Amityville Death House (2015)

amityville-death-housePer un viaggio in 40 anni di mistero di Amityville, vi ricordo il mio eBook:

40 anni di mistero, che trovate su Amazon, ibs.it, Kobo, GooglePlayStore, iTunes e tanti altri

Quando uno dei Maestri della Z come Fred Olen Ray, padre e maestro di vita di Christopher Ray, ti produce un film… vuol dire che stai sbagliando di brutto.
Non ci badano i fratelli Polonia e vanno dritti per la loro strada: vogliono fare un filmaccio ridicolo e fanno un filmaccio ridicolo: Amityville Death House, presentato senza vergogna in patria il 25 febbraio 2015 e per fortuna inedito in Italia.

All'abisso non c'è mai fine...

All’abisso non c’è mai fine…

La famigliola horror che compone la Polonia Brothers Entertainment si spalma bene: Mark fa il regista, il montatore e un’apparizione cameo, Anthony fa gli effetti speciali e Maria porta da mangiare sul set. Con un cast tecnico di questa portata, come si può fallire?
Alla sceneggiatura c’è il fido John Oak Dalton, che se ogni tanto non scrive una porcata si sente male, e in mezzo a un mare di attorini e attorucoli improvvisati stupisce trovare Eric Roberts: o il fratellone di Julia ha perso una scommessa, o è amicone one one di uno dei fratelli Polonia. In entrambi i casi mi dispiace per lui…

Un attimo che scopro chi è l'assassino

Un attimo che scopro chi è l’assassino

Un’introduzione copiata di netto da La Casa 2 (1987), con tanto di Necronomicon malamente ricopiato, ci fa capire il livello di cialtroneria che raggiungerà il film. Ci parla dunque di una antica maledizione descritta da un tizio mascherato che ha più di una rassomiglianza con il massone dello sketch di Corrado Guzzanti. «Tu sai chi è, tu sai com’è, tu sai perché».

Il film è così noioso che lo stregone si fa un solitario

Il film è così noioso che lo stregone si fa un solitario

Poi vediamo i soliti ragazzi dei film horror che in una loro vacanza invernale si fermano nel paesino di Amityville perché uno di loro deve visitare la nonnina malata: e qui si percepisce il genio del male che pervade lo sceneggiatore…
Bla bla bla, la casa è stregata da un demone che recita male e via la solita menata noiosissima.

Necronomicon, versione pocket

Necronomicon, versione pocket

La qualità del film non gli consente di essere considerato tale: non è un film, è un dilettantesco gioco tra cazzoni con una telecamera in mano, e vista l’economicità al giorno d’oggi di girare una qualunque scena, non c’è più neanche l’aspetto finanziario a fermare questi beoti.
Se non altro, come la scuola della Z ci insegna, hanno investito molto in una bella locandina, che è tutto ciò che rimane del cinema degli anni Duemila. Belle locandine senza alcun film dietro…

L.

amazon– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House, Inediti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Amityville Death House (2015)

  1. Cassidy ha detto:

    Stavo quasi per dire che la locandina è bella, poi mi sono ricordato la regola, bella locandina uguale brutto film. Il fratellone di Julia è come la bandiera che indica il mare mosso, quando compare stai sicuro che il film è inguardabile. Cheers!
    P.S. Grazie per la citazione!

    Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    Non ci credo ce ne sia un altro, secondo me ormai te li stai inventando 🙂

    Piace a 1 persona

  3. canenero ha detto:

    Avevo cominciato a guardarlo qualche tempo fa, ma è veramente un filmino che avrei potuto girare io con i miei amici ubriachi a capodanno. Povero Eric Roberts 😦

    Piace a 1 persona

  4. Giuseppe ha detto:

    Ah, se solo lo stregone fosse stato davvero Corrado Guzzanti: “Con il rito della Uallera d’Oro avrò il potere di un deo!” 😛

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.