[Fight in an Elevator] Van Damme vs Miltsakakis

Si possono fare tante cose in ascensore, durante un film, e per averne un succoso assaggio vi consiglio caldamente questo post di Cassidy sul blog The MacGuffin.it.
Questa carrellata mi ha spinto a tirare le fila di un progetto che sto covando da anni, senza mai trovare la scintilla giusta per concretizzarlo: Fight in an Elevator!
Spero sia chiara la citazione di Love in an Elevator (1989) degli Aerosmith… o è già “roba da vecchi”?

Ogni settimana vi presento una scena di combattimento che si svolge nello spazio ristretto di un ascensore: scelgo la formula “a puntate” perché spero di trovare nel frattempo sempre nuove scene da aggiungere allo speciale.

Scusi, sale o muore?

Inizio questo ciclo riportandovi ad un’epoca d’oro che ha fatto danni irrimediabili. Dopo il successo americano di Hard Target (1993), John Woo ha telefonato a tutti i suoi colleghi di Hong Kong: a rega’, qui c’è da fare soldi a palate, buttateve sulla prima nave e venite in America!
Con le loro valigette arrivano i migliori registi dell’Asia, maestri indiscussi e inarrivabili che vengono tutti massacrati da una assurda regola aurea: vuoi lavorare in America? E allora te becchi Van Damme!

Tutti i registi di Hong Kong vorrebbero strozzare J.C.!

Se l’attore belga ha decretato il successo di Woo, ha controbilanciato fottendo senza possibilità di salvezza tutti gli altri maestri che sono arrivati, a due per due. Sì, perché un’altra strana regola voleva che per fottere completamente i registi, di filmacci con Van Damme dovessero farne due a testa…
Prima di rovinare il maestro dell’Asia, Tsui Hark – con Double Team (1997) e Hong Kong: colpo su colpo (1998), dopo i quali se ne è tornato ad Hong Kong sconvolto dagli incubi – Van Damme ha completamente dilaniato Ringo Lam, bravissimo regista che prima dell’assurdo Replicant (2001) si è fottuto la carriera con Maximum Risk (1996).

La bruciante bruttezza del film fa sì che tutti ricordino solo ed esclusivamente una scena (qui sopra), una sequenza di qualche minuto che da sola regge un film assolutamente dimenticabile.
La scena mostra un combattimento in una sauna che però poi si sposta nello stretto spazio di un ascensore: ad affrontarsi sono in realtà due amiconi…

Jean-Claude Van Damme vs Stefanos Miltsakakis (© 1996 Columbia Pictures)

Ha 24 anni il granitico e roccioso greco Stefanos Miltsakakis quando sta per partire alla volta delle Olimpiadi del 1984, proprio l’anno in cui Van Damme parte da Bruxelles per conquistare il cinema: un infortunio cambia per sempre la vita di Stefanos.
Nel 1989 lo ritroviamo in un piccolo ruolo d’azione nel film Cyborg, e qui nasce la sua amicizia con Van Damme, che lo chiamerà spesso nei suoi film.
Stefanos è il legionario che annusa la posta di Lyon all’inizio di Lionheart (1990), è uno dei più convincenti lottatori de La Prova (1996) ed è protagonista di un ottimo “combattimento ferroviario” in Derailed (2002). Fra un Van Damme e l’altro il greco ha fatto in tempo ad apparire nei migliori film marziali degli anni Novanta, sempre ovviamente da cattivo.

Un groviglio d’arti…

Stefanos Miltsakakis è un lottatore vero, non un attore. Addestrato in brazilian ju jitsu, sa smontare un avversario in molti modi, tutti dolorosi. Ho la fortuna di conservare un numero della rivista “Bruce Lee Kung Fu Magazine” con una sua intervista – credo l’unico testo che lo riguardi uscito in lingua italiana – da cui esce il ritratto di uno a cui è meglio non fare scherzi di Carnevale…

Due amiconi in ascensore

Oltre alla pluricitata scena della sauna in realtà Van Damme e Miltsakakis tornano a scontrarsi in un’altra scena, più breve: e il duello finale è proprio in un minuscolo ascensore.

Per forza di cose tutto è sviluppato in un durissimo close combat, visto che non c’è spazio per le celebri tecniche di gamba di J.C. Il biondo Stefanos subito incastra l’avversario in uno di quei grappling da cui non si esce, fermandogli gambe e braccia e premendogli il collo. Se non fosse un film l’avversario non avrebbe alcuno scampo, ma qui con grande sforzo Van Damme riesce ad allentare la presa per vincere.
La scena è breve ma molto intensa, decisamente superiore a quella della sauna che invece è molto più famosa.

Occhio dunque quando prendete l’ascensore: potreste dovervi liberare da un grappling mortale!

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a [Fight in an Elevator] Van Damme vs Miltsakakis

  1. canenero ha detto:

    Idea favolosa per un ciclo, e con Van Damme si comincia sempre col botto!

    Piace a 1 persona

  2. Vincenzo ha detto:

    Queste sì che sono rubriche a tema!!😁😁👍👍

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Ti dovrei scrivere ma sono sto in piedi ad applaudire! 😀 Fantastico, stra felice di essere di averti alzato l’assist per questa rubrica che già lo so, ci regalerà delle gioie a noi lettori del Zinefilo, per altro, appena ho letto il titolo, me lo stavo cantando in testa in versione Aerosmith 😀 Fantastico! Che gran rubrica! 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Ti ringrazio, soprattutto per avermi spinto finalmente ad iniziarla: tentennavo da tempo immemore 😛
      Spero di arricchire la lista titoli già trovati, così come spero in altre tue splendide rassegne su MacGuffin ^_^

      "Mi piace"

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Mitica idea…e grazie per la citazione di Double team! 🙂

    Piace a 1 persona

  5. Giuseppe ha detto:

    A volte è meglio prendere le scale, che se pure si dovesse inciampare sarebbe di sicuro meno doloroso che aver a che fare con Miltsakakis 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.