War Pigs (2015) Bastardi di guerra

war-pigsLa VMI Worldwide è una casa a cui mi sento particolarmente vicino, perché come me… ama i filmacci con Dolph Lundgren!
Dopo aver esordito con Blood of Redemption (2013), nel 2015 ha fatto indigestione di Dolph movies: a settembre Il Buono, il Brutto e il Morto (che presenterò a breve), ad ottobre Riot ma l’anno è iniziato a maggio con questo incredibile War Pigs, che la Koch Media porta in DVD e Blu-ray italiani dal 9 agosto 2016.
Il solito solerte titolatore folle di IMDb aggiunge un curioso Bastardi di guerra che non ho capito da dove sia uscito fuori: mi sembra solo una tarantinata gratuita. E io che credevo fosse ormai estinta la insana genia di titolatori italiani folli…

Il film è disponibile su Prime Video.

La parte migliore dell'intero film...

La parte migliore dell’intero film…

Il regista canadese Ryan Little fa solo film di guerra, gli piace e ne fa a raffica: questo è il primo che vedo con la sua firma… e spero ardentemente di non vederne altri!
Grazie a lui infatti il grigiore tipico della produzione direct-to-video riesce ad arrivare in un campo che era già grigio, quello di battaglia: riuscire a sbagliare qualcosa che sembra calzare a pennello non è da tutti.
La totale assenza di fotografia rende le immagini più simili ad un pessimo filmino di YouTube, eppure era facile rendere bene un campo di battaglia: una trincea, due cespugli e via. No, neanche questo…

Scusate, qualcuno può accendere una lampada così anche noi spettatori vediamo qualcosa?

Scusate, qualcuno può accendere una lampada così anche noi spettatori vediamo qualcosa?

Diciamolo subito: il film è una ridicola rielaborazione di Quella sporca dozzina (1967), ma forse devo spiegarmi meglio: è come se io mi mettessi in testa un cappello da cowboy e dicessi «Salve, sono Clint Eastwood». Ecco, questo film raggiunge lo stesso grado di plausibilità e professionismo.
Ovviamente ci serve il Lee Marvin di turno, il rude soldato inflessibile ma dal cuore d’oro, dagli occhi duri ma tristi, dalla scorza coriacea sotto cui batte un cuore grande. Ma soprattutto un uomo tosto, maschio e senza rischi.
Abbiamo due candidati: Dolph Lundgren, macigno umano con il volto scavato nel cuoio, una carica di autoironia che lo rende il miglior action hero anni Ottanta rimasto in circolazione e la faccia da schiaffi giusta. Poi c’è l’ex cantantino attualmente attorino Luke Goss, mingherlino e gracilino, con la faccina delicata e che sembra avere sempre l’eyeliner intorno agli occhi.
Chi sarà il nuovo Lee Marvin, dunque? Lo svedesone massiccio o il delicato inglesino mingherlino? Avete già capito: l’inglesino gracilino…

Avete scelto Luke... e allora vi meritate Luke!

Avete scelto Luke… e allora vi meritate Luke!

Al capitano Jack Wosick (Luke Goss) viene così affidato il comando del peggior reparto dell’esercito, la peggiore banda di criminali fetenti e puzzolenti mai vista al mondo, dei pendagli da forca così duri, ma così duri, ma così duri… che si chiamano Budini Molli!
Citazione da Salvi a parte, i war pigs ci vengono descritti a tinte forti, poi entrano in scena… ed è la più imbarazzante sequenza di attorucoli da strapazzo mai vista. Sembrano dei chierichetti che si atteggiano a gangsta!
Però in fondo se avessero chiamato davvero dei caratteristi duri, sarebbe stato imbarazzante vedere scricciolo Luke fare il duro con loro…

Cioè, questi sono i War Pigs? All'oratorio ho visto facce più brutte...

Cioè, questi sono i War Pigs? All’oratorio ho visto facce più brutte…

Inizia l’addestramento del capitano per rendere quei luridi rifiuti di fogna un corpo scelto. L’aiuta il legionario Hans Picault (Dolph Lundgren). Cioè… non solo non gli avete fatto fare il rude capitano, ma allo svedese Dolph gli fate fare il francese con tanto di cappello da legionario in testa?

Il primo che ride... lo spiezzo in due!

Il primo che ride… lo spiezzo in due!

Va be’, questi Stanlio e Ollio militari dovrebbero piegare gli indisciplinati war pigs e fare di loro dei veri soldatoni cazzuti. Primo esercizio: disegno…
Ok, se avete finito di ridere, vi giuro che è una scena vera: visto che gli indisciplinati non riescono a disegnare, il capitano fa venire una donna nuda perché i soldati si esercitino nel disegno a mano libera… Dio Zinefilo, aiutaci tu…

La scena più immotivata della storia del genere warmovie

La scena più immotivata della storia del genere warmovie

Per fortuna il momento più ridicolmente imbarazzante del film viene smorzato con l’arrivo in scena di Mickey Rourke e la sua faccia di minestra di farro. Deve aver trovato un memoriale bellico in cui c’era scritto che i maggiori dell’esercito americano giravano con i cappelli da cowboy, o magari è una citazione del Duvall di Apocalypse Now (1979), non lo so: so solo che è come un secchio di teste di pesce buttate sullo schermo.

Mio Dio...

Mio Dio…

Il maggiore A.J. Redding (Mickey Rourke) è uno duro, è uno che mette i piedi sul tavolo, mica cazzo, è uno che lo cose non le manda a dire: semplicemente perché non le sa. Mugugna qualcosa, spara due minchiate e per fortuna esce di scena da questa buffonata di film.

La posa classica di un maggiore dell'esercito in tempo di guerra...

La posa classica di un maggiore dell’esercito in tempo di guerra…

Ryan Little è lì che si torce le mani. «Ho fatto capitano quello scricciolo di Luke Goss, ho portato in video quel devasto umano di Rourke, ho fatto inquadrature che mi faranno schifare da chiunque, come posso rendere ancora più imbarazzante questo film? Possibile che non ci sia un’altra scena che rimarrà negli Annali della Vergogna?»
Arriva l’illuminazione, e come sempre la soluzione migliore è la più semplice. Far entrare due metri di Dolph Lundgren in un piccolo carro armato.
Ora alziamoci tutti e battiamo le mani fino a svenire…

Ad entrare qui dentro... mi sono spiezzato in due!

Ad entrare qui dentro… mi sono spiezzato in due!

War Pigs arriva là dove nessuna vergogna è mai giunta prima. Unisce il dilettantismo più puro al cattivo gusto più potente, il tutto girato in modo asettico e privo di qualsiasi spessore. L’unico impegno reale è messo nella locandina e nei titoli di coda: quello che c’è in mezzo è quasi lasciato al caso.
Bisogna essere umani per provare imbarazzo: temo quindi non ci sia nulla di umano in questo film…

Per finire, ricordo la recensione di Manuel “Ash” Leale su Malastrana VHS.

L.

P.S.
Guardate il trailer che vi allego qui sotto: con un filtro hanno reso le scene del film come se ci fosse un direttore della fotografia! Bella fregatura…

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Warmovie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a War Pigs (2015) Bastardi di guerra

  1. Cassidy ha detto:

    Tarantino fa vendere e i titolatori italiani lo sanno bene. Anche io non ero riuscito a stare lontano da un film di guerra con Dolph, ti ringrazio per aver citato Francesco Salvi, per altro una dei suoi tormentoni comici che preferisco 😀
    Dolph è un grande, Mickey Rourke invece sembra una diva isterica che ha preteso di recitare con il cappello da cowboy, davvero un film imbarazzante 😉 Cheers!

    Piace a 2 people

  2. benez256 ha detto:

    Trascurando la faccia da babbuino di Mickey Rourke, io spero che la tipa che si spoglia faccia vedere qualcosa altrimenti mi sa proprio che di questo film non si possa salvare nulla!

    Piace a 1 persona

  3. loscalzo1979 ha detto:

    E’ una lezione importante: solo perché Expendables é un capolavoro, non puoi sperare di replicare il successo rimettendo nello stesso film a caso Lundgren e Rourke

    Piace a 1 persona

  4. Giuseppe ha detto:

    Rourke: “O.K., dov’è il corso di disegno a mano a libera? Se no col cazzo che venivo qui!”
    Goss ai “candidati”: “Ehr, no, ragazzi, questo non è un provino per X-Factor! No, non sto cercando fra voi i nuovi Bros. Cioè, capitemi, questo dovrebbe essere un film di guerraAHAHAHAHscusate, scusate, mi riprendo un attimo… allora, io faccio il MPFFFH (si trattiene a stento) capitano e voi dovreste essere dei duri, spFFFHIHIHIetati (sta per cedere), feteEHEHEHntissimi War PigsSSPFFAHAHAHAH (cade a terra dalle risate, lacrime agli occhi)!!”
    Lundgren: “Amaro assai è il mio destino di carrista: dentro ‘sto bidone mi schiaccio le palle e c’è una pessima vista” 😀

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: 4Got10 (2015) Il buono, il brutto e il morto | Il Zinefilo

  6. Pingback: Viking Legacy (2016) Guàrdati dai Norreni | Il Zinefilo

  7. Pingback: Direct Action (2004) Dolph mena! | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.