Altitude (2017) Dolph ad alta quota

Un nugolo di piccole case, distribuite dalla Lionsgate, assemblano alla bell’e meglio un minuscolo film d’azione ad alta quota da far esordire in Italia…
Lo so, sembra strano, ma Altitude esce in anteprima sulla TV italiana il 24 marzo 2017, arrivando in patria americana solamente il 14 aprile successivo. Non so su quale canale sia avvenuto l’esordio nostrano, comunque ho avuto modo di vedere il film su TV8 venerdì scorso (2 giugno 2017), di notte dopo 22 minuti (2014) su Italia1.

Titolo banale, sottotitolo banalissimo

Seguendo la formula Die Hard del protagonista giusto al momento sbagliato, abbiamo la super-poliziotta Gretchen Blair, interpretata dalla sempre bella Denise Richards, che qualcuno ricorderà in Starship Troopers (1997) ma per me sarà sempre una delle super zoccole di Sex Crimes (1998).

Denise Richards, ancora traumatizzata dopo Sex Crimes

Gretchen è stata ripresa perché troppo solerte nel suo lavoro e sta tornando a casa, ma durante il viaggio in aereo un tizio le confessa che il personale di bordo è formato in realtà da ladri che vogliono dirottare l’aereo, o qualcosa del genere: la noia mi ha portato spesso a distrarmi.
Essendo lei una super-poliziotta, sventerà il tentativo dei cattivi. Fine del film.

Inutili mossette e facciuzze a caso

Alex Merkin è un piccolo regista abituato a piccoli film con grandi star fallite, quindi esegue onestamente il suo piccolo lavoro dirigendo un minuscolo film d’azione in cui dire che non succede niente è fare un complimento. Negli spazi angusti di un aereo bisogna essere bravi per tirar fuori un thriler… e qui nessuno è bravo!
Il simbolo del film è Chuck Liddell ex wrestler che vorrebbe intraprendere la carriera del cinema ma se continua a non fare una mazza di niente su schermo difficilmente arriverà da qualche parte. Se era comunque un onesto cattivo in Riot (2015), qui manco parla: fa il cattivo per cinque minuti prima di essere fatto fuori come un beota. Gran bella prova.

Entra in scena la gagliardiaggine svedese!

Inutile girarci intorno, l’unico motivo per cui questo filmucolo esiste è lui, l’unico e inimitabile: Dolph Lundgren, il miglior action hero che la serie Z conosca.
Entra scena con la cazzutaggine che solo lui può permettersi, e tutto crolla: il film si ripiega su se stesso e scompare davanti a Dolph. Lo svedesone si mangia tutto col suo sorriso che uccide e in pratica fa quello che gli pare: tutto il resto del cast è solo un riempitivo.

Dolph può guidare un aereo con una mano sola… e una sola espressione!

Mentre la poliziotta fa e dice cose noiose e gli altri sono pure peggio, Dolph guida l’aereo come fosse in autostrada con tanto di sottofondo delle Cavalcata delle Valchirie: applausi a scena aperta!
Dolph se la comanda e titaneggia su tutti: questo inutile film va visto assolutamente non foss’altro che per ammirare lo svedesone che spadroneggia!

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Disastri Aerei e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Altitude (2017) Dolph ad alta quota

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    Solo tre parole: wow, devo vederlo!

    Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    🙂 🙂 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Dobbiamo smetterla di guardare gli stessi canali tv 😉 Incrociato per errore in televisione, mentre aspettavo che si accendesse il lettore DVD, mi sono detto “Ma quella è Denise Richards? Cavolo si è mantenuta bene!” un secondo dopo ho visto spuntare anche Dolph, al che ho spento il DVD e ho guardato questo 😉 Era già iniziato ma poco importa, non una trama impossibile da intuire, hai descritto alla grande pregi (Uno: Dolph) e difetti del film. Una cosina, ma comunque ogni tanto è carino finire ad utilizzare la tv non solo come schermo 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Infatti è il classico film da vedere per caso, tanto per sghignazzare. Per fortuna il sito di FilmTV mi avverte ogni volta che Dolph passa in TV in chiaro, così posso gustarmelo che guida l’aereo 😀

      Mi piace

  4. Denis ha detto:

    Liddel era un mma fighter,su Tv8 hanno passato anche 12 round lockdown a tarda notte ,la trama mi ricorda un’altro film con Liam Neeson

    Piace a 1 persona

  5. Cumbrugliume ha detto:

    Dolph on a plane!

    Piace a 1 persona

  6. Pietro Sabatelli ha detto:

    Evitato come la peste nonostante Dolph, il nostro Dolph 😉

    Piace a 1 persona

  7. benez256 ha detto:

    Beh ma se Denise Richards non zoccoleggia che film è?

    Piace a 1 persona

  8. Conte Gracula ha detto:

    Sex Crimes non l’ho visto, ma ho visto Starshit Troopers… blah! La tizia è carina, comunque 🙂
    Dolph è Dolph e non c’è altro da dire, è uno dei pochi attori action che sembri davvero un attore. Più giovane e moro, potrebbe fregare il ruolo di Superman a quel cartonato di Cavill e nessuno avrebbe da lamentarsi

    Piace a 1 persona

  9. CineFatti ha detto:

    È normale che dopo aver letto sono gasatissimo e non vedo l’ora di guardare ‘sto film? xD
    Anyway, ti nominiamo ai Liebster Award, se ti va di partecipare 😛

    Piace a 1 persona

  10. Pingback: Larceny (2017) Lo svedese in Messico | Il Zinefilo

  11. Pingback: Black Water (2018) Quando Van Damme incontra Lundgren | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.