Gun Woman (2014) La morta che uccide

gun-womanParafrasando Taide di Anatole France, bella è la morte sul volto di Asami…
È da quasi due anni che cerco il coraggio di parlare di questo film: l’ho trovato soltanto ieri dopo aver letto la recensione della Bara Volante di The Autopsy of Jane Doe (2016).
È tempo di parlare… di donne morte…
P.S. Il Cumbrugliume non ha aspettato quanto ho aspettato io a parlare di questo film

Vi anticipo il titolo, che appare solo alla fine

Vi anticipo il titolo, che appare solo alla fine

Si può definire “capolavoro” questo piccolo film malato, perverso, scandaloso e geniale? Si può rimanere a bocca aperta nello scoprire che anche una infima produzione low budget possa toccare vette ignote ai blasonati filmetti patinati americani? Si può accettare che un’attrice si umili e si distrugga totalmente davanti all’occhio indiscreto e perverso dello spettatore?
Come avete immaginato, la risposta è sempre sì.

Non vi abituate a vederla così pulita...

Non vi abituate a vederla così pulita…

Era la Pasqua del 2015 quando ho visto questo minuscolo film scritto e diretto da Kurando Mitsutake, 85 minuti netti di jap-horror per l’ultima notte dell’anno.
Ero tornato influenzato dall’ufficio e quella sera stavo a tocchi, con la febbre e il naso colante. Ero uno straccio e il tasto PLAY si premette da solo. L’esperienza fu mistica, perché assistetti ad una follia visionaria e malata proprio mentre anch’io ero malato e in preda a visioni…

Ed è ancora "pulita"...

Ed è ancora “pulita”…

Tutti dal Duemila fanno filmetti con la videocamera, pochissime location e un cast composto al 90% di inetti. Il cinema è fallito e questi sono gli ultimi rantoli prima della inevitabile morte… e allora parliamo di morte.
Quanto budget serve per morire? Quante centinaia di migliaia di dollari servono per mostrare la vendetta più assurda mai mostrata? Non so quanto abbia speso questo film, ma a giudicare dalle immagini molto, molto poco. L’importante è avere un’attrice che si annulli completamente e si lasci dissezionare in video: e quella c’è. Asami. Non c’è bisogno d’altro.

Per un vengeance movie serve una donna morta e un uomo senza scrupoli

Per un vengeance movie serve una donna morta e un uomo senza scrupoli

L’abbiamo già incontrata per il suo piccolo ruolo in Dead Sushi (2012) e già ho avuto modo di apprezzarla, in alcuni dei suoi molti deliranti jap-horror. Ma qui va oltre l’umano e va oltre la recitazione.
gun-woman-bAsami si annulla completamente per creare un personaggio impossibile per qualsiasi attore che non sia asiatico, se non addirittura proprio giapponese. Lei è di Tokyo e forse è questo che serve per lasciarsi distruggere in ogni modo da un regista.
Vediamo l’attrice nuda per il 90% del tempo, ma non pensate minimamente a qualcosa di erotico: il suo corpo non è quello delle attricette americane, è una donna normale ripresa in condizioni livide, quasi sempre sporca, sudata o totalmente ricoperta di sangue. Il suo corpo nudo sprigiona tutt’altra sensualità: quella malata, perversa e irresistibile dell’osservatore che non riesce a smettere di ammirare un personaggio portato all’eccesso.
Ogni angolo del corpo di Asami viene mostrato solo per esaltare la spersonalizzazione del personaggio. Perché lei non è una donna: è un’arma.
«Io ti ho salvato la vita quindi mi appartieni: per me non sei un essere umano, sei uno strumento.»

Solo un uomo folle può ideare una vendetta folle

Solo un uomo folle può ideare una vendetta folle

Un uomo misterioso (Kairi Narita) viene reso storpio dallo psicopatico figlio di un boss (un assurdamente inquietante Noriaki Kamata), non prima di aver visto la propria moglie stuprata e uccisa. E… non in questo ordine
L’uomo ora vuole uccidere lo psicopatico ma questi è inavvicinabile, tranne in uno dei suoi perversi impegni: ama frequentare un club di necrofili, dove in una stanza asettica gli viene fornito il cadavere di una donna da abusare in ogni modo. Non ultimo… mangiarne le carni morte…

Un tipetto leggermente pazzerello...

Un tipetto leggermente pazzerello…

L’uomo misterioso dunque ha solo un’opportunità per vendicarsi: quando cioè lo psicopatico è nudo, solo, in una stanza vuota con un cadavere di donna…

L'insostenibile leggerezza della carne morta...

L’insostenibile leggerezza della carne morta…

Quindi compra una drogata, una ragazza persa, carne da macello in mano a criminali locali, una donna già morta anche se respira ancora: Mayumi (Asami). La ripulisce dalla droga, la pista di botte e le spara contro, per insegnarle a non aver paura dei proiettili. Questo è l’inizio di un allenamento. Un allenamento alla vendetta.

Allenamento a suon di schiaffazzi

Allenamento a suon di schiaffazzi

Resa una assassina con la padronanza di un tipo di pistola a 13 proiettili, l’uomo le rivela il suo piano: le indurrà una morte apparente, e quando la donna si risveglierà nella stanza sola con lo psicopatico, lo ucciderà con la sua pistola.
Davvero un bel piano… Un momento… e la pistola? Per rispondere… bisogna essere giapponesi!

Mmmm dove si potrebbe nascondere una pistola?

Mmmm dove si potrebbe nascondere una pistola?

Se la donna entra nuda e cadavere… dove la prende la pistola? Solo un giapponese poteva pensare alla risposta: i tre pezzi che compongono la pistola li porterà all’interno del suo corpo, impiantati chirurgicamente e pronti ad essere estratti.
Dopodiché avrà 22 minuti per uccidere tutti… prima di morire dissanguata. Se ce la fa, fuori la aspettano per una trasfusione di sangue.
Un piano che definire assurdo è leggermente riduttivo, eppure una sceneggiatura d’acciaio e una protagonista perfetta in ogni singolo fotogramma rendono Gun Woman un film che fa male dentro, nella sua perfezione.

Questa cosa farà più male a me che a te...

Questa cosa farà più male a me che a te…

Alcune trovate di contorno denunciano una certa propensione alla “tarantinata”, e non escludo (ansi ne sono abbastanza convinto) che il regista abbia voluto strizzare l’occhio ai fan del Quentin, ma dimenticate completamente ogni tarantinata abbiate mai visto: qui siamo ad un altro livello.
Nelle secchiate di sangue che inonderanno il video non c’è un briciolo di rosso né un solo schizzo: la perversione non vuole effettini patinati. Tutto è nero, il sangue è nero, la bocca è nera, le ferite sono nere, i capelli strappati sono neri e gli occhi appannati sono neri. Solo la carne morta di Asami è bianca…

Carne bianca, sangue nero

Carne bianca, sangue nero

L’attrice non si risparmia nulla, non cerca di coprire neanche un centimetro del suo corpo nudo e ferito, sporco di sangue, tagliato, piegato, umiliato. Si dona completamente per creare un finale sporco, osceno, indecoroso e sgradevole. Insomma, un finale perfetto. (Tranne una trovata finale, sinceramente al di sotto della qualità della storia.)

Il bacio della morte...

Il bacio della morte…

Non dimenticherete facilmente Asami nuda, insanguinata e con le ferite aperte, la donna-pistola pronta a uccidere il mondo e a dimostrare che anche con le squallide videocamere si può creare un prodotto da applauso.
Ogni inquadratura di Gun Woman è splendida, pur quasi senza fotografia, né luci né altro. È un prodotto ruvido e grezzo ed è questa la sua forza: non serve abbellire la morte… basta la morte stessa a rendere esplosiva la vita. E a rendere una donna morta un’arma fenomenale.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Action e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Gun Woman (2014) La morta che uccide

  1. Cassidy ha detto:

    Sono felice di averti alzato l’assist per scrivere di questo film, inutile dire che è talmente nelle mie corde che quasi mi vergogno di non averlo mai visto!

    L’altro ieri scrivevo di un film (giapponese appunto) visto di recente, e mi è scappata la frase “Nessuno porta rancore come i Giapponesi” direi che questo “Gun woman” riassume anche meglio il concetto. Basta non perdo altro tempo e vado a cercarmi il film per spararmelo, giusto per stare in tema 😉 Cheers

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Sarà che siamo abituati agli standard americani, che parlano parlano ma sono dei teneroni, ma ‘sti asiatici so’ terribili! C’è qualcosa di atavico nei giapponesi poi che li porta ad un livello di violenza che noi non riusciamo a concepire, e non è fiction: gli orrori compiuti durante la guerra ormai non li si cita più purché non va di moda, ma non sono certo secondi a nessuno.
      Sarà questa violenza culturale latente che li spinge a creare prodotti incredibili come questo, che richiede però un’attrice che faccia cose che nessuna occidentale sarebbe mai disposta a fare: te lo consiglio caldamente 😉

      Piace a 1 persona

      • Cassidy ha detto:

        In generale gli attori orientali sembrano pronti a fare cose pazzesche per i loro registi, in generale poi dici bene, ci sarà pure una ragione se i giapponesi sono odiati da tutti i loro vicini di casa: I Coreani non possono vederli, i Cinesi meno che mai, nemmeno da dire.
        Mi metto alla ricerca, ti farò sapere! Cheers

        Piace a 2 people

      • canenero ha detto:

        Concordo con Cassidy. Asami poi è un’attrice abituata ad apparire in filmacci della peggior specie ma qui si sublima proprio. La violenza, il sangue, la ferocia, la vendetta, tutto la eleva ad un livello superiore. Assurda!

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Si è prestata in modo totale al regista e ha creato un gioiello raro: più del personaggio quello che colpisce è l’interprete…

        Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    Pur non avendo un debole per il cinema orientale devo dire che questo film, nella sua morbosità, mi ispira, credo che seguirò l’esempio di Cassidy cercando di procurarmelo!
    E ieri ho scaricato Night of the living deb…

    Piace a 2 people

  3. loscalzo1979 ha detto:

    OCCRISTOSANTO ❤ ❤ ❤

    Piace a 1 persona

  4. canenero ha detto:

    L’ho amato moltissimo anche io (ne parlai qui -> http://www.cumbrugliume.it/2014/07/13/gun-woman/) , addirittura lo inserii in una classifica dei migliori film di fine anno. Hai ragione, ha delle evidenti tendenze tarantinesche, ma a me ha ricordato più certi classici anni 80 della Cannon per come crede fortemente nella storiaccia che racconta. Asami ottima, una gran sorpresa… chissà se il regista ha poi fatto altro, devo informarmi un po’!

    Piace a 1 persona

  5. Giuseppe ha detto:

    Che dire di più… stile Jappo, caro spettatore occidentale, prendere o lasciare! 😉

    Piace a 1 persona

  6. Grazie per la segnalazione, mi sembra un film veramente interessante. Sicuramente da recuperare.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.