Big Ass Spider! (2013) Capolavoro a 8 zampe

Il ciclo televisivo “Monster Night” di Cielo arriva al suo apice, presentando con malcelato orgoglio – testimoniato dalla scritta “Prima visione” – un nuovo  filmaccio che dovrebbe far piangere l’emittente televisiva, invece che inorgoglirla. Siamo negli anni Duemila, però, dove tutto è rovesciato, dove la realtà ha lasciato il posto al reality e dove la Z è la nuova A.

Sembra un ciclo di film da tenere d’occhio…

Una volta certi titoli si nascondevano sotto il tappeto, si mettevano in un angolo della videoteca: oggi invece la Minerva Pictures, la casa italiana che si fa un vanto di aver reso la diarrea cioccolata calda, mostra con spavalderia il suo marchio “Bizzarro Movies“, ridicolo titoletto che contraddistingue il peggio del peggio.

Un modo fighetto di indicare la spazzatura

Insomma, in prima serata, in pompa magna, preceduto da trailer – servizio spesso negato a film di serie A – con mille squilli di tromba mercoledì 27 settembre 2017 (compleanno di Tex Willer!) Cielo sbatte su schermo il suo nuovo titolo Z: Big Ass Spider! di Mike Mendez.
Dopo aver girato nel 2013 i festival di diversi Paesi, pare arrivi all’italiano Trieste Science Fiction Festival il 31 ottobre 2013 (fonte: IMDb). Di sicuro la Dynit Minerva lo porta in DVD dal 30 novembre 2016.

Non è che ci si sforzi tanto, con la grafica dei titoli

Tutta questa presentazione non vi porti sulla cattiva strada. La prima decade del Duemila ci ha trascinati tutti nel letame, ma nella seconda metà ci ha spiegato che il letame è bello, che il letame è buono e che a forza di mangiarlo alla fine ci piacerà. E alla fine ci piace.
Big Ass Spider! ha l’incipit migliore di un filmaccio da vent’anni a questa parte!

Ok, ci sono modi peggiori di iniziare un film!

Musica perfetta, fotografia eccellente, idea geniale… Ohè, ragazzi, le cose sono due: o la qualità dei filmacci sta terribilmente aumentando… o a forza di mangiare letale comincia davvero ad avere il sapore della cioccolata!

Pure la serie Z può vantare una fotografia!

Alex Mathis (il noto e prolifico caratterista Greg Grunberg) è un disinfestatore che si ritrova a lavorare nel suo giorno di riposo per correre in aiuto di una cliente affezionata: mal gliene incoglie, perché si ritrova punto da un ragno velenoso e finisce al pronto soccorso.
Qui è testimone di una situazione gravosa che però cade a fagiuolo: c’è un grosso ragno da sistemare, in ospedale, ed Alex si offre volontario… così da non pagare la propria parcella. Peccato che il ragno sarà più impegnativo del previsto.

Uh, che bel ragnetto…

Arriva il maggiore Braxton C. Tanner (il mitico ed ubiquo Ray Wise) a spiegare che quello non è un semplice ragno: è un esperimento sfuggito dal laboratorio, è un ragno creato partendo da un DNA trovato su Marte. Insomma, è un ragno che gli fumano!
Partono le sparatorie guidate dalla grintosissima tenente Karly Brant (Clare Kramer), che prima spara e poi saluta.

Quando vedi Ray Wise, sai già che la Z è potente!

Il ragnone fugge e cresce a vista d’occhio, cominciando a mangiare la gente a caso, e quando c’è un mostro che gira libero… cos’è che succede nel grande genere horror classico? Esatto: donnine svestite in vista!

Finalmente tornano le chiappe in TV!

Erano fin troppi anni che il morigerato horror di serie Z ambiva a conquistare le famiglie e quindi aveva completamente tolto l’unico motivo che reggeva in vita il genere – cioè le tette – ma qualcosa sembra star cambiando, se per due fotogrammi scorgiamo delle chiappe in piena vista.
Che finalmente il genere horror stia lentamente tornando alle gloriose origini, con mostri e tette?

La realtà non esiste, se non passa attraverso un monitor…

«La donna dei miei sogni e un ragno enorme vogliono uccidermi nel mio giorno libero!»

Torna anche un altro grande elemento che sembrava estinto: la voglia di divertire con frasi paradossali. Il cinema Z ha fatto della piattezza la propria bandiera, eppure qui troviamo una sceneggiatura molto più frizzante della media.

Un disinfestatore e una guardia giurata: gli eroi della storia!

– Qual è il piano, Alex?
– Il piano è: fermare il ragno, salvare la città e baciare Karly.
– Ah, bello. Hai idea di come fare?
– No.

Andiamo, un dialogo così pulito è estremamente raro nel cinema Z, dove abbondano frasi buttate a caso senza alcuno sforzo di intrattenimento.

Nessun ragno è troppo grande per questi due!

– Alex, che ne dici se andiamo via?
– Mi spiace, amico: io vivo per uccidere.

E c’è pure la “frase maschia”: ma volete proprio farmi commuovere?

Andiamo a kingkongare!

Quando il ragnone gigante prende la kingkonghiana decisione di salire su un grattacielo e colpire gli elicotteri, è ormai chiaro che ci troviamo davanti alla pura voglia di intrattenimento cazzone: anche questa sembrava scomparsa dal cinema Z.

Questa è per i ragazzi di Girls With Guns!

Il disinfestatore Alex e José la guardia giurata (Lombardo Boyar) sono l’irresistibile duo d’azione che ha dichiarato guerra alla serietà e la cui unica missione è farci ridere in modo grasso e volgare.

Mi sa che qui parte una maratona di Mentana!

Non avrei mai pensato di scrivere queste parole, ma… Big Ass Spider! è un capolavoro divertentissimo che vi consiglio caldamente!
Andiamo, un eroe che deve sparare con un bazooka nella filiera di un ragno gigante… Sapete dov’è la filiera? «Fra le chiappe»: che volete di più da un film?

Se avete un grosso ragno in casa… sapete chi chiamare

C’è pure la scena dopo i titoli di coda, con Alex che deve tornare in azione per risolvere il problema di un’enorme blatta sulla Statua della Libertà… e parte la canzone La cucaracha (“la blatta”): come si fa a non applaudire a spelladita?

Insomma, un capolavoro inaspettato che vuole divertire e sa divertire, senza rinunciare ad una qualità davvero elevata visto che parliamo pur sempre di una roba di serie Z.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM A € 9,99

Pubblicità

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Bestiacce e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

41 risposte a Big Ass Spider! (2013) Capolavoro a 8 zampe

  1. Zio Portillo ha detto:

    Perfetta sintesi della situazione sul cinema dove la merd@ diventa cioccolata e tutti ne vanno ghiotti!
    Comunque posso dire che mi hai incuriosito. Io che non sopporto questi Z Movie catastrofici (o mostrofili), con le battute sceme del film che non si prende troppo sul serio e il tuo divertente post ecco che la voglia di vederlo mi è venuta. Aiuto!

    Piace a 2 people

  2. nik96 ha detto:

    bravo complimenti per averlo registrato e poi la Minerva Pictures col suo marchio Bizzarro Movies ha distribuito in DVD anche MEGA SHARK VS CROCOSAURUS e ora aspetto che esca in DVD anche 2-HEADED SHARK ATTACK visto che la minerva è un po in ritardo.

    Piace a 1 persona

  3. Conte Gracula ha detto:

    Aspetto la diretta di Mentana, allora XD

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Visto e…concordo, film davvero divertente! Come hai detto, un giusto equilibrio…
    Critico invece la parentesi “chiappe”, lodevoli per carità ma a quel punto ti aspetteresti una minima deriva zinnefila…e invece resti a bocca asciutta :.-)

    Piace a 1 persona

  5. Pietro Sabatelli ha detto:

    In effetti il divertimento non manca 😉
    Qui http://pietrosabaworld.blogspot.it/2016/08/monster-movie-weekend.html la mia piccola recensione 🙂

    Piace a 1 persona

  6. Denis ha detto:

    Visto mi ha fatto morire dal ridere e pensavo ma il nuovo Ghostbusters non potevano farlo cosi,bella anche la scena del ragno che scoglie la faccia a uno nelle fogne

    Piace a 1 persona

  7. Cassidy ha detto:

    Visto qualche tempo fa me lo ricordo per due cose oltre che la divertente caciara generale, un piccolo cameo del grande Lloyd Kaufam e la scena dell pallavolo, anzi più che altro per le pallavoliste 😛 Bisogna saper distinguere ormai siamo dei sommelier della merda visto tutta quella che ci propinano, poi arriva questo ragno culone che regala un divertimento scemo e comunque risulta più piacevole di tanta altra roba più blasonata, le chiappe (non del ragno) fanno il resto. Cheers!

    Piace a 1 persona

  8. gioacchino di maio ha detto:

    In genere non mi attraggono i film zoologici monster di Cielo, ma gli insetti giganti hanno una particolare attrazione fin da Tarantola (1955) per arrivare alle vespe di Stung (2015) quindi con buona pace mi sono messo a vedere questo Big Ass, film carino con buoni effetti e con molta autoironia. Mi è oscuro capire perché un ragno invece di stare sottoterra si arrampica sul grattacielo come King Kong, ma sono bazzecole a cui non merita scervellarsi.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      ahahah credo nessuno sceneggiatore si faccia queste domande! 😀
      Comunque colpisci dritto al cuore, “Tarantola” è un grande film a cui sono fortemente legato. Avevo forse 16 o 17 anni e avevo scoperto il cinema horror, cercando di recuperare il tempo perduto mettendo gli occhi su qualsiasi cosa assomigliasse a questo genere. E per fortuna all’epoca i canali TV, piccoli o grandi, replicavano spesso i classici. Tarantola l’ho adorato sin da subito e quel bianco e nero mi è rimasto nel cuore ^_^
      E che non siamo soli ad adorare quel film ce lo racconta Rocky Horror: «I knew Leo G. Carroll, was over a barrel when Tarantula took to the hills…»

      "Mi piace"

  9. Giuseppe ha detto:

    Che dire… Big Ass Spider è di una Z di livello così buono da darti la continua sensazione di vedere una divertita e molto ben calibrata presa per il culo della serie Z stessa 😉

    Piace a 1 persona

  10. benez256 ha detto:

    Cazzarubola cosa mi sono perso! E’ questo che succede quando al lavoro ho il turno di sera? Filmacci con (finalmente) culi gratis? Devo farmi ricambiare i turni allora. Ma poi, siamo sicuri che il big ass del titolo non sia quello della signorina che gioca (male) a schiacciasette?

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      ahahah domanda interessante 😀
      Comunque anch’io avevo il turno serale: ormai vivo esclusivamente in simbiosi con la mia pen-drive attaccata al decoder, che registra col timer. In pratica sono tornato agli anni Ottanta, quando avevo il videoregistratore perennemente programmato col timer 😉

      "Mi piace"

      • benez256 ha detto:

        Eh dovrei comprarmene una anch’io visto che molto spesso non sono a casa per vedere quello che voglio. Ma dovrei comprarmi anche un minidecoder nuovo…

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Premettendo che su Netflix mi sembra non manchino le bojate succulente, con una ventina d’euro prendi un piccolo decoder che registra su pen-drive e il gioco è fatto: lasci impostato Cielo e le ti riempirai di Z 😀

        Piace a 1 persona

      • benez256 ha detto:

        Vada per le Zozzerie. Il problema è che su Netflix ci sono film proprio brutti, non brutti da essere belli. E’ sconfortante…

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Non esistono abbastanza film decenti per riempire un palinsesto: ogni canale ha un 70% di robaccia vergognosa, perché di altro tipo non ne esiste. La soluzione sarebbe trasmettere i film normali precedenti il Duemila, quando esisteva la serie B, invece di averli cancellati per sempre da ogni palinsesto in favore della Z peggiore…

        Piace a 1 persona

  11. Fausto Vernazzani ha detto:

    Altro film di serie Z che in realtà appartiene a un’altra lega! Piaciuto molto anche a me, sperai che davvero poi uscisse un Big Ass Cockroach come sequel 😀 C’è stato un momento in cui i ragnoni hanno risollevato la Z dal fondo del barile in cui sguazza tutto il franchise di Sharknado, ricordo con mooolto piacere, infatti, anche un’altra produzione SyFy che andò in tutt’altra direzione: Lavalantula. CGI terribile come di norma, però con una storia vera con cui relazionarsi, anche se scema, so’ sempre ragni che sputano lava. Big Ass Spider invece mi fece anche guardare sotto una nuova luce Greg Grunberg, fino a quel momento per me era solo uno dei tanti attoruncoli di Heroes e amichetto di J.J. Abrams senza valore.

    Piace a 1 persona

  12. Pingback: Big Ass Spider! (2013) | CitaScacchi

  13. Cumbrugliume ha detto:

    Sono un po’ deluso, speravo che in Italia l’avessero chiamato RAGNONE CULONE!

    Piace a 1 persona

  14. Kukuviza ha detto:

    E comunque non è da tutti i zilmacci far vedere nel film quello che c’è nella locandina!

    Piace a 1 persona

  15. Pingback: Star Wars. Il risveglio della Forza (perché dormiva) (guest post) | Il Zinefilo

  16. Pingback: End of the World (2013) Atto finale | Il Zinefilo

  17. The Butcher ha detto:

    Solo dal titolo vale la visione. Quasi quasi me lo vedo.

    Piace a 1 persona

  18. Pingback: Lavalantula (2015) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.