Bloodlust! (1961) Caccia all’uomo anni ’60

bloodlustL’attore quarantenne newyorkese Ralph Brooke sogna di passare al livello successivo nel cinema e così con la neonata piccola casa tedesca Cinegraf torna a raccontare la storia della caccia all’uomo, entrando di diritto nel novero degli “Hounds of Zaroff“.
Il 13 settembre 1961 presenta a San Diego Bloodlust!, minuscolo film che non si sa se abbia mai lasciato la California…

Splendido titolo in stile "altri tempi"

Splendido titolo in stile “altri tempi”

Due coppie di amici stanno facendo una gita in mare, sparando al piattello dalla nave, quando avvistano un simpatico isolotto e decidono di sbarcarci, malgrado il capitano ubriacone (Troy Patterson) glielo sconsigli vivamente.
Mentre esplorano la spiaggia uno di loro finisce in una grande buca, una trappola lasciata dal proprietario e signore dell’isola: il dottor Albert Balleau (Wilton Graff).

La versione decisamente povera del Conte Zaroff

La versione decisamente povera del Conte Zaroff

Accolti in casa propria, Balleau si lancia in una pallida fotocopia del Conte Zaroff, con un accenno di accento straniero non molto convinto. Dice di essersi ritirato sull’isola dopo la guerra perché voleva vivere in un mondo tutto suo, e per dedicarsi alla sua unica vera grande passione: la caccia.
Ma stavolta entra in ballo una differenza con le precedenti versioni: il “cacciatore” ha una moglie, Sandra (Lilyan Chauvin). La bella donna ha una tresca con l’ospite Dean Gerrard (Walter Brooke) e nottetempo prende accordi con i ragazzi per fuggire tutti dall’isola.

Tira una brutta aria in casa Balleau

Tira una brutta aria in casa Balleau

Sandra e l’amante Dean escono di scena all’improvviso, senza che ci venga mostrato come: sappiamo solo che Balleau sa della loro relazione e plausibilmente li ha tolti di mezzo.
Rimangono i ragazzi, che ovviamente sono le nuove prede nella caccia notturna del dottore, ma sono gli anni Sessanta e certe cose non si possono più mostrare: le due ragazze rimangono in casa a strillare, mentre i due ragazzi devono cercare di sopravvivere alla caccia.

Classici protagonisti anni Sessanta

Classici protagonisti anni Sessanta

Da lodare il fatto che sebbene sia una potente cialtronata lo stesso si è investito nel progetto, sia in scenografie che in fotografia: il direttore della fotografia Richard E. Cunha fa uno splendido lavoro e sembra di star assistendo a qualche ghiotto filmetto horror degli anni d’oro, invece che alla solita roba anni Sessanta.
Lo scontro finale si svolge in una enorme grotta che sembra uscire dal set di qualche film peplum, ma comunque il buonismo trionfa e il dottore in pratica muore di paura mentre i giovani sono tutti illesi. Non vorrete mica far morire un giovane maschio bianco aitante, no?

Non un film da ricordare ma una divertente rielaborazione del Mito di Zaroff, che nella sua semplicità si presta bene al cambiamento degli stili cinematografici negli anni.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Inediti, Thriller e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Bloodlust! (1961) Caccia all’uomo anni ’60

  1. Cassidy ha detto:

    Non avevo proprio idea che Zaroff fosse un modello replicato così tante volte, motivo per cui trovo molto bella questa tua rubrica, con cui scopro un sacco di titoli. Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Il dottor Albert Balleau, ovvero il Conte Poveroff e Cornutoff. Però splendidamente fotografatoff 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.