Cinema d’assedio 9. Rio Bravo

Compie cento anni il cinema d’assedio, e per l’occasione ripresento – arricchendo l’apparato fotografico – lo speciale a puntate che ho curato su ThrillerMagazine nel 2013: speciale che poi ho raccolto nell’eBook gratuito Dieci contro mille. Il grande cinema d’assedio.
Scegliete voi se seguirlo a puntate qui, ogni mercoledì, o “bruciare le tappe” con l’eBook.


9. Rio Bravo

(da ThrillerMagazine, 7 giugno 2013)

Nell’aprile del 1959 Howard Hawks scrive la più celebre pagina del cinema western d’assedio: Rio Bravo. A settembre dello stesso anno il film arriva in Italia e i distributori si rendono conto di un pasticcio: qualche anno prima il Rio Grande di John Ford era stato ribattezzato nel nostro Paese Rio Bravo… e ora come intitolare questo di Hawks, che è davvero Rio Bravo? Esce fuori il curioso Un dollaro d’onore: «Lungo e convenzionale, ma ben fatto e divertente», secondo “La Stampa” dell’11 settembre 1959.

Pare che il soggetto del film l’abbia ideato Barbara Hawks, la figlia del regista che, per evitare accuse di nepotismo, scelse di firmarsi B.H. ed utilizzare il cognome del marito. Inoltre finse di aver scritto un racconto, così il film risulta ispirato ad una short story di B.H. McCampbell. Di sicuro Hawks prese il soggetto della figlia e lo affidò alla sua fida collaboratrice Leigh Brackett, più celebre per i suoi romanzi di fantascienza che per le sue sceneggiature cinematografiche. Insieme i due crearono un cult movie.

Lo sceriffo Chance (John Wayne), rude ma con il cuore d’oro, arresta per omicidio Joe Burdette (Claude Akins), lo sbandato fratello di Nathan Burdett (John Russell), il ricco possidente che spadroneggia nella zona. È scontato che gli uomini al soldo del proprietario terriero faranno di tutto per liberare il fratello del padrone, e Chance non potrà contare certo su un valido aiuto: al suo fianco c’è solo il vecchio e sciancato Stumpy (Walter Brennan) e l’ubriacone Dude (Dean Martin). L’aiuto saltuario del giovane Colorado Ryan (Ricky Nelson) non sembra cambiare di molto la situazione. Ci vorranno sei giorni perché arrivi la polizia federale: riuscirà il gruppo malmesso a resistere così tanto agli attacchi degli sgherri di Burdett?

Ad un certo punto, per far capire le proprie intenzioni Burdett fa suonare a dei mariachi una canzone messicana: la stessa che veniva suonata ad Alamo. Il messaggio è chiaro: se Chance non molla, sarà l’assedio fino alla morte!

John Wayne, Dean Martin, Ricky Nelson e Howard Hawks

La nascita di Rio Bravo la racconta Hawks stesso al giovane Peter Bogdanovich nel 1962, in un’intervista raccolta poi in Howard Hawks: Interviews (2006).

«È iniziato tutto con alcune sequenze viste in un film chiamato Mezzogiorno di fuoco, nelle quali Gary Cooper corre in giro cercando aiuto e nessuno vuole dargliene: era una cosa stupida da fare, visto che poi alla fine riesce nell’impresa tutto da solo. Così mi dissi che potevo fare esattamente l’opposto e adottare un punto di vista professionale: come dice Wayne quando gli propongono aiuto, “Se sono bravi li prendo, altrimenti dovrei prendermi cura anche di loro”.»

Con l’intento dichiarato di girare un film che fosse l’esatto contrario di Mezzogiorno di fuoco Hawks dà vita ad un caposaldo del genere.

Leigh Bracket, John Wayne
e Howard Hawks sul set di El Dorado

L’uscita nell’ottobre del 1960 de La battaglia di Alamo (The Alamo), teoricamente la ricostruzione di una vera e drammatica storia d’assedio, non fa che rinforzare il Rio Bravo di Hawks. Il film di John Wayne, su sceneggiatura di James Edward Grant, racconta di cento eroi che si pongono volontariamente in una situazione senza speranza, che si mettono in assedio pervasi da amor patrio per regalare tempo prezioso al generale Sam Houston – che leggenda vuole lancerà i suoi uomini nella successiva battaglia di San Jacinto al grido di «Ricordatevi di Alamo!»

Alamo è il simbolo di un certo modo di fare film: 160 minuti di cui soli 10 di azione effettiva. Canzoni, balletti, sbornie, scazzottate, marachelle, storielle d’amore, amicizia maschile, onore spiccio e moralismo a chili: questo è lo stile americano e questo è Alamo. Dov’è la fame e la sete, la rabbia e la frustrazione, l’integralismo religioso e la mania di persecuzione, dove sono cioè quegli elementi che hanno da sempre contraddistinto le storie d’assedio? Rio Bravo ha gli stessi identici elementi di Alamo, ma è una vera corposa storia d’assedio e mostra la sofferenza psicologica degli assediati: paradossalmente il lieto fine rende la pellicola molto più epica del film successivo, che in fondo sembra più la classica opera di propaganda bellica.

Il recente remake – Alamo. Gli ultimi eroi (2004) – non toglie né aggiunge nulla: è una storia d’assedio che fa di tutto per evitare di essere una storia d’assedio.

Storia che piace non si cambia: Howard Hawks ha fatto suo questo motto e nel 1966 propone una curiosa variante del suo film: El Dorado, tratto (stando ai titoli di testa) dal romanzo The Stars in Their Courses di Harry Brown.

«Comprai una storia che era praticamente una tragedia greca, dove tutti finivano uccisi» racconta Howard Hawks a Joseph McBride per il suo Hawks on Hawks (1982). «Insieme a Leigh Brackett scrivemmo la prima stesura, la rilessi ed esclamai: “Ehi, questo sarà uno dei peggiori film che ho mai diretto: non sono proprio capace di fare questa roba!” Leigh mi chiese “Che facciamo allora?” ed io risposi “Be’, scriviamo un’altra cosa”». Del romanzo originario di Harry Brown in pratica rimane solo una scena: quando John Wayne spara al ragazzo di vedetta, il figlio dei MacDonald. «Una delle ragioni per cui lo facemmo – continua Hawks – fu perché volevamo che il film iniziasse come una tragedia per poi trasformarsi in qualcosa di più divertente. Ci lavorammo molto, e soprattutto lavorammo più sui personaggi che sulla storia.» Il romanziere Harry Brown si infuriò per tutta l’operazione, considerando il risultato finale come un «mucchio di rifiuti» (stando a quanto racconta Hawks). Tentò di far togliere il proprio nome dai titoli di testa, senza però riuscirci.

Howard Hawks, John Wayne e Johnny Crawford sul set di El Dorado
(© 1966 Paramount Pictures)

Aprendosi con la canzone “El Dorado” – che mette in musica la celebre omonima poesia del 1849 di Edgar Allan Poe – il film prende gli stessi personaggi di Rio Bravo e li mischia. Stavolta ad essere un ubriacone per amore è lo sceriffo Harrah (Robert Mitchum) e l’unico che crede in lui è il pistolero Cole Thornton (John Wayne), che arriva in paese per dargli una mano: sta arrivando infatti un bel mucchio di gente pronta a sparare. Chiude il cerchio il giovane Mississippi (James Caan) che sostituisce Colorado (Ricky Nelson) del film precedente. Fra scazzottate, battutine e battutacce, camminate strane alla Wayne, il film prende molto meno del precedente e si lascia apprezzare giusto nei punti che lo ricalcano.

La reazione della critica all’uscita della pellicola è spiegata in modo chiaro dal celebre saggista britannico Robin Wood nel suo Howard Hawks (1968):

«I critici che non amano particolarmente Hawks ma a cui piace Rio Bravo trovano delle similitudini e decidono che El Dorado è più o meno della stessa qualità; i critici che invece ammirano Hawks e ovviamente adorano Rio Bravo trovano delle similitudini e considerano El Dorado un disastro artistico».

Non pago, Hawks continua imperterrito e nel 1970 presenta Rio Lobo, sempre con Leigh Brackett al suo fianco e addirittura con il figlio di Robert Mitchum nel cast. Cambiano i personaggi e la storia è disperatamente più lunga, ma il centro resta identico: Wayne va in un paesino ad aiutare lo sceriffo da una situazione di assedio imminente, con l’aiuto di un giovanotto.Quando gli viene fatto notare che tanto El Dorado quanto Rio Lobo sembrano remake di Rio Bravo, Hawks ribadisce:

«Non erano affatto remake. Hai mai letto Hemingway? Hai notato delle somiglianze fra le sue storie? Hemingway rubava sempre a se stesso. […] Se si fa un film che è un successo al botteghino è naturale che venga la voglia di fare una versione differente dello stesso film. Se poi un regista ha una storia che ama e vuole raccontarla, spesso guarda il film e dice “potrei farlo meglio se lo rifacessi”. E così io l’ho rifatto.» (Da Hawks on Hawks.)

I film di Hawks sono sicuramente la punta più alta del cinema western d’assedio, e saranno di ispirazione per molte pellicole a venire. È però ora di fare una pausa e tornare in Africa… come vedremo la settimana prossima.

Per ora chiudiamo con Dean Martin che canta My rifle, pony and me: la “canzone d’assedio” per eccellenza!

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller, Western e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Cinema d’assedio 9. Rio Bravo

  1. Cassidy ha detto:

    Non solo la canzone d’assedio definitiva, ma anche il film d’assedio definitivo, facevo bene ad aspettare questo pezzo, ne è decisamente valsa la pena 😉 Interessante l’analisi sui critici che amano ed odiano El Dorado, per me non è mai stato un gran problema, mi piace proprio il modo di Hawks di costruire i suoi film, quindi mi sta bene che si somigliano, è quello che fanno gli autori.

    “Alamo. Gli ultimi eroi” era davvero un film d’assedio senza l’assedio, mi piaceva giusto la tamarra scena di Davy Crockett che legato dai nemici li minaccio con una frase spavalda del titolo, fate attenzione che sono una furia. Anche questo sono gli americani 😉 Cheers!

    Liked by 1 persona

  2. Conte Gracula ha detto:

    Mezzogiorno di fuoco… ora che ci penso, in Mezzogiorno e mezzo di fuoco ci sono un paio di minuti d’assedio: Alamo non l’ho visto, ne ha di più o di meno? 😛

    Liked by 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      L’assedio è un elemento importante del genere western, quindi saranno tantissimi i titoli che lo prendono in considerazione, anche solo in parte. Ovviamente ho scelto alcuni più rappresentativi o comunque utili per seguire un certo filo 😉

      Mi piace

  3. Cristian Maritano ha detto:

    Un gran film…poi erano presenti le gambe più belle di Hollywood ovvero quelle della bella Dickinson!

    Carpenter poi ebbe modo di riproporre il suo assedio originale e in tributo ad Hawks con District 13, ma questa è storia!

    Liked by 1 persona

  4. Cumbrugliume ha detto:

    Grandissimo film! Lo ricorderò sempre, anche solo per la storia del titolo italiano che conoscevo e che è divertentissima 😀

    Liked by 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Un mito da vedere e rivedere 😉

      Mi piace

      • Giuseppe ha detto:

        Con un post che è degno del mito 😉 E, trattandosi di Hawks, era giusto ricordare anche il più “debole” -relativamente parlando- El Dorado… quanto alla Brackett, può capitare in effetti che chi la conosce come scrittrice di fantascienza sappia poi poco o nulla del suo lavoro di sceneggiatrice per Hawks o Altman (per George Lucas, rimanendo comunque in ambito fantastico, è un discorso a parte) e viceversa.

        Liked by 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Eppure le paladine del femminismo (di facciata) sono sempre in cerca di modelli da sbandierare in giro: com’è che non parla mai nessuno delle sceneggiatrici di Hollywood? Prima c’era solo la Montalcini a simboleggiare ciò che può fare una donna, ora non so chi sia rimasta 😛
        Scherzi a parte, curiosamente non si pensa mai alle grandi donne del cinema, come se non fosse un ambiente serio: credo sia molto più difficile arrivare a filmare una propria sceneggiatura che vincere il Nobel 😀

        Mi piace

  5. Pingback: Cinema d’assedio 11. Distretto 13 | Il Zinefilo

  6. Pingback: Il re dell’Africa (1949) Vi presento Joe Young | Il Zinefilo

  7. Pingback: [Italian credits] Il grande cielo (1952) | Doppiaggi italioti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...