Scandali a Hollywood: zitti, zitti, zitti! (guest post)

Il mio attento lettore Denis, che cura la rubrica dei videogiochi, regala questo guest post ad un mondo dell’intrattenimento che si fonde spesso con il cinema.
L.

1. Clark Gable nel 1934 mentre era sposato con Maria Langham ebbe una relazione con Loretta Young, 22enne: da questa nacque una bambina ma per non incorrere in scandali la Young disse di averla adottata. Tenete conto che all’epoca le case di produzione mettevano clausole morali nel contratto.

2. Howard Strickling, il capo ufficio stampa della MGM noto come Fixer (penso che si traduca come “aggiusta problemi” o qualcosa del genere) in pratica doveva arginare i problemi di attori e attrici alle prese con vari problemi come gravidanze indesiderate, alcolismo, litigi sul set e altro, facendo abortire le attrici o facendole sposare. Avete visto una figura del genere nel film dei fratelli Coen, Ave Cesare, interpretato da George Clooney.

3. Thomas Harper Ince sarebbe noto come il padre del western. Era un produttore, regista, sceneggiatore e anche uno dei padri fondatori della MGM. Era sullo yacht di William Randolph Hearst, magnate dell’editoreria americana e figura ispiratrice di Quarto Potere di Orson Welles, per festeggiare il suo 42° compleanno e si disse che morì di attacco di cuore. Secondo molti invece si prese una pallottola dallo stesso Hearst, convinto di trovare Charlie Chaplin insieme alla sua amante Marion Davies.

4. Ingrid Bergman e la sua relazione adultera con il noto regista Roberto Rossellini, entrambi sposati con altre persone. All’epoca nasce un putiferio nell’America perbenista della fine degli anni ’40, in realtà  arrabiati perché se lo volevano “ciulare” loro.

5. Nel settembre del 1921, Roscoe “Fatty” Arbuckle, un attore obeso di 130 chili celebre nel muto, mentre in un’albergo festeggiava il rinnovo contrattuale con la Paramount conosce l’attrice Virginia Rappè, che muore per lacerazione della vescica, che porta alla peritonite. Si sospetta un tentato stupro da parte di Arbunkle, qualunque sia la verità  carriera conclusa per sempre e morte a 46 anni per attacco di cuore.

6. Errol Flynn, ormai a fine carriera cinematografica, amava le relazioni con ragazze minorenni, perennemente ubriaco morì di attacco cardiaco a 50 anni.

7. Natalie Wood avrebbe subìto da bambina abusi dalla madre e purtroppo ci lascia con una morte misteriosa. Da Wikipedia: L’attrice, all’epoca quarantatreenne, scomparve in circostanze misteriose il 29 novembre 1981, annegando al largo dell’isola di Santa Catalina mentre si trovava sul suo panfilo insieme al marito Wagner e all’attore Christopher Walken.

8. Judy Garland per interpretare la protagonista del musical Il mago di Oz (1939), diretto da Victor Fleming, per sopportare i ritmi di lavorazione e per evitare di aumentare di peso si dice che sia stata spinta dal boss della MGM, Louis B. Mayer, ad assumere consistenti dosi di farmaci, dai quali rimarrà  dipendente per tutta la vita. La dieta proposta dello studio fu brodo di pollo, caffè nero e 80 sigarette al giorno. Morì a 47 anni per via dell’alcolismo e abuso di pillole, ma era già  semi invalida a 37 anni.

9. 5 settembre 1932, si trova il corpo del produttore Paul Bern con un foro di proiettile in mezzo alla fronte. In un foglietto si legge che aveva grande imbarazzo per via dell’impotenza, e la moglie era Jean Harlow che morirà di nefrite a soli 26 anni: il prototipo di bionda platinata che sarà portato in seguito anche da Marilyn Monroe.

10. Frances Farmer, essendo un’attrice irrequieta, creava problemi sui set: la Paramount la punì con ruoli mediocri. Subì un’arresto per guida in stato d’ebbrezza, cominciò a perdere il controllo sulla sua vita, finì pure in ospedale psichiatrico più volte e lì le venne praticata pure una lobotomia! Morì a soli 57 anni per cancro.

Qui finiscono i broken dreams di Hollywood

Denis

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Scandali a Hollywood: zitti, zitti, zitti! (guest post)

  1. Conte Gracula ha detto:

    Che storie agghiaccianti! Una peggio dell’altra, ad andare in guerra si sarebbe rischiato di meno…

    "Mi piace"

  2. Cristian Maritano ha detto:

    Hollywood non è mai cambiata

    Piace a 1 persona

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Molto interessante! E, oh, io di queste storie non ne conoscevo praticamente nessuna!!!

    Piace a 1 persona

  4. Cassidy ha detto:

    Hollywood babilonia, veramente terribile e non credo che siano migliorati molto nel frattempo. Cheers

    Piace a 1 persona

    • Denis ha detto:

      Tenendo conto degli scandali usciti adesso tra Weinstein,Spacey e Brizzi diciamo che la storia si ripete sempre come quando mettarai il prossimo film di Verohen,Show Girls li lo spiegano meglio del mio post.

      Piace a 1 persona

  5. Giuseppe ha detto:

    Il lato oscuro di Hollywood (ammesso che ce ne sia mai stato uno davvero luminoso)… conoscevo questi tragici “retroscena”. E doveva certo conoscerli bene Kenneth Anger, tanto da non aver bisogno di “arricchire” qua e la il suo Hollywood Babilonia come invece poi ha fatto…

    Piace a 1 persona

    • Denis ha detto:

      Infatti Zitti! Zitti!Zitti li nel titolo e una citazione del film L.A Confidential era la rivista dell’untuoso Danny De Vito,poi a Hollywood vogliono i film edulcarati quando sotto al tappetto hanno di peggio…

      Piace a 1 persona

  6. Pingback: Hollywood: scandali bis (guest post) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.