Scanner Cop 2 (1995) Scanna che ti passa

Nel mondo dei filmacci si sa che squadra che perde non si cambia, così per motivi misteriosi – che possono essere spiegati solamente con l’effetto di qualche crudele Scanner – i produttori del terrificante Scanner Cop (1994) si ritrovano a sfornare un altro inutile episodio di una saga che non aveva bisogno già del secondo… figuriamoci del quinto!
Nato da menti soggiogate dal controllo scanner, ecco dunque Scanner Cop II – a volte con il sottotitolo The Showdown a volte Volkin’s Revenge – uscito il 16 maggio 1995 in patria e per fortuna inedito in Italia.

Forza, che è l’ultimo…

Torna purtroppo Daniel Quinn, attorino dal musino da tenerino che interpreta di nuovo il poliziotto Samuel Staziak, figlio dei protagonisti del primo film di Cronenberg. (Strano che il nostro amato canadese non sia intervenuto per porre un freno a questo scempio dei suoi personaggi!)
Impegnato anima e corpo a farsi crescere i capelli, il nostro eroe stavolta ha un compito arduo: fermare un super cattivo che sta uccidendo gli Scanner.

È inutile che fai il figo, rimani un ciocco di legno!

Per la prima volta questa serie di filmacci mette in campo un caratterista degno del Michael Ironside del primo film: in mezzo ad una manica di inutili comparse, troneggia sua maestà Patrick Kilpatrick, che venero dal 1991 in cui lo scoprii in Colpi proibiti (1990) come villain contro Van Damme.

«Portami un sogno, Burke…» (cit.)

Qui interpreta il supercattivo Volkin, che va in giro a schiattare gli Scanner per risucchiarne i poteri: più schiatta più succhia, e più succhia più di poteri è una pacchia, diventando sempre più forte. Il suo scopo è diventare forte abbastanza per affrontare Staziak, che anni prima gli ha ammazzato l’amico di tanti atti criminali.

Patrick è sempre da applauso a scena aperta!

Essendo la trama ridotta all’osso – in pratica il film è tutto qui – per raggiungere i canonica 90 minuti tocca inventarsi qualcosa: per esempio circa 40 minuti totali di succhiate scanner! Con tanto di musichetta urticante per far capire che il cattivo sta succhiando.
Questo dà la possibilità al regista Steve Barnett di sfoggiare scene splatter molto gradevoli, quando gli effettacci erano fatti a mano e il risultato anche di prodotti di basso livello era comunque divertente. Qui la succhiata scanner è sempre seguita dalla vittima che si rinsecchisce ma non prima di essersi riempita di grandi bolle purulenti.
La trovata migliore è quando Volkin succhia una donna attraverso la rete e il cadavere di lei rimane appiccicato ad essa. Quando cercano di liberarla, il “contenuto” cade all’indietro, ma la pelle della donna, il suo involucro, rimane in piedi sulla rete! Almeno questa nullità di film ci regala gagliarde scene splatter come ormai non se ne pensano più.

Un’inutile comparsata di Robert Forster

Tutti i personaggi di questo film sono Scanner, e ogni tre per de si affrontano a suon di sguardi truci ed espressioni da morir dal ridere. L’unico che riesce bene è Kilpatrick, perché è un grande e fa bene tutto quello che fa!
Lo scontro finale, nell’immancabile fabbrica abbandonata, è ridicolo e veloce, facendo tornare una testa che esplode come omaggio al primo film.
Al di là di tutto questo, il film non merita una visione, se non giusto per ammirare un sempre gagliardo Kilpatrick.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Horror e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Scanner Cop 2 (1995) Scanna che ti passa

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    …”Scanna che ti passa”…mi sono ribaltato 🙂
    …e concordo per l’ammirazione di cui è degno Kilpatrick!

    Liked by 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Quando in un film fai il tifo per il cattivo, vuol dire che qualcosa è andato storto, se il cattivo invece è Patrick Kilpatrick, allora è la normalità, un grande 😉 Me lo ricordo bene questo, tra tutti i seguiti è il meno peggio, in virtù delle scene splatter, me le ricordo bene, e me le ricordo ben fatte, ero curioso del tuo parere per capire se era solo un mio vecchio ricordo 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  3. Denis ha detto:

    http://docmanhattan.blogspot.it/2017/05/20-super-gorilla-dei-comics.htmlhttp:/ intanto questo post scimmiesco per farti riprendere ,comunque povero uomo dei sogni finito in un filmaccio

    Liked by 1 persona

  4. Conte Gracula ha detto:

    Sono certo di non averlo visto, ma con tanti film tutti uguali, la certezza non è di questo mondo 😛

    Liked by 1 persona

  5. Pingback: Mission of Justice (1992) Codice marziale 3 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...