Gazzetta Marziale 14. Drago d’acciaio

Per tutto il 2010 ho presentato su ThrillerMagazine i 40 titoli della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali” (targata Gazzetta dello Sport), ogni settimana corrispondente alla loro uscita in edicola: mi piace recuperare quei pezzi per ampliare la sezione “marziale” del blog.

14. Drago d’acciaio

(sabato 19 giugno 2010)

Da ieri in edicola il film che ha consacrato Brandon Lee, il figlio di Bruce Lee con cui ha condiviso lo stesso triste destino: una prematura morte. La Gazzetta dello Sport e Stefano Di Marino, all’interno della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali”, presentano Drago d’acciaio (Rapid Fire, 1992), film d’azione sicuramente non memorabile ma che ha due grandi pregi: un ottimo livello di marzialità e (purtroppo) uno dei rari film del giovane e sfortunato Brandon, che si pone a metà fra l’esordio in Resa dei conti a Little Tokyo (1991) e il successo de Il Corvo (1993).

La regia è affidata a Dwight H. Little, regista televisivo (X-Files, Millennium, The Practice, Bones e molti altri) prestato spesso al cinema con film come Il fantasma dell’Opera (1989) con Robert Englund e Programmato per uccidere (1990) con Steven Seagal. Recentemente è tornato in grande stile al cinema marziale con Tekken (2010), tratto dal celebre videogioco “picchia-duro”.

Jake Lo è un giovane sino-americano un po’ ribelle. Il padre è morto negli scontri di piazza Tien’anmen a Pechino, e lui non sembra prendere la vita molto sul serio. Dovrà invece cambiare velocemente atteggiamento quando per caso sarà testimone di un omicidio di mafia: finirà nel programma di protezione testimoni ma ben presto dovrà usare le sue sole forze per affrontare i boss locali che lo vogliono morto.

Il film di Little può ricollegarsi allo stesso filone del suo precedente Programmato per uccidere: storie di criminalità organizzata e di vendetta condite con una buona dose di arti marziali. Non sono certo film che scalano le classifiche dei botteghini o che ricevono attenzione dalla critica, ma sono prodotti onesti di puro intrattenimento che raggiungono egregiamente il loro obiettivo.

Alla coreografia dei combattimenti di Drago d’acciaio troviamo un vero esperto del settore come il californiano Jeff Imada, stuntman di più di 150 film e che dopo questa collaborazione tornerà a lavorare a fianco di Lee ne Il Corvo. Sue altre coreografie, lo ricordiamo, sono quelle di Fight Club (1999) e Daredevil (2003).

Nei crediti, al fianco di Imada, troviamo anche il nome di Brandon Lee e l’attore stesso, nella sua “Last Interview” dell’agosto 1993 – intervista rilasciata solo undici giorni prima della morte – afferma di aver voluto usare la coreografia per definire il suo personaggio. «[Il protagonista di Drago d’acciaio] è un giovane che ha avuto un addestramento marziale di alta qualità ma, proprio come me e molta altra gente, non si trova a proprio agio nella vita violenta o in situazioni rischiose. Questo è un aspetto del personaggio che volevo mostrare attraverso la coreografia. Combatte solo per salvarsi la vita, ed in ogni situazione cerca la fuga più che il conflitto.»

Ci permettiamo di dubitare che il giovane attore, ancora acerbo dal punto di vista cinematografico-marziale, abbia partecipato attivamente ad un complesso compito come quello della coreografia dei combattimenti: è più facile che il suo nome, legato ovviamente a quello del padre, sia stato inserito per puro merito onorario, senza per questo nulla togliere alla sua bravura.

Troviamo nel film grandi caratteristi del genere come il grande caratterista Tsi Ma, il cattivo del film, e l’attore-stuntman di lunga data Al Leong (il cui “marchio di fabbrica” è costituito da un folto paio di baffi neri) con cui Brandon si scontra in solitaria, quasi a voler pagare il tributo dovuto ad una vera icona del genere marziale.
Unico nome celebre al di là dei generi è quello del co-protagonista Powers Boothe, interprete di decine di pellicole nonché di parti in telefilm come Deadwood.

Un film, si diceva, di puro e onesto intrattenimento, con ottime sequenze marziali e buone scene d’azione. Forse se l’attore protagonista non fosse stato Brandon Lee, con tutto ciò che questo comporta e la fama legata poi al suo triste destino, il film non avrebbe avuto neanche il già tiepido successo riscosso, però lo stesso rimane fra i prodotto i migliori del filone marziale statunitense che proprio in quegli anni stava nascendo.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Gazzetta Marziale 14. Drago d’acciaio

  1. Cassidy ha detto:

    Dici bene non è certo un capolavoro, ma ai tempi, quando lo passavano in tv con una certa frequenza (causa successo planetario de “Il Corvo”), finivo sempre a guardarlo 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Film più che dignitoso che in parte, è vero, deve il suo successo anche alla risonanza dell’infausto destino del protagonista…

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Alla sua uscita italiana, quando Brandon era ancora vivo, venne trattato come qualsiasi altro filmetto di genere, mentre “dopo” ha acquisito più valore. Soprattutto grazie alla bella edizione DVD Fox.

      "Mi piace"

  3. Pingback: Molto TEKKEN per nulla | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.