Like Mike (2002) Il sogno di Calvin

Continua l’omaggio a Cassidy, noto grande fan della pallacanestro a cui dedico questo ciclo di post su film che trattino l’argomento.

La 20th Century Fox ha per le mani Shad Moss, piccolo divo che facendo il kid gangsta davanti al rapper Snoop Dogg s’è beccato da quest’ultimo il soprannome di Lil’ Bow Wow. Che fargli fare? Andiamo, è nero e Michael Elliot ha pronta una delle sue tante sceneggiature sul basket: cos’altro serve?
Like Mike esce in patria americana il 3 luglio 2002 ed arriva nelle sale italiane il 14 agosto 2003 con l’ambiguo titolo Il sogno di Calvin.
Rimane una sola settimana su grande schermo e il 27 giugno successivo la FOX Video lo presenta in VHS e DVD, ristampando quest’ultimo nel 2010: riappare il 4 ottobre 2004 sul canale a pagamento Sky Cinema 3: ultima tappa della sua vita italiana.

Non fissate troppo il titolo: ‘sto blu fa male agli occhi!

Calvin (Shad Moss) è il solito piccolo orfanello che piace tanto agli spettatori ma molto meno ai genitori, che infatti non lo adottano mai. Nel fatiscente orfanotrofio di Chesterfield non c’è molto da fare se non giocare a basket e vendere caramelle fuori dagli stadi di basket, sfruttati dal mellifluo direttore Stan (Crispin Glover).

Ma anche in Italia ci sono i mega-schermi fuori dagli stadi?

Ovviamente Calvin e il suo inseparabile amichetto Murph (Jonathan Lipnicki) sognano di emulare i loro eroi, finché un giorno all’orfanotrofio arrivano degli abiti vecchi. Fra cui campeggiano delle scarpe con la sigla M.J.
Scarpe appartenute a un giocatore molto famoso quand’era piccolo…

Di chi saranno mai quelle iniziali?

Cosa sareste disposti a fare per avere ai piedi le scarpe appartenute al piccolo Michael Jordan? Calvin tutto, e le va a raccogliere sotto la pioggia beccandosi pure la schicchera di un fulmine… Che sia l’inizio di una magia?

Cosa saresti disposto a fare per le scarpe di Michael Jordan?

D’un tratto Calvin diventa un drago a basket e batte sonoramente il campione Tracy Reynolds (Morris Chestnut) durante una manifestazione. Subito il proprietario dei Knights – interpretato dal sempre irresistibile caratterista Eugene Levy – si “compra” il giovane fenomeno.

Il campione Tracy Reynolds (Morris Chestnut) e l’impresario Frank Bernard (Eugene Levy)

Convinto il coach Wagner (Robert Forster) a giocare, Calvin stupisce tutti e diventa l’idolo dei media: un piccolo uomo che fa grandi salti e vince tutto.

Sempre più in alto!

Purtroppo a metà film finisce tutta la frizzantezza di una trama non certo imprevedibile ma comunque piacevole. Arriva poi la parte “moscia”, la menata sui genitori e tutto ciò che di più scontato possa esserci, affossando il divertimento.

Lui vuole giocare invece il film vuole parlare di sentimenti…

Malgrado questo Like Mike rimane una visione piacevole: non da fuochi artificiali ma credo piacerà molto agli appassionati di basket. Non ne conosco neanche uno ma credo che in video appaiano veri campioni in piccoli camei.

Semplici attori dell’immaginaria squadre dei Knights

David Robinson, leggendario centro della squadra texana, soprannominato l’Ammiraglio
perché ha fatto parte della marina americana, arruolato come sommergibilista!
Poi hanno capito che un tizio di 2.16 metri è più comodo su un campo da basket
che a dare zuccate dentro un piccolo sommergibile! (grazie a Cassidy)

I tre tizi in blu sono stati per anni i tre giocatori di riferimento dei Dallas Mavericks,
da sinistra Michael Finley, al centro Dirk Nowitzki, fenomeno tedesco,
giocatore davvero unico nel suo genere, titolare di un milione di storie da cinema,
ultimo sulla destra Steve Nash, altro fenomeno,
forse l’unico con una vita più pazzesca di quella di Nowitzki. (Grazie a Cassidy)

Non un film da ricordare, ma sicuramente da dargli un’occhiata.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM A € 2,99

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Cine-Basket e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Like Mike (2002) Il sogno di Calvin

  1. Vincenzo ha detto:

    Io ho riconosciuto un giovane Fargetta… 😁

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Allora David Robinson,Dirk Nowitzky,Steve Nash

    Piace a 1 persona

  3. Denis ha detto:

    Il primo il maglia Spurs,e i due bianchi nell’ultimo foto e in copertina mi sembra ci sia Allen Iverson
    con la maglia Sixers gli altri non li conosco ieri sera ho sofferto ho visto il remake di Robocop…

    Piace a 1 persona

  4. Conte Gracula ha detto:

    Credo di aver visto un film sul calcio con la stessa storia, più o meno 😛

    Piace a 1 persona

  5. Cassidy ha detto:

    “Like Mike” è un adorabile stupidata, che serve più che altro a lanciare il piccolo trecciolato al cinema, che infatti dopo questo film è passato al rap a tempo pieno 😉 Non era niente male la canzoncina firmata da Lil Bau Coso come colonna sonora al film, si chiamava “Basketball” pezzo capace di piazzarsi in testa per… Anni 😉

    La gag di vedere il piccoletto volare sulla testa di “Quei cristoni” (citando Kareem Abdul Jabbar ne “L’Aereo più pazzo del mondo”) è divertente due volte poi diventa subito stantia, dici bene si guarda per le facce note dei campioni NBA nella parte di loro stessi e poco altro.

    Quello che funziona è l’idea di sfruttare la “mistica” di Jordan, “Like Mike” era la canzoncina di una pubblicità della Gatorade che negli USA è diventata un tormentone (Like Mike if i could be like Mike).

    Per altro, qualche anno fa hanno rifatto questo identico film, senza le scarpe, ma solo con il ragazzino colpito dal fulmine e con Kevin Durant al posto di MJ, il film si intitola “Thunderstruck – Un talento fulminante” sfruttando il gioco di parole del fatto che allora (anno 2012) Durant giocava negli Oklahoma City Thunder, ora ha cambiato maglia, forse dopo aver visto “Thunderstruck” 😛

    Nelle tre foto invece abbiamo: La prima direi che sono tutti attori, anche perché la squadra dei Knights è immaginaria, inventata per questo film.
    In quella sotto, il numero 50 degli Spurs è David Robinson, leggendario centro della squadra texana, soprannominato l’ammiraglio perché ha fatto parte della marina americana, arruolato come sommergibilista. Poi hanno capito che un tizio di 2.16 è più comodo su un campo da basket che a dare zuccate dentro un piccolo sommergibile 😉

    I tre tizi in blu invece sono stati per anni i tre giocatori di riferimento dei Dallas Mavericks, da sinistra Michael Finley, al centro Dirk Nowitzki, fenomeno tedesco, giocatore davvero unico nel suo genere titolare di un milione di storie da cinema, ultimo sulla destra Steve Nash altro fenomeno, forse l’unico con una vita più pazzesca di quella di Nowitzki.

    Invece sulla locandina del film si vedono da sinistra Jason Kidd, Steve Nash, Allen Iverson e Chris Webber. Ora che ci penso, se avessero fatto un’ora e mezza di storie su tutti questi campioni, sarebbe stato un film più figo di quello finito 😉 Chiedo scusa per l’infinito papiro!! Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Uau ma sei davvero uno informato dei fatti!!! Grazie per i nomi, appena posso aggiorno le didascalie.
      A questo punto sì che è un peccato: invece del piccolo orfanello potevano mandarlo a parlare coi campioni così gli raccontavano le loro storie 😉
      Grazie della dritta su Thundercoso: magari lo tengo per ultimo 😛

      "Mi piace"

      • Cassidy ha detto:

        Figurati un piacere, non solo mi sto divertendo un mondo a seguire ogni settimana questa tua rubrica cestistica, ma mi dai anche l’occasione per questo tipo di disquisizioni, mille grazie! 😀
        Thundercoso fa sembrare “Like Mike” un film di Spielberg, te lo dico così parti preparato, mi sa che puoi davvero tenerlo per ultimo 😉 Cheers

        Piace a 1 persona

  6. Willy l'Orbo ha detto:

    Ti do piena fiducia e visto che hai detto che gli si può dare un’occhiata…è già in scarica! 🙂

    "Mi piace"

  7. Zio Portillo ha detto:

    Questo “Like Mike” l’ho solo sentito nominare ma non ho mai avuto il “piacere” di guardarlo. Sembra il classico film zuccheroso per famiglie della domenica pomeriggio. Passo pure la mano, grazie.
    Sottoscrivo quello che ha detto Cassidy qua sopra: la vita di alcuni di questi campioni (un nome a caso di quelli delle foto: Steve Nash) sia già un film. Basterebbe solo girarla.

    Ultimo: Lucius, non facciamo scherzi! L’ultimo film della rubrica, il vero “pezzo forte” eravamo d’accordo fosse “O come Otello”! Mi raccomando che qua nessuno l’ha visto e tutti bramano di conoscerne la storia e gli intrecci.

    Piace a 1 persona

  8. Giuseppe ha detto:

    Eh, io non avrei certo potuto aiutarti per i nomi, visto che con il basket sono come un pesce fuor d’acqua (o meglio come un cestista senza canestro) 😀
    Certo che il tipo lassù in effetti ci somigliava al Fargetta: sarebbe bastato questo per farmi odiare il film (è un dj che ho sempre sopportato a stento, per usare un eufemismo) 😛

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: Il sogno di Calvin (2002) | CitaScacchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.