subito un bel clone fresco fresco, Helga, interpretato nel 1978 dall’attrice veneziana Malisa Longo. Pare che il personaggio torni nel 1979 con il film Gamines à tout faire, ma essendo questo un titolo vago e non ben definito sospenderei il giudizio.
La Longo è una prolifica attrice di genere che appare in un fiume di titoli anni Settanta, ma il ruolo per cui sarà ricordata per sempre… è quando strizza l’occhio a Bruce Lee ne L’urlo di Chen terrorizza anche l’Occidente (1972)!

Il contributo di Marisa Longo al cinema!

Il contributo di Marisa Longo al cinema!

Il regista specializzato degli anni Settanta Patrice Rhomm si nasconde dietro lo pseudonimo di Alain Garnier – ma anche James Gartner per il mercato tedesco – per firmare Helga, la louve de Stilberg e in pratica dirigere quasi a propria insaputa: l’assenza di una qualsiasi regia è così bruciante che probabilmente Rhomm dormiva durante le riprese.
Gli attori invece erano purtroppo svegli, e si aggiravano senza motivo sul set con i vestiti più disparati e le divise più astruse. Le donne invece giravano nude…
Distribuito negli USA come Helga, She Wolf of Stilberg e in Germania come Bloody Camp, il film arriva nei cinema italiani il 13 giugno 1978 con il titolo La calda bestia di Spilberg, scomparendo nel nulla dal 1980. La Mosaico Media il 10 settembre 2012 lo presenta nella collana “Cult 70” in edizione limitata e numerata.

La Longo bionda che cerca di copiare Dyanne Thorne

La Longo bionda che cerca di copiare Dyanne Thorne

Facciamo finta di credere che esista una trama: nel caso, siamo in un regime dittatoriale vago e variopinto – con divise naziste e rivoluzionarie fuse insieme! – dove Helga (Elsa nel doppiaggio italiano, per richiamare di più il personaggio della Thorne) gestisce con pugno di ferro il carcere femminile di Spilberg.
stilbergIn realtà non è ben chiaro il nome, visto che le locandine francesi riportano Stilberg e qualche versione inglese riporta Silberg: ma come s’antitola ‘sto carcere? E perché in italiano si sono inventati Spilberg? Sarà una citazione di un certo regista noto all’epoca per Lo Squalo e Incontri ravvicinati del terzo tipo?
Comunque a un certo punto arriva Elisabeth Vogel (Patrizia Gori), figlia del capo dei rivoluzionari, e invece di torturarla Elsa si innamora di lei, dando vita ai siparietti sessuali meno sessuali della storia del cinema dei siparietti sessuali.

Sottolineo però che tutto questo è puramente ipotetico: la trama è solo uno degli aspetti minori del film.

Una delle tante scene immotivate e fintamente sessuali

Una delle tante scene immotivate e fintamente sessuali

A voler essere buoni possiamo dire che è un filmetto pruriginoso fatto di donnine nude che subiscono vari soprusi dalla panterona Elsa, ma in realtà anche questo è un aspetto puramente ipotetico: per tutto il film si promettono scene che non verranno mai, rimanendo una pellicola fatta di gente che si muove a caso e non va mai da nessuna parte.
Rimangono alcune scene di Elsa che si accoppia con la qualunque, ma è tutta roba talmente fatta male che sono le sequenze peggiori dell’intero film: ed è tutto dire!

Cos’è dunque La calda bestia di Spilberg? La solita bojata girata al volo per scopiazzare un filone di moda e truffare gli spettatori: è strano che sia una produzione francese, perché lo stile è molto più italiano…

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in WIP e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a [WIP] La calda bestia di Spilberg (1978)

  1. Cassidy ha detto:

    Ti ringrazio per la citazione, in effetti il nome Spilberg sembra messo apposta per far pensare al regista con gli occhiali tondi 😉 Ti ringrazio anche per avermi aggiornato su Malisa Longo, la sua strizzata d’occhio in “Enter the dragon” mi è sempre sembrato un momento di broccolamento gratuito del tipo “Benvenuti in Italia”, invece era un voluto sfoggio di bellezze locali 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. benez256 ha detto:

    La geniale trovata di Spielberg al posto di Stilberg secondo.me potrebbe anche derivare dal carcere dello Spielberg in Austria. Ma questa è solo una mia cervellotica illusione. Nonostante la protagonista non abbia neanche un decimo delle tette di Dyanne Thorne e il regista si chiami come il mio shampoo la mia fame di film di cacca mi impone di vederlo…

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: La calda bestia di Spilberg (1978) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.