Monte Carlo or Bust! (1969) Quei temerari sulle loro carriole

Dalla metà degli anni Sessanta la moda delle “corse pazze” è esplosa deflagrante e non si riesce ad arginarla: l’uscita ad un solo mese di distanza di Quei temerari sulle macchine volanti e La grande corsa – entrambi del 1965 – rende quasi obbligatorio continuare a battere sullo stesso ferro.
L’idea di personaggi fortemente caratterizzati – il britannico dai denti storti e dalla parlata pittoresca; il tetesco di Cermania dai modi militareschi e rigidi; il russoski che parloski stranoski e via dicendo – che cercano di vincere una gara a bordo dei veicoli più sgangherati conquista l’immaginario collettivo e il 14 settembre 1968 va in onda la prima puntata di un cartone animato che gioca proprio sull’eccessiva caratterizzazione di queste storie: Wacky Races.
Fra i pittoreschi protagonisti – tutti più o meno ispirati ai due film del 1965 – il pubblico si affeziona principalmente ai due cattivi per eccellenza: Dick Dastardly e il suo (in)fido cane Muttley, costruiti palesemente sulla coppia Jack Lemmon / Peter Falk de La grande corsa di Blake Edwards.
È ufficiale: bisogna continuare a sfornare film sulle corse pazze…

Dick Dastardly e Muttley, miti per sempre!

Piccole case anglo-francesi – e pare anche con un pizzico di Dino De Laurentiis – vogliono partecipare al grande gioco affidando di nuovo a Ken Annakin – quello di Quei temerari… – la regia di un film di corse pazze: Monte Carlo or Bust!, presentato anche come Those Daring Young Men in Their Jaunty Jalopies.
Il 28 maggio 1969 la Paramount fa esordire il film a New York, mentre dal 9 ottobre successivo sbarca nei cinema italiani con il titolo chilometrico Quei temerari sulle loro pazze, scatenate, scalcinate carriole, che dal 29 ottobre 2014 trovate rispolverato in DVD nella collana “Cineclub Classico” della Golem Video.

Già il titolo mi urta assai i nervi…

Sir Cuthbert Ware-Armitage (interpretato dal noto caratterista Terry-Thomas: quando serviva un britannico dalla faccia da scemo e i denti storti, era sempre lui che chiamavano!) apprende con poco dispiacere che suo padre – visto nel precedente film – volando con il suo aereo è defunto. Ora dunque Cuthbert eredita un bel patrimonio e sta gioendo, quando scopre che prima di trapassare suo padre ne aveva perso metà a carte contro l’americano Chester Schofield (Tony Curtis), con cui ora dunque è costretto a fare società.

Americano figo, britannico rigido: la Fiera del Luogo Comune

Visto che non ha i soldi per ricomprarsi la quota del fastidioso americano, pensa bene di sfidarlo al Rally di Montecarlo, «una gara di resistenza secondo regole molto severe: 1.500 miglia sulle più diaboliche strade, nel clima più inclemente d’Europa».

Ammazza che grafica, si vede che ci hanno speso soldi…

In rapida sequenza vediamo una insopportabile carnevalata di personaggi stereotipati e delle loro motivazioni per vincere la gara. Da mani in faccia – soprattutto su quella del regista-sceneggiatore Annakin – conosciamo Marcello ed Angelo, vigili urbani di Roma interpretati da Lando Buzzanca e Walter Chiari. I due vincono alla lotteria e comprano un’auto per partecipare al rally, inseguendo il sogno di essere grandi piloti, e partono da Ragusa… Ma non eravamo a Roma, con tanto di Colosseo?

E ti pare che alla Fiera dello Stereotipo mancava il siculo?

Parlata siculo-italiana e gestualità pompata a mille – secondo gli americani noi italiani passiamo la vita ad agitare le braccia! – rendono insopportabile questa “quota broccolina”. Sono sicuro che invece di indignarsi i nostri connazionali dell’epoca avranno trovato emozionante essere inseriti nella fogna di stereotipi di questo film…

Walter Chiari raggelato dalla vergogna

La voglia è di ripetere l’operazione dei precedenti film – tanto che da quello britannico arriva l’attore Terry-Thomas e da quello americano Tony Curtis – ma gli investimenti sono ridotti all’osso e il risultato mi sembra molto al di sotto delle aspettative.
Queste casupole cinematografiche non hanno a disposizione i mezzi delle case blasonat (Warner e Fox) che stavano dietro ai precedenti film, così vediamo una sarabanda di scene girate vistosamente in studio con sfondi variopinti molto posticci: più che un film sembra una rappresentazione teatrale. Fondale bianco, due tecnici che tirano roba bianca che può essere neve e gli attori imbacuccati che fanno finta di aver freddo: questo è il livello della pellicola.
Ho provato due volte a vederla per intero ma mi è impossibile: devo avere qualche scompenso genetico che mi impedisce di sopportare le commedie brillanti anglofone degli anni Sessanta…

Spero che almeno i due attori abbiano guadagnato parecchio…

Che sia solo un mio problema attuale lo dimostra il fatto che questi film di corse pazze all’epoca funzionano, e il 13 settembre 1969 – quattro mesi dopo questo di Annakin – in TV inizia una seconda serie animata con i protagonisti amati dal giovane pubblico: Dastardly e Muttley e le macchine volanti (Dastardly and Muttley in Their Flying Machines), ispirato al film di Annakin con le macchine volanti.
Preferisco chiudere con la loro sigla: «Stop the pidgeon, stop the pidgeon…»

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Corse pazze e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Monte Carlo or Bust! (1969) Quei temerari sulle loro carriole

  1. Cassidy ha detto:

    Tra russoski che parlano stranoski e Italioti che gesticolano più che un film sembra una barzelletta, cento volte meglio mezzo episodio dei Wacky Races, tutta la vita.

    Detto questo minima riflessione sul titolo italiano, i titolo lunghi chilometri sono una vecchia abitudine italiana degli anni ’60 e ’70, questo poi è uno sciogli lingua, ma posso dire che preferivo l’esagerata creatività al limite del ridicolo di allora, a tante soluzioni moderne con miscugli di italiano e inglese? Evito esempi, tanto tutti abbiamo i nostri preferiti 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    ho conosciuto un signore che era amico di Walter Chiari,mi ha detto che trattava male Ava Gardner

    Piace a 1 persona

  3. Mahatma K. B. ha detto:

    Sara’ il mio amore per il grandissimo Therry-Thomas, ma a me sto filmetto piace non poco (e “Quei temerari sulle macchine volanti” pure di piu’).

    Piace a 1 persona

  4. cumbrugliume ha detto:

    Almeno la sigla “Stop the pidgeon” è rimasta nella storia… o almeno nella mia memoria!

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: Quei temerari sulle macchine volanti (1965) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  6. Pingback: Quei temerari sulle scalcinate carriole (1969) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.