No One Lives (2012) Capolavoro maschio dell’anno!

no-one-livesUna ragazza corre senza fiato per i boschi, sfuggendo al solito maniaco. Lo sappiamo, è la classica scena introduttiva che potrebbe essere sia antecedente che successiva alla trama del film, roba già vista mille volte.
Poi la ragazza ovviamente inciampa e finisce in trappola. Ammazza che classicone. Però mentre è sospesa in aria fa in tempo, con una scheggia piena del proprio sangue, a incidere qualcosa su un albero. «Emma lives».
La ragazza rapita da giorni finalmente dà segni di sé e la polizia userà quella scritta per inseguire il suo rapitore… ma tutti ignorano qualcosa che noi invece sappiamo subito…
Perché un secondo dopo che la ragazza scrive Emma lives, appare su sfondo nero il titolo del film… No One Lives
Aspetta… ma vuoi vedere che ho beccato il film più cazzuto dell’anno?

Qualcuno sopravvivrà? Mi sa di no...

Qualcuno sopravvivrà? Mi sa di no…

La casa WWE Studios non si dedica solo a film d’azione con ex wrestler – tipo la Saga del Marine – ma anche ottimi noir come lo splendido Dead Man Down. Il sapore della vendetta (2013) con la mia amata Noomi Rapace che interpreta una splendida femme fatale.
Con No One Lives – presentato l’8 settembre 2012 al Toronto International Film Festival e la Blue Swan lo porta in DVD e Blu-ray italiani dal 23 marzo 2016 – l’esordiente assoluto David Lawrence Cohen scrive una sceneggiatura perfetta, una attenta disamina delle scene più classiche viste in mille film… ma tutte studiate per raggiungere il più alto livello di cazzutaggine possibile.
Mandate a letto i bambini e preparate il pop-corn, perché il film più spacca-culi dell’anno sta per andare in onda.

L'espressione di uno che sta per farti il culo a strisce...

L’espressione di uno che sta per farti il culo a strisce…

Malgrado l’abbia visto mesi va, solo ora mi decido a presentare il filmone del 2016 (ok, è del 2012 ma è solo quest’anno che è arrivato in Italia), il capolavoro maschio in cui ad ogni sequenza batti le mani ridendo come un matto. È come se Stallone e Schwarzenegger avessero avuto un figlio psicopatico… e questa è la sua storia!

Non lo so il suo nome: lui arriva, uccide tutti e se ne va.

Luke Evans ha un po’ la faccia da matto e gli occhi spiritati, ma non sembra un’eroe spacca-culi: vi ricrederete. Se incontrate Luke Evans per strada, non dategli la mano… perché potrebbe strapparvela e strozzarvi con quella!

Silenzio! Sento arrivare Luke Evans...

Silenzio! Sento arrivare Luke Evans…

«L’avete ucciso?» è la domanda della rapita Emma Ward (Adelaide Clemens) alla banda di criminali che per puro caso l’ha salvata.
La banda – guidata dal mitico Lee Tergesen, che deve la sua immortalità al ruolo di Beecher nella serie OZ – dopo un colpo andato fottutamente male ha messo gli occhi su una coppietta e ha deciso che magari rapinare due turisti può essere una buona idea.
Mentre il ciccione della banda interroga i due, legati, un altro della banda perquisisce la loro auto… e nel bagagliaio trova Emma Ward imbavagliata.
Mi sa che quei due non sono semplici turisti… Il film più cazzuto dell’anno può iniziare.

Sono stato per sei anni in cella con un nazista: non mi spaventa Luke Evans!

Sono stato per sei anni in cella con un nazista: non mi spaventa Luke Evans!

Domanda. C’è una stanza vuota con un fiume di sangue in terra. C’è un ciccione morto al centro e nessuno in giro. Secondo voi… dove si sta nascondendo un fottuto psicopatico omicida?
Se non sapete rispondere, siete persone caste e pure. Se invece la risposta fate solo finta di non averla immaginata, allora avete capito di che cazzo di film stiamo parlando.

Indovina indovinello, in quanto tempo ti sbudello?

Indovina indovinello, in quanto tempo ti sbudello?

Emma Ward non è la solita ragazzina ricca rapita, a forza di stare con lo psicopatico – e a subirne le amorevoli torture, perché lui la ama a modo suo – s’è fatta la pelle dura come marmo.

noonelives_f

— Ferma, o spargerò il tuo cervello sulle scale!
— Comincia a prendere uno straccio per pulire…

I criminali fanno i duri con lei, ma il suo volto di figlia di papà non fa una piega: «La mia migliore occasione di fuga… sarà mentre lui vi starà uccidendo.»
Ancora non avete capito il livello di gagliardiaggine del film?

Vi devo ricordare il titolo del film?

Vi devo ricordare il titolo del film?

La presenza dietro la macchina da presa di Ryûhei Kitamura dovrebbe farvi squillare un bel po’ di campanelli, e non ditemi Lupin III (2014) perché vi meno: è il delirante regista di Versus (2000) e dei virtuosismi tecnici di Azumi (2003). Ma è anche l’artefice di quel capolavoro malato che è Prossima fermata: l’inferno (2008) tratto da Clive Barker, che mi dà i brividi anche solo a scriverne il titolo.
Il rumore della carne maciullata non è cambiato molto, da quel film, e Luke Evans ha molto dello schizzato Vinnie Jones.

— Perché ci stai facendo questo?
— Mi mantengo in forma.

Sono il vostro fottuto incubo

Sono il vostro fottuto incubo

Qui però oltre a truculenti effettacci c’è una sceneggiatura d’acciaio: non la solita minchiata dove i personaggi scendono in cantina uno alla volta o si inoltrano nei boschi per fare pipì. Cohen gioca proprio con quegli stupidi stereotipi che infestano il cinema americano per spiazzare lo spettatore. Nel momento esatto in cui sta per entrare in funzione lo stereotipo di turno, il volante sterza e si va tutti a sbattere nella direzione opposta. Con rumore di carne maciullata dai vetri…
E anche le sequenze più ovvie e scontate, sono inserite in modo così perfetto nella sceneggiatura che non puoi che applaudire e gridare al film cazzuto dell’anno.

Puoi non crederci, ma anche questo è amore

Puoi non crederci, ma anche questo è amore

Personaggi spettacolari, battutacce spettacolari, uccisioni spettacolari, virtuosismi tecnici spettacolari. Va be’, avete capito: cacciate via gli ospiti e mettetevi comodi sul divano, perché dovete vedervi assolutamente questo film.
E magari collegando la TV allo stereo, perché non vi sfugga l’eco di alcun brandello di carne umana…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM A € 0,99

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Action e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a No One Lives (2012) Capolavoro maschio dell’anno!

  1. Cassidy ha detto:

    Sto salivando! Vado subito a recuperare il film 😀
    Ho almeno due teorie per la scena del ciccio nella stanza, una più sanguinaria dell’altra 😉
    No dai spettacolare, c’è anche Beecher, perso di vista dai tempi di Oz. Bene, gran chicca per questo Venerdì 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Succulento mi viene da dire Adelaide Clements c’era nel ilm Silent Hill Revelation quindi e esperta di orrori.
    Proprio ieri ho giocato a Hitman(il film lasciatelo perdere) e ho ucciso un libidoso ciccione in una discoteca-mattatoio in Romania con figuri mascherati e prostitute con porte piene di schizzi di sangue,e salvare una ragazza trovata poi morta appessa,ma appena entri parte un pezzo dolce anni’60!
    Una dei livelli più malati che ho mai giocato.
    Comunque mi fido regista giapponese per me una garanzia di roba forte e ammalata prova ha vedere il folle Ichi the Killer.

    Piace a 1 persona

  3. Il Moro ha detto:

    Ok, mi hai convinto.

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Visto tempo fa e condivido in pieno l’entusiasmo! Se mi passi il francesismo…ca**o se è cazzuto! Lo straconsiglio anche io…per quanto possa contare!

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: [Il Zinnefilo] No One Lives (2012) | Il Zinefilo

  6. canenero ha detto:

    Non me l’aspettavo proprio, ma se mi dici così… sbavo e corro a recuperarlo! 🙂

    Piace a 1 persona

  7. Giuseppe ha detto:

    Il ciccione morto al centro della stanza (e nessun altro nei paraggi, SPECIALMENTE PsychoLuke), chissà perché, mi ha ricordato subito una delle frasi di lancio di maggior effetto de La Cosa… “L’uomo è il posto più caldo in cui nascondersi” 😉

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: Jingle All the Way 2 (2014) La guerra dei papà | Il Zinefilo

  9. Pingback: The Condemned (2007) L’isola della morte | Il Zinefilo

  10. Pingback: Howling 8 (2011) Reborn | Il Zinefilo

  11. Pingback: [Multi-Recensioni] Film fanta-horror Blue Swan (su Prime Video) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.