Gazzetta Marziale 11. La ghigliottina volante

Per tutto il 2010 ho presentato su ThrillerMagazine i 40 titoli della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali” (targata Gazzetta dello Sport), ogni settimana corrispondente alla loro uscita in edicola: mi piace recuperare quei pezzi per ampliare la sezione “marziale” del blog.

11. La ghigliottina volante

(sabato 29 maggio 2010)

Torna l’epica dei film di Hong Kong degli anni Settanta nella undicesima uscita de “Bruce Lee e il grande finema delle arti marziali”, portato in edicola dalla Gazzetta dello Sport. Un cult che ha cambiato la storia del cinema marziale: La ghigliottina volante (血滴子 / Xue di zi / The Flying Guillotine, 1975) è una gustosa fusione di wuxiapian (film di cavalieri erranti e spadaccini volanti) e gongfupian (film in cui ci si affronta a mani nude).
Su tutti gli attori svetta Chen Kuan Tai, grande protagonista del cinema di Hong Kong di quegli anni e soprattutto grande interprete sia del pathos che dell’epos di cui questi film – troppo spesso bistrattati – erano grandi testimoni.

Durante la Dinastia Qing, l’imperatore Yung Cheng (Kong Yeung) viene a conoscenza che uno dei suoi uomini fidati ha costruito un’arma fenomenale, chiamata ghigliottina volante. Questa consiste in una cesta dai bordi taglienti, capace di mozzare una testa a più di trenta metri di distanza. Viene subito creata una squadra di guerrieri che, dopo un lungo addestramento, si specializzerà nell’uso di questa terribile arma.
Dopo alcune missioni, uno degli uomini ha dei dubbi: si rende infatti conto che la squadra di cui fa parte in realtà sta uccidendo degli innocenti. Prova a protestare, ma verrà ridotto al silenzio con la morte, sua e della moglie. Anche Ma Teng (Chen Kuan Tai) si rende conto dei subdoli piani che stanno alla base della squadra, ma preferisce defilarsi che rischiare la morte. Il resto della squadra impiegherà un anno a ritrovare l’uomo, il quale nel frattempo si è formato una propria famiglia e vive nell’anonimato: all’arrivo dei suoi ex compagni d’arme, saprà accoglierli con un’arma di propria invenzione, degna controparte della ghigliottina volante.

L’epica della storia la si può gustare sia nei rimorsi di coscienza di alcuni soldati quando si rendono conto dell’iniquità del potere che li comanda, ma soprattutto nel sacrificio di uno di questi per salvare Ma Teng, ormai tiratosene fuori.
Pare che il film si rifaccia ad un vero episodio della storia del XVIII secolo cinese, e che sia esistita veramente un’arma simile a quella vista sullo schermo: non essendoci testimonianza alcuna della sua forma, questa è stata concepita usando la pura fantasia. Comunque la realtà storica del film – o quella tecnica dell’arma in particolare – non è assolutamente lo scopo principale del regista, né tanto meno del pubblico: entrambi preferiscono le vicende umane condite di dosi abbondanti di combattimenti spettacolari.

Il film riscuote un grandissimo successo al botteghino, tanto da spingere una produzione taiwanese a girare in tempo record una specie di remake della storia: Master of the Flying Guillotine (獨臂拳王大破血滴子 / Du bi quan wang da po xue di zi, 1975), scritto, diretto, interpretato e coreografato da Jimmy Wang Yu, un grande veterano del cinema di genere. Visto che la vicenda si rifà ad un vero fatto storico, questo secondo film – inedito in Italia come tutti gli altri relativi alla ghigliottina volante – rielabora la stessa vicenda condendola con più personaggi, fra cui il celebre Spadaccino Monco (One-Armed Swordsman) che ha reso immortale l’attore Wang Yu.

Il tema tornerà nel 1977 con The Fatal Flying Guillotines (陰陽血滴子 / Yin yang xie di zi), ma il vero seguito della vicenda del film lo si avrà nel 1978 con Flying Guillotine Part II (清宮大刺殺 / Can ku da ci sha) di Cheng Kang e Hua Shan, con un mostro sacro nel ruolo di Ma Teng: Ti Lung.
Originariamente affidato a Dante Lam, il regista Andrew Lau porta a compimento un progetto di remake moderno del film, giunto anche in Italia con il titolo I soldati dell’Imperatore (血滴子 / Xue di zi / The Guillotines, 2012).

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Gazzetta Marziale 11. La ghigliottina volante

  1. Conte Gracula ha detto:

    Sembra un film divertente. Non l’ho visto, ho ahimè diverse lacune in quest’ambito, ma l’idea del disertore che ha preparato un’idea più fetente di quella da cui è scappato… mi piace XD

    Mi pare che il design di quell’arma sia stato ripreso in qualche videogame. Mi ricorda anche gli yo yo taglierini di un personaggio in Ken il guerriero.

    Liked by 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Sicuramente la flying guillotine è entrata nell’immaginario collettivo asiatico, e recentemente un documentario di Focus ventilava l’ipotesi che fosse realmente esistita (ma va be’, ‘sti documentari direbbero qualsiasi cosa!)
      E’ sicuramente un film per appassionati, un wuxiapian duro e puro dei tempi d’oro, ma sicuramente migliore del confusissimo e noiosissimo remake del 2012 giunto anche in italia…

      Mi piace

      • Giuseppe ha detto:

        … Remake di cui non credo si ricordi quasi nessuno (me compreso), anche a così pochi anni di distanza.
        P.S. Il personaggio in Ken il Guerriero con gli yo yo “affilati” dovrebbe essere Mamiya 😉

        Liked by 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        A questo punto mi sa che devo recuperare il remake recente, per completare il discorso sulle flying guillotine iniziato da Marco nella sua rubrica “Gli Archivi del Monte Song” (che mi manca assai!)

        Mi piace

  2. Pingback: Panoramica sul wuxiapian in Italia (2017) | Il Zinefilo

  3. Pingback: Panoramica sul wuxiapian in Italia – di Lucius Etruscus | fantascritture – il blog di gian filippo pizzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...