Zio Portillo contro Friends (guest post)

Torna Zio Portillo a raccontarci la serie-evento del mondo televisivo.
L.

Faccio una premessa d’obbligo. Ho un’insana passione per Friends. Da anni. L’ho conosciuto nel lontano 1997 quando appena 18enne e di ritorno da un viaggio a Londra, misi casualmente su Rai Tre all’ora di cena. La sit-com mi folgorò. Storie brillanti e di quotidianità, comicità semplice ma raffinata, mai volgare. Personaggi nei quali, pur appena maggiorenne, era facile identificare me i miei amici. Anche se i protagonisti avevano nella serie qualche anno più di me (18 io, 27 circa loro), le storie erano come quelle che io e miei amici vivevamo quotidianamente. Sopratutto appena terminata la scuola nel 1998. I primi amori seri, coppie che scoppiano o che si sposano (o figliano) troppo presto, lavoro, convivenze, il bar dove ci si ritrovava sempre, le compagnie di amici più stretti, le vacanze,… Tutta la mia vita era una puntata live di Friends. E ammetto che ci sono cascato dentro con tutte le scarpe per dieci lunghissime stagioni.

Ma anche una serie TV come Friends, dove i protagonisti sono stati da sempre affiatati e uniti, ha i suoi lati oscuri? Ehm… No… Mi duole informarvi che i ragazzi protagonisti del telefilm non hanno mai avuto scazzi pesanti tranne tre casi che vedremo assieme. Ma tolte queste piccolezze, la serie anni ’90 fu famosa per la coesione e la compattezza mostrata sempre dai sei protagonisti.

Photo by NBC – © 2012 NBCUniversal, Inc. – Image courtesy gettyimages.com

Friends fu una serie TV americana durata dieci stagioni (1994-2004) per ben 236 episodi complessivi. Ha macinato record su record, lanciato tormentoni, personaggi e fatto ritrovare il gusto per le sit-com alle guest star (che dopo anni di menefreghismo verso il piccolo schermo facevano a gara per partecipare!). Le star hollywoodiane, come me, furono comprate da una trama semplice, quasi banale, ma riportate alla quotidianità della vita degli anni Novanta dove tutti si potevano facilmente ritrovare. Sei giovani amici newyorkesi attorno alla trentina vivono, lavorano e si innamorano confrontandosi su temi di tutti i giorni portando avanti le loro vite. Ross Geller (David Schwimmer) e sua sorella Monica (Courtney Cox), Phoebe Buffay (Lisa Kudrow), Rachel Green (Jennifer Aniston), Chandler Bing (Matthew Perry) e Joey Tribbiani (Matt LeBlanc) danno vita a dieci anni di gag che li hanno fatti crescere da attori squattrinati (Matt LeBlanc si presentò ai provini completamente al verde e con solo 11 dollari in tasca) da 11.000 dollari ad episodio, fino a star milionarie che hanno chiuso la serie con il compenso (record assoluto per l’epoca) di un milione di dollari a episodio girato.

Photo by NBC – © 2012 NBCUniversal, Inc. – Image courtesy gettyimages.com

Partiamo dalla sigla. La celebre I’ll be Theere for You dei The Rembrandts intanto non doveva essere la sigla del telefilm. Eh no! La produzione puntava in alto e al pilot misero come sigla Shiny Happy People dei R.E.M.! Poi proprio i produttori di Friends (Marta Kauffman e David Crane) scrissero la celebre hit e la proposero un po’ a tutti (tra cui proprio i R.E.M.). Alla fine arrivò ai Rembrandts che la inserirono nel loro terzo LP e piazzarono la canzone al 17° posto di Billbord. Un discreto successo per un brano del genere. Curioso anche il fatto che i produttori vollero inserire per forza una sigla alla sit-com quando, per risparmiare tempo e inserire una pubblicità in più nello spazio televisivo, le sigle venivano man mano tagliate per far spazio ad una semplice clip con il titolo della serie (alla Lost per intenderci). Scelta vincente quella di Friends visto che anche la sigla fece da trampolino per il telefilm.

I sei ragazzi protagonisti erano e sono veramente amici. Al di là di qualche scazzo o di qualche incomprensione più che naturale lavorando dieci anni gomito a gomito, i rapporti erano di coesione pura. Della serie: tutti per uno e uno per tutti. Hanno dato vita a trattative unite e serrate per i rinnovi di contratto stabilendo a priori che nessuno “sarebbe stato lasciato indietro” e che i compensi sarebbero stati uguali per tutti. La cifra è lievitata man mano che passavano gli anni fino a raggiungere, come già detto, la cifra monstre per l’epoca di un milione di dollari a episodio a testa. Cifra che però i produttori recuperavano facile facile visto che la cifra di ogni spot pubblicitario presente nell’episodio veniva venduto a 1,8 milioni di dollari a reclame. Altro record assoluto per l’epoca. Solo il Superbowl, vera e propria mammasantissima per quanto riguarda la pubblicità, superava tale cifra. Perfino in sede di sceneggiatura i ragazzi erano coesi visto che in teoria i personaggi di Chandler e Phoebe dovevano essere “ricorrenti” e non fissi del cast. Ma il fatto che tra gli attori ci fu subito chimica, fece sì che i produttori includessero nel cast fisso tutti e sei i ragazzi. Ma qui si arriva al primo segno di gelosia: Matt LeBlanc. A sipario tirato, o meglio, a sit-com chiusa si è sempre lamentato del trattamento che venne riservato al “suo” Joey.

Per LeBlanc il suo è l’unico personaggio che non ha un vero e proprio arco narrativo completo in dieci anni. Mentre il resto del cast si innamora, figlia, divorzia, cambia lavoro… Il suo Joey ha qualche flirt (tra cui la top model Elle Macpherson, Brooke Shields e l’ex fidanzata di Cassidy Dina Meyer), si innamora, ma non conclude e alla fine rimane solo e sempre attore mezzo fallito come era all’inizio della serie. Le voci di corridoio dicono che si lamentò in privato dai produttori che il personaggio Joey, mentre dai sondaggi era sempre uno, se non il più amato dal pubblico, non ha ricevuto un trattamento adeguato in fase di scrittura. La produzione alla fine capì che qualcosa non andava e provò a rilanciarlo nello spin-off Joey che però chiuse i battenti dopo due stagioni così così. LeBlanc fu, forse, l’attore che sembrava più in rampa di lancio (i due Charlie’s Angels, Lost in Space…) ma alla fin fine fu quello che capitalizzò meno di tutti gli altri. Lavorò poco o nulla fino al 2016 quando la BBC lo chiama a mettere una pezza ai tre transfughi di Top Gear.

Il secondo motivo di gelosia avvenne per una copertina di “Rolling Stones”. Questa:

La nota rivista il 7 marzo 1996 (durante la messa in onda USA della seconda stagione) mise Jennifer Aniston e il suo bellissimo lato B in copertina. Si narra che il fotografo disse alla Aniston di non preoccuparsi che in copertina sarebbe andato solo il suo bel faccino con il suo leggendario taglio di capelli (che all’epoca fu copiato da mezze ragazze dell’emisfero occidentale!) mentre all’interno della rivista si sarebbero potute ammirare le foto più hot della ragazza. Alla fine l’editore rimase incantato dalla foto qua sopra e la mise in prima pagina, pare all’insaputa della ragazza. Magazine ovviamente andato a  ruba (e stando al sondaggio del 2015 è la seconda copertina preferita alla categoria “nudo” di “Rolling Stones”. Al primo posto questa qui. Per il mio modesto parere ci sta). Appena arrivata agli studios per registrare Friends i ragazzi del cast le mostrarono la rivista e Jennifer Aniston cascò dal pero. Ma ormai il “danno” fu fatto e per un periodo la ragazza andò in competizione con l’amicona Courtney Cox che divenne gelosa del successo della collega balzata all’improvviso in vetta a tutte le classifiche di gradimento prettamente maschili. Ma il tutto durò poco visto che alla fine le due tornarono amiche del cuore tanto che la Aniston fece da madrina di battesimo a Coco, la figlia della Cox e di David Arquette. Sì, però intanto la Aniston si accalappiò il meglio su piazza. Prima Brad Pitt nella vita reale e poi Bruce Willis nel telefilm.

Bruce Willis?!?! Eh sì, proprio lui. Il grande Bruce ritornò alle sit-com dopo dieci anni dalla chiusura di “Moonlight”, la serie che lo fece conoscere al grande pubblico. Ma come ci è finito un attore di quel calibro a fare il fidanzato di Rachel Green? Il buon Bruce perse una scommessa con Matthew Perry (Chandler). Nel 2000 girarono FBI. Protezione Testimoni (The Whole Nine Yards), una commediola assolutamente dimenticabile e se non fosse per il topless di Amanda Peet manco mi ricordavo di averla visto… (Lucius, ségnati il titolo per il venerdì Zinnefilo [Grazie della dritta, ma è un film troppo abonimevolmente brutto per rivederlo! Nota etrusca]). All’uscita nelle sale scommisero sugli incassi della pellicola nel primo weekend. Vinse Perry e Bruce Willis dovette apparire nello show a costo zero. Non male visto che per la sua apparizione Willis si portò a casa un Emmy… La Aniston terminato di interpretare Rachel ha continuato a macinare successi commerciali e flirt famosi e tutt’ora lavora a tutto spiano. A cinquanta primavere appena compiute rimane un sogno di donna e può permettersi scene hot come in Come ammazzare il capo (Horrible Bosses, dove interpreta una dentista ninfomane) o lo strip in Come ti spaccio la famiglia (We’re the Millers). Allego video esplicativo:

L’ultimo “litigio” tra i ragazzi avvenne nel 1998 (quarta stagione) quando Lisa Kudrow ricevette diversi premi individuali per la sua interpretazione di Phoebe.

La svampita cantante, massaggiatrice new-age, vegetariana Phoebe autrice della hit “Gatto rognoso” (Smelly Cat in originale) fu letteralmente grandiosa. Il suo personaggio (e pure la vera Kudrow) rimase incinta di… Suo fratello! (Giovanni Ribisi). Infatti Phoebe prestò l’utero alla moglie di suo fratello che non poteva avere figli vista l’età avanzata. Ne nascono tre gemelli. Vabbè, ma la Kudrow? Lisa lavorò fino all’ultimo giorno utile e per questo si beccò diversi premi (Emmy e candidatura al Golden Globe) tradendo un patto fatto tra i membri del cast: nessuno avrebbe accettato premi individuali. Solo gioco di squadra e premi alla serie e non all’interprete. La Kudrow non seppe resistere all’onda di popolarità che la investì e decise di fare di testa propria portandosi a casa i riconoscimenti. Da qua i rapporti con gli altri rimasero cordiali e amichevoli ma non più affiatati come prima visto che la Kudrow venne pian piano isolata dal resto del cast e le trame che la riguardavano divennero sempre più “solitarie” e meno corali. Alla fine della sit-com, dopo diversi flirt (i conteggi ufficiali indicano Phoebe come la più promiscua e libertina dei sei) con Charlie Sheen, Hank Azaria, Sean Penn, Alec Baldwin (per la gioia di Lucius! [Io però seguo le carriere degli “altri” Baldwin! Nota etrusca]), accetta la proposta di matrimonio di Ant-Man, pardon Paul Rudd. Terminata la serie Lisa Kudrow lavorò abbastanza ma man mano che il tempo passò si ritrovò a non aver copioni decenti in mano e praticamente ora vive di comparsate. Celebre una del 2015 dove assieme alla super-star Taylor Swift si mette a cantare “Smelly Cat” ad un concerto!

Arriviamo ai fratelli Geller: Ross e Monica. Il primo è un po’ sparito dai radar al termine del telefilm. David Schwimmer sulla carta e nelle intenzioni iniziali dei produttori avrebbe dovuto essere il protagonista unico del telefilm. Attorno al personaggio di Ross si sarebbero dovuto intrecciare le vicende degli amici tenendo però Ross Geller al centro di tutto. Alla fine, per fortuna, le cose andarono diversamente anche perché Ross, mi è sempre stato sulle palle. Ma come? Hai Jennifer Aniston per le mani e la tradisci come uno scemo con una sgallettata che fa fotocopie? O ti sposi con una ricca inglese e sbagli nome chiamandola Rachel sull’altare? Da prenderti a cinquine forti in faccia! Vabbè, lasciamo perdere…

David Schwimmer si è limitato a qualche filmetto e qualche serie senza strafare. Ha provato a trovare la sua strada come doppiatore (la giraffa Melman nel cartoon Madagascar) e come regista (anche in Friends). Poca roba in confronto agli altri. È tornato recentemente alla ribalta quando con la moglie (una fotografa inglese) ha deciso di dare vita ad una battaglia contro lo stupro. Ha quindi “regalato” la propria immagine alla moglie che ha dato vita a dei cartelloni per sensibilizzare le persone.

Monica invece è sempre stata il mio “occhio dritto”. All’epoca Courtney Cox mi faceva impazzire. Mora, occhi azzurri, longilinea ma formosa, cuoca e amante caliente. Un po’ pazza certo, ma per una ragazza come lei da giovane avrei fatto di tutto.

La Cox si presentò ai provini per avere il ruolo di Rachel ma la grinta che mise all’audizione convinse i produttori ad assegnarle il ruolo di Monica Geller. E le portò fortuna visto che per dieci stagioni fu uno dei personaggi più amati dal pubblico televisivo in generale che la premiarono anche in seguito quando interpretò la milfona Jules in “Cougar Town” che ebbe un discreto successo (non cito nemmeno Scream visto che l’hanno visto anche i sassi…). In Friends alla fine si accasa con Chandler ma rimangono famosi i suoi flirt con Tom Selleck, Jon Favreau e, udite udite: Jean-Claude Van Damme!

I due si conoscono sul set di un film dove la scimmia di Ross (Marcel) lavora fianco a fianco con “The Mussels From Brussels” e per un paio di episodi ce n’è. Van Damme sempre più idolo! Ora, purtroppo, la Cox si è massacrata di chirurgia plastica e mi rifiuto di pubblicare una sua foto attuale…

Chiudo con il mio preferito dei sei: Chandler Bing. Ex promessa giovanile del tennis statunitense, Matthew Perry si sfasciò un ginocchio e si buttò nella recitazione.

Il suo personaggio doveva essere quello del gay del gruppo, che usa l’ironia come forma di auto-difesa (tipo Jack in “Will & Grace”). Ma diversi test non diedero il risultato sperato e la produzione virò sull’eterosessuale mantenendo l’ambiguità sessuale di Chandler solo come gag ricorrente. Fumatore accanito (cosa che poi viene man mano ridimensionata nel corso delle stagioni), cinico, sfigato con le ragazze e con la battuta sempre pronta, il personaggio di Perry è quello che mi è rimasto più nel cuore anche perché alla fine riesce ad accasarsi con Monica, quindi ha tutto il mio rispetto. Al di fuori di Friends, Perry ha lavorato abbastanza, sia al cinema che in TV, sia in ruoli drammatici (tipo in “West Wing”) che in produzioni più leggere (“Ally McBeal” e “Scrubs”) mostrando più di tutti gli altri una discreta flessibilità. Oltre a fumare come un turco, Perry è stato dipendente dai farmaci (Vicodin su tutti), cannabis e alcol tanto che ha ammesso in una recente intervista come non si ricorda per niente tre anni interi della sua vita. Non male direi! Come Bob Dylan. Però devo tanto di cappello a Perry perché mentre tutti sono in vena di reunion o aggiornamenti, sempre nell’intervista di cui sopra (a “Vanity Fair” dello scorso giugno), il buon Chandler ha dichiarato che non vuole alcuna reunion o fare un “Friends vent’anni dopo” o qualcosa di simile. Essendo stati per tutti loro i migliori dieci anni di carriera, perché correre il rischio di gettare tutto via? «E se ci riunissimo e non fregasse niente a nessuno?» ha dichiarato ad un sorpresissimo intervistatore. Come dargli torto?

Zio Portillo

P.S.
Ringrazio Zio Portillo per questo articolo!
L.

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

47 risposte a Zio Portillo contro Friends (guest post)

  1. Zio Portillo ha detto:

    Grazie a te per lo spazio che mi concedi!

    Ah, mi sono dimenticato una nota Zinnefila riguardo Courtney Cox. In un episodio (“Soccorso Stradale” – 3×17) i ragazzi sono bloccati fuori da una macchina e hanno bisogno di un ferretto di reggiseno per forzare la portiera. Viene scelto quello di Monica perché, dice Phoebe, “Ha le tette più grandi!”. Alè!

    P.S.: sono tre giorni che uso la copertina di Rolling Stone con la Dawson e la McGowan come sfondo del cellulare…

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Per dimostrarti quanto siamo zinefilamente connessi, agli inizi del Duemila feci anch’io una ricerca sui destini degli attori di Friends, trovando solo desolazione e disperazione. Oggi è cambiato ben poco. Solo negli ultimissimi anni sono un po’ riapparsi, all’epoca c’era Ross che faceva il prete con Woody Allen e Joey che giocava a baseball con una scimmia 😀

      Mi piace

  2. benez256 ha detto:

    Complimenti per il post Zio! Friends è stata la serie che più mi è rimasta nel cuore assieme a Scrubs. Roba che l’ultimo episodio ho pianto come un salice (ed anche ora ogni volta che lo rivedo piango). Il bello della serie è che anche alla decima stagione era nuova e fresca, cosa ormai impossibile da trovare in una sit-com che di norma dopo 3-4 anni diventa stantia e inguardabile.

    Piace a 1 persona

    • Zio Portillo ha detto:

      Grazie a te!
      Eh si, il bello di FRIENDS è che pure alla decima annata la maggior parte degli episodi erano divertenti e originali. Ovviamente alcune gag nel corso delle stagioni sono diventate ripetitive o stantie (penso ad esempio al lungo tentativo di concepimento tra Monica e Chandler dove copulavano di continuo), ma nulla di paragonabile alle serie odierne che svaccano in tempo zero.
      Sai che invece SCRUBS non mi ha mai “preso”?

      Piace a 2 people

      • benez256 ha detto:

        Scrubs per me è stato più di un telefilm perchè si è legato a doppio filo alla mia prima storia seria, dall’inizio alla fine e ogni episodio sembrava che raccontasse quello che mi succedeva. E’ una roba di cuore 🙂

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Concordo pienamente, c’è stato un periodo in cui sono impazzito letteramente per la serie e tutta l’ultima puntata ho avuto un magone in gola che levati proprio. Finale perfetto, saluti e baci… Poi ricomincia con un altro cast? Ma siete pazzi? Ha meritato tutto il disprezzo possibile, quel tentativo di rilancio: come diavolo gli è venuto in mente????

        Mi piace

      • Conte Gracula ha detto:

        Scrubs ha forse avuto qualche stagione di troppo, ma cavoli, che risate! E l’ultima puntata era proprio bella, col protagonista che cammina circondato da tutti quelli che ha conosciuto in ospedale… bella!

        Piace a 1 persona

  3. Austin Dove ha detto:

    molto bello come articolo, guardo le repliche ogni volta che posso^^
    non mi ero mai accorto che lisa fosse stata isolata dal resto del cast anche perke alla fine se è meno corale però c’è più importanza nel personaggio, no? poi mi sono accorto che è sparita…
    poi, beh, tutti i miei amici dicono che la aniston è la migliore, lo sfogo di gelosia della cox è stupido

    tutti vivvranno di rendita se solo lo vogliono, se lavorano o no, che differenza fa ora? perry ha ragione per il remake!

    Piace a 1 persona

    • Zio Portillo ha detto:

      Grazie!
      Se fai caso, le scene che riguardano Phoebe sono sempre più “slegate” rispetto al resto del cast. Inizialmente è come gli altri e le sue trame coinvolgono anche altri personaggi (lei che lavoro al catering con Monica, fa la stagista da Chandler, va al corso di lettura con Rachel,…). Poi pian piano diventa un personaggio “unico” e mentre gli altri 5 interagiscono più o meno continuamente tra loro, la Kudrow ha sempre storie autonome.

      Piace a 2 people

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Ricordo le puntate dove arrivava la “sorella cattiva”, che trovavo un espediente un po’ al di sotto della qualità media della serie.

        Mi piace

      • Zio Portillo ha detto:

        La sorella cattiva Ursula è un crossover con “Innamorati Pazzi”, la serie tv con Paul Reiser e Helen Hunt. La Kudrow lavorava anche a quella serie interpretando la cameriera Ursula. Inizialmente si voleva solo fare un “inside joke” facendo fare un cameo alla Hunt che arrivando al Central Perk vede Phoebe e la scambia con Ursula. Trenta secondi e chiuso il discorso. Invece gli autori hanno deciso di sfruttare questa cosa usando anche in FRIENDS il personaggio di Ursula, sia per dare un nuovo sbocco al personaggio (che avrà una storia con Joey e con Sean Penn, oltre a fare un film porno che mette nei guai Phoebe…), sia per perculare le soap opera che usano espedienti simili. Infatti il trucco del gemello malvagio era già stato usato in precedenza nella serie con Joey che finge di essere il gemello malvagio del Dottor Drake Remoray (il suo personaggio nella soap opera in cui lavora) per allontanare la fan pazza Brooke Shields. Doppio “Inside joke” con un singolo personaggio.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Adoravo “Innamorati pazzi”, ma mi sa che non sono arrivato alla parte di Ursula. Anche lì ci fu un delizioso inside joke: al protagonista Paul Reiser chiedono se abbia visto al cinema “Aliens” e lui dice di no, preferisce il primo. (Cito a memoria, ma il succo era questo.)
        In una sit-com recente – di cui ora mi sfugge il titolo – si giocano l’espediente del gemello in modo delizioso. La protagonista è convinta che il fidanzato usi l’espediente del gemello per scaricarla, e si lamenta perché si limita a mettersi degli occhiali per interpretare il fratello: possibile sia un uomo così pigro? Invece esce fuori che sono gemelli sul serio 😀

        Mi piace

      • Austin Dove ha detto:

        ma si era proprio rotto il legame di amicizia?

        Piace a 1 persona

      • Zio Portillo ha detto:
      • Zio Portillo ha detto:

        @Austin: rotta l’amicizia no, perché gli attori sono ancora tutti legati tra loro. Però da quanto so ci fu delusione quando la Kudrow andò a ritirare il premio individuale. Da quel momento i rapporti, sempre cordiali, furono leggermente più freddi e probabilmente a livello di scrittura delle sceneggiature ci si accorse di questo e il personaggio di Phoebe fu reso più autonomo rispetto agli altri proprio perché “la chimica” tra gli attori era andata calando.

        Piace a 1 persona

  4. Conte Gracula ha detto:

    Serie strepitosa, mi ha regalato grandi risate per anni!
    Son contento di sapere che gli scazzi tra gli interpreti sono stati modesti.

    PS: ma la Cox che ha recitato in He-Man? Vogliamo parlarne? XD

    Piace a 1 persona

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    Bella la serie e bello il post! Soprattutto la chicca su Willis e la replica e controreplica sullo zinnefilo 🙂 🙂 🙂 …non litigate per due paia di zinne! 🙂

    Piace a 1 persona

  6. Pietro Sabatelli ha detto:

    Bellissimo articolo, anche perché è una delle mie serie preferite in assoluto, tanto che anche adesso quando capita una replica la vedo 😉

    Piace a 1 persona

  7. Conte Gracula ha detto:

    Ora dobbiamo aspettarci una puntata su, non so, Will & Grace?

    Piace a 1 persona

    • Zio Portillo ha detto:

      “Will e Grace” lo guardava sempre mia madre, mi faceva ridere ma non l’ho mai seguito assiduamente. Ho preparato qualcosa di più nostrano per la prossima volta.

      Piace a 2 people

      • Conte Gracula ha detto:

        A volte lo ridanno su Paramount Channel… a ogni modo, attenderò il prossimo match 😀

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Will & Grace l’ho visto tutto diverse volte, e ovviamente il finale è stato splendido e struggente. Non c’era possibilità di riaprire il discorso ma le star non hanno trovato lavoro e quindi questo mese è arrivata anche in Italia la inutile stagione 9, dove sono tutti vecchi a fare i ruoli di quand’erano giovani. Robaccia tipo X-Files 11 o Twin Peaks 25, fan service che a me mette tanta tristezza.
        W&G, come vuole una regola non scritta della TV, nel momento di crisi ha chiamato le star del cinema in aiuto. Mi pare fosse la stagione 5 in cui ogni episodio ha una star co-protagonista: Michael Douglas detective gay, Demi Moore baby sitter maniaca, Madonna schizzata, ma soprattutto Kevin Bacon nel ruolo di Kevin Bacon, in uno degli episodi migliori della serie. Senza dimenticare la stagione in cui Grace si fidanza con Woody Harrelson 😉

        Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        È una serie che adoro. Le puntate nuove le ho viste, trovo anche io che ci fosse qualcosa di sbagliato, però erano divertenti.
        A ogni modo, l’attore di Will ha fatto un telefilm poliziesco di recente – credo almeno due stagioni, mi pare si intitolasse Perception. Un po’ sulla falsariga di Doctor House, come personaggio, dopendenze e allucinazioni incluse.

        Piace a 1 persona

  8. Cassidy ha detto:

    Eh ma che noia, non succede niente, questi “Amici” sono troppo… Amici 😉 Come tutti guardavo “Friends” ma su di me aveva lo stesso effetto della Aniston, carina, fatta bene, ma non mi dice granché. Ross era odioso, ma nemmeno Chandler mi era particolarmente simpatico, Joey me lo ricordo per “Lost in space”, mentre Phoebe per quell’episodio in cui inventava il tiro da 33 punti giocando a basket con un fidanzato 😉 La mia preferita era Monica, peccato che la Cox si sia trasfigurata con la chirurgia, in quel telefilm dove fa la panterona quasi non sembrava più lei. Cheers!

    Piace a 1 persona

    • Zio Portillo ha detto:

      Eh si, in questo caso “nomen omen”. Nessuno scandalo come nelle serie precedenti ma solo tanta, noiosa, amicizia.
      Comunque noto un leggero astio nel tuo commento. Che sia perché Joey si è portato a letto la tua Dina Meyer? 😜

      Piace a 1 persona

      • Cassidy ha detto:

        No Zio nessuno astio, solo non mi ha mai esaltato come a gran parte del pubblico, era una serie che quando beccato in tv guardavo, anche di gusto, ma se mi perdevo qualche episodio non era un dramma. Comunque ci tengo a sottolineare che io e Dina siano ancora in buoni rapporti (seeee! Magari, ma magari!) 😛 Cheers

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Ricordo che la prima o forse la seconda stagione di Friends, nella metà dei Novanta, era trasmessa dalla RAI con tipo un’ora di spot pubblicitari: era sfiancante vederla! Alla fine mollai e ho recuperato molti anni dopo 😛

        Mi piace

    • Lucius Etruscus ha detto:

      La Cox l’ho apprezzata tantissimo nella serie “Dirt”, dove fa la direttrice di un perfido giornale scandalistico hollywoodiano. Serie nerissima, scritta benissimo, con lei bellissima e cattivissima! Fa pure una comparsata la Aniston nella parte di una rivale odiosa: si sorridono ma si vorrebbero uccidere. Almeno nella serie 😛
      “Cougar Town” non l’ho mai sopportata già dalle prime puntate, cioè da quando viene subito tradito il concept e la protagonista fa tutto tranne che la panterona…

      Mi piace

      • Cassidy ha detto:

        Ho sempre sentito parlare bene di “Dirt” ma non ho mai avuto occasione di vederla, su “Cougar Town” la penso allo stesso modo, tutto fumo e poco arrosto 😉 Cheers

        Piace a 1 persona

      • Zio Portillo ha detto:

        “Dirt” credo di aver visto si e no due episodi. Di “Cougar Town” forse uno. Quest’ultimo però ha avuto un buon successo sia di critica che di pubblico e per questo c’è da fare solo i complimenti alla produzione che ci ha visto lungo anticipando la moda delle milf, dei toy-boy e delle ultra quarantenni come oggetto del desiderio (do you know Lisa Ann?)

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Peccato non mostri né milf né toyboy, citandoli solo nella prima puntata: poi diventa una classica sit-com familiare dove si segue la più bieca morale bacchettona, alla faccia della serie “moderna” 😛
        Dirt invece è un noir crudele e spietato, con soprattutto un’ottima sceneggiatura e splendidi personaggi: tutto rovinato in una seconda stagione fallimentare…

        Mi piace

      • Cassidy ha detto:

        Si, ma dopo la chirurgia la Cox sembrava un’altra persona, alla faccia della ragazzina che ballava con Springsteen nel video di “Dancing in the dark”. Si però “Cougar Town” con Lisa Ann avrebbe avuto molto più successo, così, a stima 😛 Cheers

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Difficilemente si incontrano in giro “mamme” come Lisa Ann, quindi non mi viene proprio da chiamarla milf 😀

        Mi piace

      • Zio Portillo ha detto:

        @Lucius: Dai?!?? Allora mi sa che ho visto solo la puntata in cui la Cox esce con un 18enne o qualcosa del genere. Che male che mi hai lasciato… Eppure mentre mi documentavo sulla Cox questo “Cougar Town” veniva sempre fuori e tutte le pagine consultate lo elogiavano, esaltando il successo e l’audience ottenuta. Pensa te…
        Però mi hai incuriosito da matti con “Dirt”. Vedo se riesco a recuperarlo.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Cougar Town è stato pompato dalla casa e viene citato in altri telefilm, ma è una normalissima sit-com stupida: il 18enne che la Cox rimorchia alla prima puntata diventa subito figlioccio e fa parte della famiglia di scemi che fa cose sceme ad ogni puntata, perché viene mostrato come sia immorale che una 40enne sia una milf: cioè l’esatto opposto del concept!
        Hai mai visto “A casa di Fran”? La famosa Tata interpreta una 40enne che vive felicemente con un 20enne che la ama: dopo una divertente stagione hanno segato via la serie. Le sit-com sono per la famiglia tradizionale bacchettona 😛

        Mi piace

      • Conte Gracula ha detto:

        A casa di Fran me la ricordo, lì la milfona Fran stava con un biondone atletico che aveva l’età del figlio XD era molto graziosa.
        Bellissima la puntata (l’ultima?) in cui lei molla il ragazzotto perché, dovendo subire un’isterectomia, si rende conto di essere molto più grande e non potergli dare figli… e lui piange mentre guarda La tata perché la voce di Fran gli ricorda quella del milfone XD

        Piace a 1 persona

      • Zio Portillo ha detto:

        @Cassidy: nel video col Boss aveva 20 anni… 😅

        Piace a 1 persona

      • Cassidy ha detto:

        Con una mamma così sarei sempre stato a casa a fare i compiti 😛 Pure io ora voglio vedermi “Dirt” mi metto alla ricerca. Cheers!

        Piace a 1 persona

      • Cassidy ha detto:

        @Zio, beh si certo però la prima volta che ho visto “Friends” ho pensato, toh la ragazzina del video di Bruce. La prima volta che ho visto “Cougar Town” ho pensato: “Monica.. ?!”, tutto lì 😉 Cheers

        Piace a 1 persona

  9. Giuseppe ha detto:

    Do’ manforte a Cassidy, perché Friends non ha mai fatto particolarmente impazzire nemmeno me: ben fatta, certo, gradevole (anche)nma la cosa finiva lì. Will & Grace, invece, l’ho sempre amata parecchio… 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.