Gazzetta Marziale 12. Canton Godfather

Per tutto il 2010 ho presentato su ThrillerMagazine i 40 titoli della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali” (targata Gazzetta dello Sport), ogni settimana corrispondente alla loro uscita in edicola: mi piace recuperare quei pezzi per ampliare la sezione “marziale” del blog.

12. Canton Godfather

(sabato 5 giugno 2010)

Continua il grande cinema marziale di qualità con la collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali”, firmato Gazzetta dello Sport e Stefano Di Marino. La dodicesima uscita, in edicola da ieri, è uno dei migliori titoli di Jackie Chan nelle doppie vesti di regista e attore: The Canton Godfather (奇蹟 / Ji ji / Mr. Canton and Lady Rose / Miracles, 1989), fra i titoli meno conosciuti in Italia dell’artista di Hong Kong.

Hong Kong anni ’30. Dopo aver salvato un bosso della malavita, Kuo (Jackie Chan) si ritrova ad avere successo nell’ambiente criminale. Inaugura un night club dove fa esibire una cantante sconosciuta, Yang (Anita Mui), di cui si invaghisce. Kuo attribuisce la fortunata piega della sua vita alle rose che acquista dalla anziana Kao (Gua Ah-leh), la quale però ha fatto credere alla propria figlia di essere molto ricca: quando scopre che la figlia sta arrivando in città va nel panico. Kuo decide di aiutare l’anziana donna aiutandola a fingersi una donna ricca per un giorno.

Come si capisce dalla trama e dal titolo alternativo Miracles, il film è un remake cinese dello statunitense Angeli con la pistola (Pocketful of Miracles, 1961) di Frank Capra, che a sua volta era già un remake di Signora per un giorno (Lady for a Day, 1933) dello stesso Capra.

Jackie Chan, alla sua undicesima regia e crucciato di aver addosso l’etichetta di “regista marziale”, vuole dimostrare di saper creare film non solo di genere, ma pellicole complete adatte ad ogni palato. Prende in prestito i canoni della commedia americana degli anni ’30 e li adatta al gusto di Hong Kong, chiamando la popolare cantante-attrice Anita Mui ad interpretare una sequenza da musical memorabile.

Virtuosismi tecnici come il lungo piano-sequenza iniziale (tecnica che pochi registi, come Brian De Palma, hanno l’ardire di utilizzare), riprese che attraversano i tetti della città per entrare in una camera e altre l’uso della steadycam proprio nel periodo in cui il talentuoso Tsui Hark la stava sperimentando, fanno di questo film un fiore all’occhiello di Jackie Chan-regista. «Mi invitano nelle scuole per farmi parlare dei film, – racconta Chan nel documentario-intervista Jackie Chan: My Story (1997) – ma io non ho nulla da dire. […] Perché usi la carrellata?, mi chiedono. Non lo so, non ho una teoria. I miei film sono la mia esperienza.»

Nel cast va ricordata la compianta Anita Mui, artista poliedrica che per le sue doti canore è stata definita “Madonna of Asia”: nel 2003, appena quarantenne, il cancro la sottrae prematuramente ad un mondo artistico che l’ha sempre amata. Dei quasi cinquanta film forse rimangono degni di maggior nota quelli interpretati al fianco di Jackie Chan, come Drunken Master II e Terremoto nel Bronx.
Da citare in ruoli minori alcuni caratteristi fedeli a Chan, come Mars (stuntman che fece anche spesso da spalla nei primi film di Jackie) e Hak On Fung (villain di molte pellicole marziali). Infine da notare la presenza di Richard Ng, celebre e prolifico comico di Hong Kong.

Come si diceva, The Canton Godfather è fra le pellicole meno conosciute di quelle di Jackie Chan distribuite (in ritardo!) in Italia, eppure segna forse il livello più alto toccato dall’artista di Hong Kong dal punto di vista cinematografico. Quale che sia il motivo, Chan non riuscirà più a ripetere un’operazione simile a questa, tornando nei suoi film a prediligere la parte fisica e rocambolesca che l’ha reso famoso.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Gazzetta Marziale 12. Canton Godfather

  1. Cassidy ha detto:

    Sono sicuro di averlo visto, una volta sola e circa un era geologica fa, è uno di quei titoli di Jackie Chan che dovrei necessita una ripassata. Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Chri ha detto:

    Mi ricordo di questo film, era sulla lista di film di Jackie da guardare, ho visto solo qualche scena di combattimento di questa pellicola, comunque ho scoperto molte cose interessanti grazie a questo articolo. Prima o poi lo dovrò vedere. E recensire eventualmente.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.