Played (2006) Se non giochi muori

Secondo voi, io passo davanti ad una bancarella, vedo un DVD con Val Kilmer in copertina… e non ci spendo 2 euro? Col senno di poi… no, non avrei dovuto spenderceli.
Per motivi ignoti, alcune infime casupole anglo-americane affidano ad un tecnico degli effetti speciali come Sean Stanek la regia e sceneggiatura di… oddio, non so proprio cosa sia Played, so solo che la MHE lo porta in DVD dal 2 febbraio 2010.

Già questo dovrebbe far capire la qualità del film…

Con una webcam di infima qualità, Stanek si è limitato a chiamare una secchiata di attori falliti e farli muovere a caso in piccole parti. Su un substrato che teoricamente dovrebbe essere una storia di criminalità britannica – tipo poliziotti corrotti contro criminali onesti – si dovrebbe dipanare una storia corale, ma in realtà è tutta una puttanata così rumorosa da lasciare storditi per ore.
Mentre personaggi si muovono sullo sfondo senza alcun motivo, entrano in scena parimenti a caso degli attori del passato totalmente fuori parte, impacciati perché non sanno cosa fare.

Quando ancora Val Kilmer era umano…

Dopo una inutile comparsata del citato Val Kilmer (quando ancora assomigliava ad un essere umano), vediamo il vecchio boss con la coppola Patrick Bergin (ma ve lo ricordate Patrick Bergin? Che brutta fine…), che parla con il detective corrotto Vinnie Jones, che guarda sempre nel vuoto come se non lo avessero avvertito che lo stanno riprendendo.

Ma ve lo ricordate Patrick Bergin?

Nella parte di una tossica c’è una particolarmente vissuta Patsy Kensit (ma ve la ricordate Patsy Kensit? L’avevo lasciata in un pilone nell’oceano in Arma letale 2…) C’è pure un sacco di altra gente fallita, quasi che tutti gli attori famosi negli anni Novanta facessero a spintoni per apparire in questa porcata, ma ho dovuto mettere stop dopo neanche venti minuti perché stavo davvero rischiando il collasso.

Vinnie Jones è sempre uguale!

Ogni volta che penso di esagerare, ogni volta che do per morto il cinema del dopo-Duemila, ogni volta che in giro nei blog scrivo che il 90% della produzione cinematografica che giunge in Italia è ormai spazzatura maleodorante, ogni volta che mi dico che esagero… scopro che sono un inguaribile ottimista!
Prodotti come Played andrebbero depositati nei musei delle torture, o custoditi al Tribunale dell’Aja per chiara violazione dei diritti umani degli spettatori, invece c’è la distribuzione italiana che è sempre al primo posto quando c’è da far girare della robaccia economica.
Mi consolo pensando che con questo post vi ho messo in guardia: non comprate questo film! Ma in generale state ben lontani dai prodotti MHE: lasciate che il Zinefilo si sacrifichi per voi!

L.

amazon

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Played (2006) Se non giochi muori

  1. Denis ha detto:

    in pratica il cinema e un walking dead e sparita la serie B e si passati alla Z poi si faranno film di 15 minuti (la soglia massima si attenzione odierna) comunque la sparizione dei prodotti medi c’è stata anche nei videogiochi,Val Kilmer avrà pagato la fama di rompicoglioni sul set

    Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    Per lo spirito di abnegazione e il tipo di film mi pare ti sia immedesimato nello zintage del giovedì 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Ma Patsy Kensit è ancora viva? Pensavo davvero fosse finita nel pilone di “Arma Letale 2” (Grazie per la citazione!), e poi davvero, sconsolante la fine fatta da Patrick Bergin, roba da depressione. Cheers!

    Piace a 1 persona

  4. Conte Gracula ha detto:

    Non l’ho visto. Ma mi fa sempre tristezza, vedere Madmartigan (google dice che è tutto attaccato, non lo sapevo) in parabola discendente…

    Della serie “voglio ricordarlo così”, cercherò di rivedere Willow e Top Secret al più presto!

    Piace a 1 persona

  5. loshame ha detto:

    Sei stato molto chiaro.
    Ottimo lavoro ☺

    Piace a 1 persona

  6. Giuseppe ha detto:

    A dire il vero, alla MHE mi avvicin(av)o con curiosità più che altro in caso di titoli non recenti (vedi Pianeta terra: anno zero o Viaggio al Settimo pianeta) o classici come Detective Stone… ma con la loro roba contemporanea ci vado coi piedi di piombo, proprio per cercare di cascare il meno possibile in trappole come Played.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Non so se dietro ci sia davvero un criterio o se raccattano roba a caso, ma è possibile trovare qualche chicca con il logo MHE. Agli inizi del Duemila hanno portato una valanga di Kurosawa in DVD italiano, mai più ristampati da nessun’altra casa, quindi di sicuro è una casa che può dare soddisfazioni, ma nella sua rete a traino è anche molto facile trovare prodotti devastanti come questo, che ti fanno venir voglia di smettere di guardare film per sempre!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.