Death Race: Inferno (2013) Fine della corsa

Squadra che rimane a galla non si cambia, così la Universal accetta di distribuire un’altra produzione di piccole case, che con meno soldi ma con gli stessi set sudafricani di Death Race 2 riescono a sfornare il sequel del prequel del remake, facendo filotto.
Prima, però, vi ricordo l’imperdibile recensione de “La Bara Volante“.

Siete pronti per un’altra dose di Frankenstein?

Le piccole case in questione sono la Capital Arts Entertainment – che abbiamo già incontrato per Il Re Scorpione 4 (2015) – e la Moonlighting Films – nota più che altro per Doomsday (2008).
Il film è ovviamente lui, il più appannato ma sempre godibile Death Race: Inferno. Perché l’aggiunta di quell'”Inferno”? Perché il soggetto stavolta l’ha scritto Paul Anderson

La faccia di Luke Goss quando ha saputo che Anderson aveva scritto il soggetto

Alla regia c’è sempre Roel Reiné e alla sceneggiatura c’è sempre Tony Giglio, ma stavolta il maledetto Paul ha voluto infilarci la sua manaccia e scrivere lui il soggetto… e si vede dannatamente!
Il film esce in patria il 20 gennaio 2013 e la consueta Universal lo porta in DVD italiano dal 24 aprile successivo. Dal 6 aprile 2016 è raccolto in un Cofanetto DVD e un delizioso Cofanetto Blu-ray.

Weyland, il vero duro della serie!

Il povero Weyland (Ving Rhames) è costretto a vendere il suo impero al giovane rampante (ed arrogante) Niles York (Dougray Scott), miliardario che vuole divertirsi a gestire il Death Race. Però c’è un problema, e si chiama Frankenstein.

Profilattici Frankenstein: questa li batte tutti!!!

Carl “Luke” Lucas (Luke Goss) l’avevamo lasciato sfigurato in Death Race 2 e costretto a continuare a gareggiare con la maschera di Frankenstein. Ora i chirurghi del carcere – notoriamente i migliori in circolazione! – gli hanno rimesso a posto la faccia e il pilota ha vinto quattro corse: un’altra vittoria e sarà libero. Aspetta, ma pure nel precedente film aveva vinto cinque gare e col piffero che l’avevano liberato… perché ora dovrebbero farlo?
Comunque York non vuole perdere il suo cavallo da competizione e lo manda ad inaugurare una nuova edizione del Death Race: la corsa nel deserto. Tutti nel Kalahari o in qualcosa che gli assomiglia, ma è solo il primo dei mille set in cui si svolge il film.

Danny Trejo, ma te ti c’hanno murato vivo, in galera?

Durante una rissa a Franky cade la maschera così il suo team scopre la sua vera identità e la “bellissima” Katrina (Tanit Phoenix Copley) ci rimane malissimo, mettendo su il muso. Malgrado nel film ogni volta venga presentata come la bomba sexy dell’anno, l’attrice qui è talmente inutile che dà davvero fastidio ogni volta che entra in scena: in Death Race 2 era decisamente più appetibile, qui invece fa la bambina che gioca alla dura e questo è insopportabile.
Comunque con cattivi tutti nuovi inizia la gara nel deserto coi super-macchinoni, e ovviamente da che Death Race è Death Race non può mancare il pilota nero, che qui si chiama… Nero (Eugene Khumbanyiwa)! È lui che ci regala la primizia da applauso:

— Yippee ya-yei, figlio di puttana!

La citazione da Die Hard (1988) va a segno e scalda il cuore, ma è curioso notare che il doppiaggio italiano rende bene l’originale «Yippee ki-yay, motherfucker!», mentre nel film con Bruce Willis ci sono stati interventi “smussanti”: per saperne di più, rimando ovviamente all’approfondimento di “Doppiaggi Italioti“.

La mano di Paul Anderson si sente tutta e strangola questo film, che è davvero il più deludente del ciclo: se Death Race 2 sorprendeva perché malgrado fosse un filmetto metteva in campo tanta roba e divertiva alla grande, questo delude perché punta molto sulla storia… e con Anderson non è mai una buona idea.
La corsa in pratica fa da tappezzeria a un mare di vicende e personaggi che non fanno in tempo a rimanere in video per più di qualche fotogramma, ed è incredibile come ogni singola scelta che funziona su carta… in video è davvero sbagliata! Lotta tra donne, sparatorie coi criminali sudafricani, baraccopoli che saltano in aria, corse nel deserto e addirittura la prima pilota donna del Death Race… un po’ meno, Paul, un po’ meno. Ci sono elementi per un’altra trilogia inzeppati malamente in un solo film, così che nulla abbia lo spazio che merita.
Simpatico il finale ma troppo macchinoso: al confronto Diabolik sembra uno che improvvisa! Ripeto, troppa trama scritta male per un film che non ne aveva assolutamente bisogno: una fine deludente per una saga spettacolare.
Confidiamo nel futuro Death Race: Anarchy (2018) della specialista in sequel cialtroni Universal 1440 Entertainment.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM AD € 2,99

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Action e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Death Race: Inferno (2013) Fine della corsa

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    Visto ma, incredibile a dirsi, ne conservo pochi ricordi: o quella sera ero “di fori” o ciò suona come una conferma alla non entusiastica recensione! 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Vincenzo ha detto:

    Trejo è una costante!

    Liked by 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    “Don’t Spank without a Frank” idiotissimo colpo di genio, grazie per il fotogramma, guardando il film non ero riuscito a leggere questa stupidata 😉 l’Hippee ya-yei è un’altra chicca divertente, ma il film resta il più debole di tutta la saga, mi sa che hai ragione, quando Anderson ci mette lo zampino in fase di scrittura va tutto a rotoli. Vedremo cosa combineranno nel 2018, a questo punto sarà un prequel? Un Sequel? Boh mistero 😉 Cheers!

    Mi piace

  4. Evit ha detto:

    Sono quasi certo che negli ultimi due Die Hard, in linea con i non-adattamenti moderni, la frase di Bruce Willis rimanga “kay-yeh” anche in italiano e visto che questo film è del 2013 potremmo considerarlo rispettoso dei non-adattamenti più recenti. Ovviamente sono ironico, magari non sapevano neanche da dove veniva ahah!

    Liked by 1 persona

  5. Pingback: ALIENS versus BOYKA 3: Dead Or Alive (fan fiction) FONTI | 30 anni di ALIENS

  6. Pingback: S.W.A.T. Under Siege (2017) Sotto assedio | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...