Kill ‘em All (2017) Uccidili tutti di noia

Una volta ero informato sui nuovi film di Van Damme molti mesi prima che uscissero: ora li scopro per puro caso. Però la voglia di vederli non è calata… anche solo per ridere in faccia al povero Jean-Claude, che ce la mette tutta a fare quello che non faceva neanche quando era vivo.
Scopro quindi per puro caso dell’esistenza di Kill ‘em All, che se si trova scritto anche Kill’em All tutto attaccato. (Quell’apostrofo è la contrazione da them a ’em quindi andrebbe staccato da kill, ma tutto il mondo è paese e la grafica tende a svaccare la grammatica.)

La politica di Van Damme: ammazzarli tutti… di noia!

Mi casca per caso l’occhio sul regista, Peter Malota. Aspetta, ma non può essere quel Peter Malota… no, dài, sarà un omonimo: mica vorrai dirmi che la guardia del corpo che dava calci con gli speroni sugli stivali in Double Impact (1991) ora si è messo a fare il regista? Lo adoravo, in quel personaggio, e adoravo i suoi calci alti: il suo scontro con Van Damme apriva il meraviglioso trailer che quell’estate imparai a memoria fotogramma per fotogramma, ma ero un fan malato di 17 anni…
Ora Peter Malota è diventato regista? Ma perché chiunque conosca Van Damme finisce per fare cose di cui non è capace?

Sta’ fermo lì, Peter, che te lo risolvo tutto io, il film!

Una scritta ci informa che nel 1991 la Jugoslavia “esplose” per via di guerre civili che nel successivo decennio hanno provocato 300 mila morti e un milione di profughi. La domanda sorge spontanea: perché ad una disgrazia del genere… vogliamo aggiungere anche Van Damme?
Subito dopo inizia una serie imbarazzante di dissolvenze incrociate che non si capisce una mazza. Essendo la qualità del video spaventosamente scarsa – se l’avessero girato con lo smartphone sarebbe stato meglio – si cerca di usare più filtri e transizioni possibile per buttarla in caciara. Bravo Peter Malota, cerca di nascondere tutto…

Il momento di migliore prova attoriale per J.C.

Fa piacere trovare un’altra star marziale dei tempi d’oro, il mitico ma sfortunato Daniel Bernhardt. Qui interpreta uno dei fratelli Brokowitz… Aspetta, ma davvero il doppiaggio italiano dice Brokowitz invece dell’originale Brokowski? Secondo i nostri traduttori “witz” è più jugoslavo di “wski”? ‘Sto film comincia davvero male…

La faccia di Daniel Bernhardt all’idea di lavorare con J.C.

Vistosi uccidere il fratello nel 1999, oggi Radovan Brokowitz-wski (Daniel Bernhardt) lavora per Klaus (Paul Sampson) ed entrambi sono cattivi cattivi. E la banda di simpatici assassini è arricchita dalla presenza dello spietatissimo Dusan… cioè quella facciuzza da bonaccione di Kristopher Van Varenberg, che perde ogni dignità e da questo film sceglie di chiamarsi Kris Van Damme.
Ormai l’azienda familiare “Van Damme & figli” è ben avviata, malgrado portare quel cognome non dev’essere facile per il giovane Kris: evidentemente ha visto che comunque paga, e allora si scende a patti con tutto. Tanto è una particina di cinque minuti, passa subito…

ahahahah la faccia da duro di Kris Van Damme!

Van Damme è abituato ai combattimenti strani, e dopo aver affrontato se stesso in Double Impact (1991) e una tigre in Welcome to the Jungle (2013), ora affronta suo figlio!

Azienda Familiare Van Damme & Figlio

Tranquilli, a parte un paio di inquadrature innocue il resto del lavoro lo fanno i rispettivi stunt double. Ve l’immaginate se no poi la domenica a pranzo, in casa Van Damme?

Oh, non te fa’ male che se no chi lo dice a tua madre?

L’idea di fondo non è malaccio, e soprattutto economica. Un uomo misterioso arriva ferito in ospedale e l’infermiera Suzanne (Autumn Reeser) lo cura e si ritrova invischiata nella sua vendetta. Philip (Van Damme) infatti è nato in Jugoslavia – dove il nome Philip è notoriamente di ampio uso – e dopo svariati decenni è riuscito a trovare l’uomo che gli ha ucciso il padre, quand’era bambino.

A me nessuno di questi due sembra jugoslavo…

L’ospedale si ritroverà quindi ad essere unica ed economica location della storia di vendetta fra i cattivoni e Philip.

Van Damme vs Bernhardt sui tetti dell’ospedale

Tutto questo viene ricostruito con un gioco di flashback incrociati, dissolvenze a secchiate e colpi di scena che dovrebbero far saltare sulla sedia, compreso un super colpone finale che si rifà ad un noto film. (Non vi dico quale per mantenere un minimo di sorpresa.)
Siamo però nell’etereo universo delle intenzioni: in pratica è un filmaccio di bassissima qualità e pretese nulle, dove personaggi interpretati malissimo entrano in scena, prendono due calci da Van Damme e se ne vanno a ritirare il cestino del pranzo. Nessun attore di questo film riesce a stare in video per più di cinque minuti: per il resto, c’è la faccia smunta di Van Damme!

Un omaggio ai bei tempi andati…

Inutile negare che il cuore si scalda nel vedere J.C. che tira ancora le sue storiche tecniche di gambe, ma è davvero pochino per salvare un filmaccio raffazzonato alla bell’e meglio.
Grande stupore nel trovare i caratteristi Peter Stormare e Maria Conchita Alonso nei ruoli di due agenti che cercano di raccapezzarsi con i racconti di Suzanne: quanto male se la stanno passando per accettare un piccolo ruolo in un film di Van Damme?

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Kill ‘em All (2017) Uccidili tutti di noia

  1. Cassidy ha detto:

    Mi puzzava già parecchio, se lo boccia anche il super esperto di Van Damme allora posso passare la mano, Stormare é imprendibile farà 40 comparsate l’anno. Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Conte Gracula ha detto:

    Non l’ho visto, come il 98% dei film di Giovanni Claudio. Ma immagino che il colpo di scena finale venga da I soliti sospetti.
    O da Cappuccetto Rosso e gli insoliti sospetti.
    O dal primo Scary Movie.

    Liked by 1 persona

  3. Kukuviza ha detto:

    In quel fermo immagine del trailer, JCVD sembra quasi un certo pornodivo italico…

    Liked by 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Visto, confermo tutto. Purtroppo. L’unico momentop in cui mi sono emozionato un po’ è quando si sfidano Van Damme e Bernhardt (sento odor di Senza esclusione di colpi 🙂 )
    …e complimenti a Gracula 🙂

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...