Gazzetta Marziale 23. Heroes Two

Per tutto il 2010 ho presentato su ThrillerMagazine i 40 titoli della collana “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali” (targata Gazzetta dello Sport), ogni settimana corrispondente alla loro uscita in edicola: mi piace recuperare quei pezzi per ampliare la sezione “marziale” del blog.

23. Heroes Two

(sabato 21 agosto 2010)

Continua la presentazione di grandi classici del gongfupian (cinema che mostra combattimenti a mani nude) nella collana da edicola “Bruce Lee e il grande cinema delle arti marziali”, curata da Gazzetta dello Sport e Stefano Di Marino. Il film da ieri nelle edicole è forse fra i minori del prolifico regista Chang Cheh, ma rimane un valente esempio del gusto di un’epoca: stiamo parlando di Heroes Two. I due eroi (Fang Shiyu yu Hong Xiguan, 1974). Non di minore importanza è il fatto che il film rappresenta una delle prime pellicole a vantare come protagonista il men che ventenne Fu Sheng, stella nascente di Hong Kong e destinato a grande fama se un incidente automobilistico non lo avesse strappato alla vita appena trentenne.

Siamo nel XVII secolo e i Manciù hanno appena ridotto in cenere il Tempio di Shaolin. Dall’incendio si salva Hung (Chen Kuan-tai) che, combattendo strenuamente, si fa strada fra gli odiati Manciù cercando la libertà. Sulla sua strada incontra Fang Shih-yu (Fu Sheng), suo connazionale che però lo crede un malfattore: grazie al suo fenomenale kung fu vince Hung e questi viene arrestato.
Saputo di aver in pratica consegnato un proprio “fratello” agli odiati Manciù, Fang si dispera: dapprima cerca la morte, poi – insieme ad altri ribelli – si getterà a capofitto nell’impresa di salvare Hung dalla prigione. I due fenomenali lottatori combatteranno fianco fianco contro gli altrettanto formidabili lottatori che i Manciù presenteranno.

Chang Cheh, il grande regista “epico” di Hong Kong, ha le spalle abbastanza forti per poter subire una lieve critica: questo Heroes Two è decisamente un prodotto minore, sia dal punto di vista della trama (mai così esigua!) che della resa scenica (drasticamente ridotta all’osso). Tutto il film sembra in realtà una svogliata scusa per mostrare lunghe sequenze di combattimento che mettono a dura prova anche i più appassionati del genere.
Alle coreografie partecipa l’ottimo Liu Chia-liang – che in questa rubrica abbiamo abbiamo citato per la sua serie de La 36ª camera dello Shaolin – ma questi ha una particolarità: dà il meglio quando gli attori che eseguono le sue coreografie sono anche degli ottimi atleti, se non proprio artisti marziali completi. I due protagonisti, Chen Kuan-tai e Fu Sheng, non sono né l’uno né l’altro: sono due bravissimi attori che hanno reso celebri decine e decine di film di Cheh con un’interpretazione di molto superiore alla media dei gongfupian… ma le loro conoscenze marziali non sono all’altezza della bravura recitativa. Chia-liang non riesce a valorizzarli e il risultato è un insieme di estenuanti combattimenti assolutamente dimenticabili.

Chen Kuan-tai e Fu Sheng: due miti titanici… ma non in questo film

Pesa su tutto l’assenza dell’epos che ha reso celebre il regista-sceneggiatore: al di là di un contrito senso di colpa di Fang per aver fatto sì che Hung fosse finito in mano ai Manciù, non vi è traccia di altri sentimenti, neanche quelli patriottici propri di questo sottofilone del genere.
Heroes Two infatti appartiene (ed anzi è fra i primi esempi) al genere della “Caduta di Shaolin”, dove gli eventi storici si fondono con la leggenda e con la tradizione popolare. La distruzione dei templi Shaolin portata avanti dai Manciù, che li consideravano covi di ribelli, dà spunto a molti film che mostrano gli ultimi giorni prima della distruzione e la relativa strenua difesa degli allievi. Proprio il sapere che, malgrado tutti gli sforzi, non ci sarà speranza di salvezza, che alla fine quasi tutti gli allievi verranno massacrati, ammanta le azioni dei protagonisti di una valenza sia eroica che tragica. Niente di tutto questo si trova, purtroppo, nel film in questione.

Malgrado tutto, Cheh non rinuncia ad un tuffo nella storia del proprio paese. Il nome Fang Shih-yu del protagonista, che dà anche il titolo originale al film, è un altro modo di scrivere il più celebre nome Fong Sai-yuk. Questi è un eroe del folklore popolare cinese (probabilmente mai esistito nella realtà) che appare originariamente nei racconti fantastici della Dinastia Qing; nato nella provincia di Guangdong da un ricco mercante e da una maestra di arti marziali, è proprio da questa che viene duramente allenato sin da fanciullo.

Con la nascita del cinema, era naturale che Fang Shih-yu/Fong Sai-yuk divenisse protagonista di film e telefilm, interpretato anche da star di grande spessore come Jet Li che, nel 1993, ne rivestì i panni in un celebre dittico di film (Fong Sai Yuk 1 e 2, appunto) diretti da Corey Yuen. Lo stesso Fu Sheng, dopo questo Heroes Two, tornerà a vestire i panni dell’eroe popolare in altri tre film, tra cui Gli scatenati campioni del karatè (Fang Shih Yu yu Hu Hui Chien, 1976). Fra le ultime interpretazioni va segnalata quella di Willie Chi nell’ottimo Duello al tempio maledetto (Huo shao hong lian si, 1994) di Ringo Lam.

Chi segue le uscite di questa collana della Gazzetta dello Sport, ritroverà il personaggio fra tre settimane nel film I discepoli della 36ª camera (Pi li shi jie, 1985).

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Gazzetta Marziale 23. Heroes Two

  1. Cassidy ha detto:

    Niente questo mi manca completamente, probabilmente perché come scrivi è un film minore, grazie a queste tue rubriche del week end scopro un sacco di titoli a me ignoti. Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Ma questa collana è stata poi riproposta -integralmente o parzialmente- dopo il 2010? Lo chiedo perché la Gazzetta, in genere, difficilmente mancava l’occasione di piazzare in edicola gli stessi DVD almeno una seconda volta (con gli anime, ad esempio, era ed è ancora quasi una regola fissa)…

    Liked by 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Il cinema marziale credo faccia eccezione, perché in Italia davvero non lo vuole nessuno! Dubito fortemente che questa collana abbia venduto più di qualche titolo, ed ha fatto bene a non impegnarsi più di tanto: ha semplicemente preso DVD già usciti limitandosi ad avvolgerli di una sovracoperta a tema. Il lavoro di Di Marino coi libretti è ottimo, ma temo che siano davvero rari i veri appassionati che già non avessero comprato questi film alla loro uscita nelle videoteche. Così la collana non ha potuto contare né sugli appassionati (che già avevano tutto) né sui distratti, che non si interessano di certo al cinema marziale. Dubito fortemente che valesse la pena riproporre la collana…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...