Gazzetta Marziale 2. Il furore colpisce ancora

Per tutto il 2010 ho presentato su ThrillerMagazine i 40 titoli della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali” (targata Gazzetta dello Sport), ogni venerdì corrispondente alla loro uscita in edicola: mi piace recuperare quei pezzi per ampliare la sezione “marziale” del blog.

1. Il furore della Cina
colpisce ancora

(venerdì 27 marzo 2010)

gazzettamarziale02Arriva alla seconda uscita la collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali”, a cura della Gazzetta dello Sport, che presenta un altro grande classico del gongfupian, del cinema cioè che mostra combattimenti a mani nude.
Il furore della Cina colpisce ancora (Tang shan da xiong, o The Big Boss, 1971) è l’eterno secondo: ogni ciclo dedicato a Bruce Lee, sia in video che in TV, presenta questo titolo dopo Dalla Cina con furore, semplicemente perché questo è l’ordine in cui sono apparsi nei cinema italiani questi due film. [Per saperne di più su queste prime uscite marziali italiane, vi rimando al mio guest post “Doppiatori di menare“.]

Il Furore viene proiettato nel nostro Paese la prima volta il 25 giugno 1973 sfruttando il successo riscosso con Dalla Cina con furore, ma in realtà è il primo grande successo da attore di Lee. Anche se fin da ragazzo recitava in produzioni cinematografiche di Hong Kong, il fallito tentativo di sfondare negli Stati Uniti gli aveva guadagnato a sorpresa una maggiore notorietà in patria: il suo marginalissimo e stereotipato ruolo di Kato nel telefilm “Il Calabrone Verde” (Green Hornet, 1966-67) gli permise di ottenere il ruolo di protagonista in questo film di Lo Wei.

Una fotografia improvvisata, attori di scarsa bravura e scelte registiche di dubbio gusto (Lee stesso si scontrò spesso sul set con il regista perché trovava ridicole alcune trovate) fanno de Il Furore un pessimo film… se non fosse interpretato da Bruce Lee. Ma al di là di qualsiasi giudizio a posteriori, alla prima proiezione nelle sale di Hong Kong – il 3 ottobre 1971 – dovette intervenire la polizia per sedare l’entusiasmo sciabordante degli spettatori: il mito era nato!

Cheng, il protagonista, fa sullo schermo quello che ogni cinese sognava di fare da secoli: ribellarsi all’oppressore di turno (qualsiasi esso sia) e prendere a calci quelli che hanno sempre guadagnato sulla pelle e il sangue dei cinesi – quand’anche fossero i cinesi stessi! (In un recente film Jackie Chan fa dire a un suo personaggio che i cinesi non opprimono gli altri cinesi… purtroppo la Storia gli dà torto)

Il film racconta di poveri immigrati cinesi approdati in Thailandia in cerca di lavoro: lo trovano, certo, ma si parla di bassa manovalanza, malpagata e molto somigliante alla schiavitù. In realtà la fabbrica di ghiaccio dove Cheng e i suoi amici lavorano è una copertura per il commercio di droga di Hsiao (il “Big Boss” del titolo). Alcuni lavoratori spariscono perché avevano scoperto il segreto, e molti li seguiranno: nel bagno di sangue che ne segue, solo Cheng riuscirà a sopravvivere e a farla pagare al boss locale.

Han Yin-ChiehIn un cast costituito per lo più da pessimi attori, è da notare su tutti Han Ying-Chieh, attore e coreografo di grande spessore, nonché inventore del trampolino usato dagli interpreti marziali per tirare tecniche volanti. James Tien, cugino di Cheng nel film, è un bravo caratterista purtroppo conosciuto in Italia solo grazie ai ruoli da spalla di Lee, mentre troviamo in un piccolo ruolo la bella Nora Miao, protagonista di altri due film accanto a Lee e di altri gongfupian minori come Il ritorno di palma d’acciaio (1976), sequel spurio di Dalla Cina con furore, sebbene diretto dallo stesso Lo Wei.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Gazzetta Marziale 2. Il furore colpisce ancora

  1. Denis ha detto:

    Quando il carisma di Lee non faceva pensare alla bruttura era miope e un ballerino di cha cha,mi piaceva anche nei film si travestiva

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Forse non un grande film, ma di certo un grande Lee 😉

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Questo post stavo per perdermelo! Dici bene non è un gran film, però Bruce Lee basta a renderlo subito mitico. Cheers

    Piace a 1 persona

  4. Pingback: Gazzetta Marziale 4. L’urlo di Chen | Il Zinefilo

  5. Pingback: The One-Armed Swordsmen (1976) Monchi a palate | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.